evento

Sulla Strada Per Kobane

21 febbraio 2020
ore 18:00 (Durata: 2 ore)

Documentario, dibattito e concerto di Ashti Abdo

Il C.I.Q. vi invita a una serata dedicata all' informazione e solidarietà alla questione curda, con la partecipazione dell'associazione MezzaLuna Kurdistan.

Il programma:

- ore 18: PROIEZIONE STRAORDINARIA del documentario "Sulla strada per Kobane"
Con la partecipazione dell'associazione MezzaLuna Kurdistan e della giornalista RAI Stefania BATTISTINI.
Ingresso a offerta libera, interamente devoluta alla causa

- Cena a buffet a 10 euro

- Concerto di ASHTI ABDO, con la partecipazione dei musicisti Gabriele Montanari e Shiva Rahmani, e della danzatrice Laura Zahira. Ingresso a 5 euro

Documentario (60min):
Il regista e film-maker Enrico Del Gamba, tornato in Italia profondamente cambiato, racconta la storia di questo viaggio attraverso il suo obbiettivo fotografico. Voci, rumori, odori, sguardi, canti, cieli tersi o oscurati dalla polvere, vite che neanche immaginiamo possano essere vissute.
“Sulla strada per Kobane” racconta la diaspora del popolo curdo durante i primi anni della guerra civile siriana intrecciando la sua storia con l’incontro fortuito tra due giovani, Enrico e Sabah. Lui è un giovane film-maker, partito per la Turchia con una missione umanitaria, lei una ragazza curdo-siriana che vive clandestinamente in un garage nella piccola città turca di Suruc insieme al padre ed alle sorelle. Dopo essersi incontrati per caso, Sabah racconta ad Enrico di come la sua famiglia, fuggita da Kobane durante l’invasione dell’ISIS abbia perso i contatti col fratello rimasto là con l’intenzione di difendere la città e con la speranza di poterla un giorno ricostruire.
L'incontro con la ragazza e la sua storia sarà il punto di partenza per un'esperienza incredibile. Insieme a Giacomo – fotoreporter e compagno di viaggio - il ragazzi attraverseranno il confine Siriano verso Kobane, alla ricerca del fratello di Sabah.


Vi presentiamo l'ideatore e regista: Enrico Del Gamba.

Enrico Del Gamba, classe 1988, nasce a Livorno. Fotografo autodidatta, dopo aver passato un periodo di vita viaggiando tra l’Europa e l’Australia si iscrive nel 2014 all’Accademia del Cinema di Bologna e comincia a lavorare come Videomaker per diverse aziende. Inseguito compie diversi reportage e lavora come cameraman freelance per documentari quali Lindsay Kemp’s Last Dance (regia di Nendie Pinto Dukcunsky), Mega-Naufragi (Discovery Channel), The Shadows of Vulcanoes (Milstrem Films). Nel 2017 segue un corso di specializzazione in Alta Formazione in Cinema e Documentario sperimentale presso il Distretto del Cinema di Parma.

Biografie:

ASHTI ABDO:

Cantante, musicista e compositore curdo, è nato ad Aleppo e cresciuto ad Afrin. La musica diventa la sua passione travolgente molto presto: trascorre l’infanzia tra le colline del suo villaggio, ascoltando le storie e le canzoni degli anziani, circondato dai suoni della natura. Da bambino impara a cantare ninne nanne a sua sorella e a suonare il tipico strumento curdo, il tembûr (saz), con suo fratello. Trasferitosi in Italia dopo l’adolescenza, continua a suonare il tembûr da autodidatta, iniziando a esibirsi come artista solista. Nel 2012 si unisce ai Domo Emigrantes, portando nella band suoni e trame tipiche del Medio Oriente. L’incontro con il gruppo lo porterà a sua volta a conoscere e fare suoi strumenti e ritmi tipici del Sud Italia.Dal 2014 suona il saz, il mandolino e le percussioni nell’ensemble Piccola Ban- da Rebelde canta De André. Nel 2015 collabora anche con Angelo Petraglia e Francesco Forzani, (musicisti di Lodi,) creando Beja: la musica, il racconto, la guerra, un progetto di improvvisazione
musicale basato su una traduzione personale dell’esperienza bellica. Nel 2016 dall’incontro con Manuel Buda alla chitarra classica e con Fabio Marconi al violhao de choro a 7 corde, nasce un eccentrico trio di strumenti a corda (a cui si aggiungono all’occorrenza percussioni, voci e fiati come clarinetto e duduk) in cui ognuno porta le melodie che ha incontato nel suo cammino personale di vita, di ricerca e di esperienza e che confluiscono in un vero e proprio viaggio musicale che da Vienna arriva fino al Mar Caspio, tra danze greche, melodie klezmer e canti della tradizione curda. Nel 2018 vince il premio DoReMiFaSud, concorso che promuove l’integrazione e il dialogo fra culture musicale differenti.

GABRIELE MONTANARI:
Classe 1993 inizia giovane lo studio del violoncello a Pavia, conseguendo il diploma nel 2014 presso l’Istituto Musicale “F. Vittadini”. Collabora fin da subito con orchestre e gruppi musicali, appassionandosi a vari generi (classica, indi, rock, folk, reggae, pop, d’autore) ed intraprendendo un percorso artistico con numerose band e formazioni con le quali calca numerosi palchi in giro per l’Italia e l’Europa. Ha registrato nel 2019 il “Disco che non c’è” con Spigoli Trio, formazione new age d’autore.
Suona anche il basso, il pianoforte ed è stregato dal fascino degli strumenti etnici.

SHIVA RAHMANI:
è nata il 22 gennaio 1993. È una giocatrice di Daf persiana. Shiva ha iniziato a studiare Daf quando aveva 14 anni con maestri come: Nabil Yousef sharidavi, Sara Fotros, Sina dehghani e Mohsen taherzadeh.
È venuta a Milano per continuare la sua formazione in master in urbanistica e durante questi anni continua le sue attività artistiche.

LAURA ZAHIRA:
danzatrice, coreografa e insegnante di Danze Orientali e Fusion.
Nasce a Milano con la passione per l’arte e per la danza. Frequenta fin da bambina corsi di modern jazz, per poi approdare alla danza contemporanea. L’incontro con le Danze del Medio Oriente avviene nel 2004 avvicinandosi dapprima alla forma classica, la “Danza Orientale” (dall’arabo “Raqs Sharqi”), e ampliando successivamente i suoi studi ai molti stili popolari e folckloristici, e alla cultura musicale araba. Da queste basi si è sviluppato il suo interesse per le contaminazioni e per le fusioni contemporanee, spinta dalla ricerca di uno stile personale e libero, un cammino aperto e di dialogo tra Oriente e Occidente.

Per maggiori informazioni: evento su Facebook
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)