Citizen science

Cittadini e informazione scientifica, una nuova frontiera

Cosa è la Citizen Science

Grazie agli open data e con l'accesso online ai dati scientifici, i cittadini possono disporre di dati su cui compiere indagini ed anche elaborazioni proprie. La citizen science è una declinazione della cittadinanza attiva e si collega strettamente alla cittadinanza digitale.
Alessandro Marescotti e Daniele Marescotti

Citizen science

Il termine citizen science (letteralmente, scienza dei cittadini in inglese) indica quel complesso di attività, o progetti di ricerca scientifica, condotti, in tutto o in parte, da scienziati dilettanti o non professionisti.

Questa è sostanzialmente la definizione che leggiamo su Wikipedia, ma è bene specificare che questa terminologia è entrata dentro il vocabolario delle istituzioni europee (molto meno in quelle italiane).

Formalmente, la citizen science è stata definita come "sistematica raccolta e analisi di dati; sviluppo di tecnologia; verifica di fenomeni naturali; e la distribuzione di queste attività da parte dei ricercatori su una base costituita principalmente da non professionisti". (1)

Per saperne di più sulla citizen science clicca qui.

La citizen science, si legge sul sito della Commissione Europea, è "resa possibile da un maggiore accesso alle informazioni" ed è legata agli open data, ossia alla "possibilità di utilizzare dati di ricerca aperti o di scaricare articoli di riviste ad accesso aperto".

La citizen science è una declinazione della cittadinanza attiva e si collega strettamente alla cittadinanza digitale, fornendo alla didattica scolastica una nuova frontiera verso cui dirigersi.

Note: (1) http://www.openscientist.org/2011/09/finalizing-definition-of-citizen.html

Allegati

  • Che cos'è la Citizen Science?


    Fonte: http://www.areaparchi.it/pdf/La.Citizen.Science.pdf
    199 Kb - Formato pdf
    Una breve scheda sulla citizen science. Quattro risposte a quattro domande

Articoli correlati

  • Scuola. Il viaggio senza fine
    Pace
    Esperienze di educazione alla pace

    Scuola. Il viaggio senza fine

    A scuola è necessario imparare a riconoscere e gestire anche la parte emotiva dell’apprendimento: stati d'animo, insicurezza, esigenza di supporto da parte dell'adulto, sofferenza psichica, disagio emotivo.
    9 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Introduzione dell'insegnamento scolastico dell'educazione civica
    Cittadinanza
    LEGGE 20 agosto 2019, n. 92

    Introduzione dell'insegnamento scolastico dell'educazione civica

    Entrata in vigore del provvedimento: 05/09/2019
    26 agosto 2019
  • Educazione e Ambiente 
    Ecologia
    Esperienze didattiche

    Educazione e Ambiente 

    L'amore e l'interesse per la natura sono stati la forza motrice del progetto "Educazione e ambiente", un viaggio nel quale i miei colleghi e io ci siamo confrontati all’unisono. È servito a stimolare numerose discussioni pedagogiche e ha incoraggiato l’applicazione di diverse teorie educative.
    7 dicembre 2020 - Laura Tussi
  • Didattica a distanza: l’altro e l’altrove
    CyberCultura
    Didattica a distanza per educare alla cittadinanza

    Didattica a distanza: l’altro e l’altrove

    La scuola non può essere più rappresentata unicamente come uno spazio meramente fisico: la didattica a distanza pone in contatto con l'altro e l'altrove. La partecipazione a comunità virtuali di scuole genera motivazione tra gli studenti e nuove metodologie derivanti dall’apprendimento cooperativo.
    25 novembre 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)