Conflitti

Vittime del conflitto in Iraq: aumentano i civili uccisi dopo le elezioni

21 marzo 2005


iraqbodycount Nel secondo anniversario dell'invasione, la stampa riporta che sono circa 20,000 le morti civili e la cifra è destinata ad aumentare.

I dati diffusi dal sito www.iraqbodycourt.net dimostrano che nel 2005 il tasso mensile continua a salire e che gli incidenti che coinvolgono civili e prigionieri nei primi tre mesi di quest'anno sono raddoppiati rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Aprile e Novembre 2004 hanno fatto registrare il più alto numero di vittime civili dalla fine del "periodo dell'invasione" ed a seguito dei due attacchi USA a Falluja. Colpisce maggiormente che i morti sono aumentati dopo le elezioni del 31 gennaio. A febbraio le vittime civili sono state 606, contro le 447 di gennaio. Queste cifre smentiscono le previsioni secondo le quali le elezioni avrebbero fatto diminuire i disordini.

Iraq Body Court pubblica le cifre mese per mese, a partire da marzo 2003. Il portavoce di Iraq Body Court John Sloboda dichiara "Queste cifre allarmanti parlano da sole. Gli iracheni soffrono sempre più a causa delle politiche dei governi che ancora rifiutano di verificare o accettare le responsabilità
delle perdite a causa dalle loro azioni.

In assenza di stime ufficiali, i nostri investigatori hanno avviato una profonda analisi dei fatti raccontati dalla stampa, tirando fuori le informazioni più specifiche sia sulle vittime che sugli esecutori, per raccogliere il massimo dei dettagli sulla natura, la causa e la dislocazione delle vittime civili nei primi due anni di conflitto. I dati di oggi sono i primi frutti di questo lavoro. I risultati finali verranno resi pubblici a Luglio, mese d'inizio della presidenza britannica dell'Unione Europea, ed al G8".

Note: traduzione di Noemi di Leonardo per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte, l'autore e il traduttore / la traduttrice

Articoli correlati

  • El Salvador, tra elezioni e crisi economica e istituzionale
    Latina
    Un anno dopo il tentativo (fallito) di golpe, Bukele si prepara a fagocitare il Parlamento

    El Salvador, tra elezioni e crisi economica e istituzionale

    Secondo i principali sondaggi effettuati dopo l'inizio della campagna elettorale, il partito del presidente Nayib Bukele, Nuove Idee (Ni), non solo starebbe per stravincere le elezioni, ma si appresterebbe addirittura a ottenere la maggioranza qualificata dei due terzi (56 seggi).
    23 febbraio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Honduras, uno scenario complicato
    Latina
    Due consultazioni elettorali in nove mesi

    Honduras, uno scenario complicato

    Attualmente l’Honduras si colloca tra i peggiori paesi latinoamericani per disuguaglianza economica, con il 62% della popolazione che vive in condizioni di povertà e quasi il 40% in miseria. L'impatto della pandemia e degli uragani acuirà ulteriormente le disuguaglianze.
    16 febbraio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Mi voti? Ma quanto mi voti?
    CyberCultura
    Kazakistan: le nuove misure di sicurezza online incrementano i timori tra l'opposizione

    Mi voti? Ma quanto mi voti?

    Kazakistan: introdotto un certificato internet che consente allo Stato di monitorare e deviare il traffico della rete, a un mese dalle elezioni. Si ricorda che il Kazakistan è un regime de facto
    15 dicembre 2020 - Mariam Kiparoidze
  • USA e... getta una nuova luce!
    Sociale
    Elezioni oltreoceano

    USA e... getta una nuova luce!

    Non trascurabile, inoltre, il numero di donne elette. Chissà se siamo finalmente in presenza della svolta buona per una politica più giusta per uomini e donne, per le etnie e comunità che rappresentano, per le fedi vive che professano.
    10 novembre 2020 - Virginia Mariani
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)