Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Venezuela: il chavismo è maggioranza nel paese
    Alle regionali del 15 ottobre disfatta dell’opposizione

    Venezuela: il chavismo è maggioranza nel paese

    Alle destre solo cinque stati contro i diciassette bolivariani
    22 ottobre 2017 - David Lifodi
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Che cosa era la guerra?
    A ogni incontro, Gulala riporta una frase esplicativa nella sua semplicità, della poetessa americana Eve Merriam: “Io sogno di dare alla luce un bambino che chieda: Mamma, che cosa era la guerra?”

    Che cosa era la guerra?

    Brevi note dopo la cena-incontro solidale che da Campi Bisenzio ha dato voce a chi dall'Italia lavora per Kurdistan Save the Children. Un progetto che prosegue, un ponte reciproco con la regione tormentata del Nord Iraq.
    6 marzo 2017 - Andrea Misuri

Vittime del conflitto in Iraq: aumentano i civili uccisi dopo le elezioni

21 marzo 2005


iraqbodycount Nel secondo anniversario dell'invasione, la stampa riporta che sono circa 20,000 le morti civili e la cifra è destinata ad aumentare.

I dati diffusi dal sito www.iraqbodycourt.net dimostrano che nel 2005 il tasso mensile continua a salire e che gli incidenti che coinvolgono civili e prigionieri nei primi tre mesi di quest'anno sono raddoppiati rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Aprile e Novembre 2004 hanno fatto registrare il più alto numero di vittime civili dalla fine del "periodo dell'invasione" ed a seguito dei due attacchi USA a Falluja. Colpisce maggiormente che i morti sono aumentati dopo le elezioni del 31 gennaio. A febbraio le vittime civili sono state 606, contro le 447 di gennaio. Queste cifre smentiscono le previsioni secondo le quali le elezioni avrebbero fatto diminuire i disordini.

Iraq Body Court pubblica le cifre mese per mese, a partire da marzo 2003. Il portavoce di Iraq Body Court John Sloboda dichiara "Queste cifre allarmanti parlano da sole. Gli iracheni soffrono sempre più a causa delle politiche dei governi che ancora rifiutano di verificare o accettare le responsabilità
delle perdite a causa dalle loro azioni.

In assenza di stime ufficiali, i nostri investigatori hanno avviato una profonda analisi dei fatti raccontati dalla stampa, tirando fuori le informazioni più specifiche sia sulle vittime che sugli esecutori, per raccogliere il massimo dei dettagli sulla natura, la causa e la dislocazione delle vittime civili nei primi due anni di conflitto. I dati di oggi sono i primi frutti di questo lavoro. I risultati finali verranno resi pubblici a Luglio, mese d'inizio della presidenza britannica dell'Unione Europea, ed al G8".

Note:

traduzione di Noemi di Leonardo per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte, l'autore e il traduttore / la traduttrice

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)