Conflitti

"L'Iraq sta peggio di quando c'era Saddam"

Ad Instanbul, Turchia, si sta tenendo la sessione finale del tribunale mondiale sull'Iraq (World Tribunal on Iraq, WTI). I testimoni hanno dimostrato che gli Stati Uniti sono stati responsabili di molte atrocità.
Fonte: http://www.worldtribunal.org/main/? - 26 giugno 2005

I testimoni delle atrocità che si stanno verificando in Iraq hanno esposto quanto da loro visto prima che la Giuria di Coscienza del tribunale mondiale sull'Iraq si riunisse per il secondo giorno di udienze. La loro esposizione sull'impatto di questa guerra sugli Iracheni ha rivelato un paese che sta affrontando delle condizioni peggiori di quelle che c'erano sotto Saddam Hussein. Nelle parole di Amal Sawadi, un giudice iracheno che lavora per i suoi connazionali indifesi, 'Le atrocità c'erano anche sotto Saddam Hussein, masfortunatamente, ora le cose sono messe molto peggio'.

Ulteriori testimonianze sulle violazioni dei diritti umani che si stanno verificando quotidianamente in Iraq sono state fornite da Hana Ibrahim, scrittrice e giornalista, da Eman Khama, attivista per i diritti umani con sede a Baghdad e da Fadhil Al Bedrani, giornalista testimone dell'ultimo assalto a Fallujah.

Alcuni manifestanti espongono uno striscione contro il presidente degli Stati Uniti George W. Bush: "Presidente Bush: il mondo ti reputa responsabile".

Tra i temi di cui hanno parlato, la detenzione illegale di cittadini, le decine di migliaia di Iracheni scoparsi, le torture ancora in atto nelle prigioni, il rapimento e lo stupro delle donne, la paura costante che ora è parte della vita quotidiana degli Iracheni.

'I cecchini danno la caccia alle persone in mezzo alle strade. Sparano alla gente che cerca di raggiungere i centri sanitari. Ci sono molti bambini menomati. Ci sono migliaia di vedove e di orfani. Non c'è polizia per la sicurezza e non ci sono tribunali. Persino gli ospedali vengono occupati e bombardati e bruciati. A Fallujah e in altri luoghi le truppe americani hanno intenzionalmente ridotto in cenere gli ospedali', afferma Eman Khammas.

17 maggio 2005 - Ad Union Square, WTI, attivisti invitano Bush ad Instanbul

Tim Goodrich, che era impiegato in Arabia Saudita con le truppe statunitensi prima di entrare tra le file dei manifestanti no war, ha fornito al tribunale una descrizione dettagliata delle funzione dell'esercito degli Stati Uniti: 'Per riassumere, nonostante la guerra fosse illegale e fosse basata su delle bugie, ci sono molti altri fattori che hanno contribuito al cattivo comportamento dell'esercito in Iraq. Tra questi poca intelligenza, mancanza di allenamento, lo stress di combattere una guerra di guerriglia, e infine, la mancanza di una missione e di obbiettivi definiti in modo chiaro dopo la caduta di Baghdad. Inoltre la cultura dell'esercito ha già di suo problemi di razzismo, ignoranza, stereotipi e deumanizzazione. Tutto questo dimostra chiaramente che la soluzione migliore sia un ritiro immediato delle truppe americane dal suolo iracheno'.

Ieri, in una protesta emotiva, gli Iracheni che partecipano al tribunale hanno innalzato uno striscione con le facce dei bambini che sono stati uccisi in Iraq. Il padre di uno di questi bambini era tra i presenti. Gli artisti iracheni hanno anche presentato dei dipinti sulla prigione di Abu Ghraib presso Darphane-i Amire, Topkapz Palace Grounds, dove il tribunale mondiale sull'Iraq è al suo ultimo giorno di udienze (1).

Alla conferenza stampa che si terrà domani alle 11 di mattina presso lo hotel Armada, la Giuria di Coscienza annuncerà le conclusioni del tribunale mondiale sull'Iraq. Parlerà anche la rinomata autrice ed attivista Arundathi Roy, che sta guidando la Giuria.

24 giugno - Il pubblico

Note:

1. Artisti: Abdulkareem Khalil, Salam Omar, Salem Al-Dabbagh, Nadia, Mohammed Yass, Fadia Mohammed Yass

Per ulteriori informazioni:

Visititate il sito del WTI (http://www.worldtribunal.org) per aggiornamenti e per i discorsi completi dei partecipanti al tribunale. Sono disponibile anche delle fotografie.

Contatti:

Tolga Temuge, cordinatore per i media internazionali, +(90) 533 644 4687 oppure tolga.temuge@worldtribunal.org

Tradotto da Carlo Martini per http://www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando le fonti, l'autore e il traduttore.

Articoli correlati

  • Stop armi alla Turchia
    Disarmo
    Autoritarismo del governo turco, gravi violazioni dei diritti umani e ingerenze in vari conflitti

    Stop armi alla Turchia

    La Rete Italiana Pace e Disarmo, nel contesto dell'iniziativa europea, rilancia in questo contesto la richiesta di blocco completo del flusso di armamenti verso la Turchia e il regime di Erdogan.
    23 ottobre 2020
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
  • Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti
    Pace
    Sabato 25 gennaio 2020 giornata di mobilitazione internazionale per la pace

    Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti

    “La guerra è un male assoluto e va ‘ripudiata’, come recita la nostra Costituzione all’Art. 11: essa non deve più essere considerata una scelta possibile da parte della politica e della diplomazia”.
    15 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)