Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Reato di tortura: i risvolti di una legge
    Approvata la legge sulla tortura

    Reato di tortura: i risvolti di una legge

    Gran parte degli atti commessi alla scuola Diaz, se giudicati in base alla nuova legge, non sarebbero qualificabili come torture
    20 luglio 2017 - Laura Tussi e Vittorio Agnoletto
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Che cosa era la guerra?
    A ogni incontro, Gulala riporta una frase esplicativa nella sua semplicità, della poetessa americana Eve Merriam: “Io sogno di dare alla luce un bambino che chieda: Mamma, che cosa era la guerra?”

    Che cosa era la guerra?

    Brevi note dopo la cena-incontro solidale che da Campi Bisenzio ha dato voce a chi dall'Italia lavora per Kurdistan Save the Children. Un progetto che prosegue, un ponte reciproco con la regione tormentata del Nord Iraq.
    6 marzo 2017 - Andrea Misuri

Per il rilascio di Muhsin al-Khafaji - Per la chiusura dei campi di prigionia anglo-americani in Iraq

Cari amici,

E' stato detto che salvare una singola vita è salvare l'umaità intera. Vi prego, tenetelo a mente quando leggete il seguente appello.

Vi ringrazio.

Gabriele Zamparini

Chi è Mushin al-Khafaji?

- Nato in Iraq, a Nasiriyah, nel 1950

- Il suo romanzo "Odora il sangue sulle pietre delle montagne" ha vinto un premio letterario, ed egli ha anche ricevuto il primo premio per la miglior raccolta di storie brevi nel 2000

- Ha tradotto numerose storie brevi in inglese e in altre lingue

- Imprigionato dopo una rivolta popolare nel 1991

- Ha lavorato come interprete per i reporter giapponesi durante la seconda guerra del golfo. Per più di due anni, lo scrittore iracheno Muhsin al-Khafaji è stato detenuto senza accusa o processo nella prigione gestita dagli Stati Uniti di Cam Bucca nell'Iraq meridionale. La famiglia e gli amici dicono che sia in precarie condizioni di salute, e temono che non sopravviverà alle notoriamente cattive condizioni nel campo di prigionia.

Secondo Amnesty International circa 9.000 detenuti si trovano a Camp Bucca. Due studenti palestinesi, che sono stati rilasciati dal campo nell'agosto del 2005, hanno detto all'organizzazione per i diritti umani che hanno sofferto umiliazioni e torture a Camp Bucca tra cui l'essere costretti a stare in pedi per ore sotto il sole. Secondo il Washington Post, la lunghezza media della carcerazione nel campo è di un anno. Un recente rapporto della missione delle Nazioni Unite in Iraq ha espresso profonda preoccupazione che circa 12.000 Iracheni siano trattenuti dalle forze di occupazione.

I gruppi per i diritti umani nel mondo arabo si stanno appellando per il rilascio di Muhsin al-Khafaji e per la chiusura dei campi di prigionia degli occupanti in Iraq.

Cosa potete fare per aiutare:

Scrivete lettere di protesta

Prime Minister, Republic of Iraq
c/o HE Dr Salah al Shaikhly
Iraqi Embassy
169 Knightsbridge, London
SW7 1DW
Fax: + 44 (0) 20 7589 3356
Email: lonemb@iraqmofa.net

e a:

Donald Rumsfeld
Secretary of Defense
Office of the Secretary
The Pentagon
Washington
DC 20301
USA
Fax: +1 703 697 8339

Inviate una copia all'inviato speciale di Tony Blair in Iraq:

Ann Clwyd MP
Prime Ministers' Special Envoy to Iraq on Human Rights
House of Commons
London SW1A 0AA
Email: clwyda@parliament.uk

Fate passare una risoluzione nel vostro sandicato o gruppo di comunità:

- condannando la detenzione di Muhsin al-Khafaji e di migliaia di altri Iracheni da parte delle forze occupanti senza accusa o processo

- appellandosi ai governi statunitense e britannico perché li rilascino senza ulteriore ritardo.

Per altre informazioni: release_muhsinallkhafaji@yahoo.co.uk

Note:

Traduzione di Carlo Martini per www.peacelink.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)