Conflitti

25 cittadini Statunitensi, che si fanno chiamare i Testimoni contro la Tortura, stanno dimostrando, facendo uno sciopero della fame e pregando di fronte ai cancelli della prigione Americana nella Baia di Guantanamo.

Mio marito si trova di fronte ai cancelli di Guantanamo: le ragioni sul perché lo sostengo

14 dicembre 2005
Jessica Stewart

Marching for justice 25 cittadini Statunitensi, che si fanno chiamare i Testimoni contro la Tortura, stanno dimostrando, facendo uno sciopero della fame e pregando di fronte ai cancelli della prigione Americana nella Baia di Guantanamo.

Hanno marciato attraverso Cuba per raggiungere la prigione. Uno di loro è mio marito, Danny Burns.

Danny ed io abbiamo 2 bambini: Finian, che ha 3 anni e Francis che invece ha 7 mesi. Danny si trova a Guantanamo in parte a causa della nostra famiglia.

Quello che il nostro governo sta facendo a Guantanamo crea un mondo insicuro per i nostri bambini. Il nostro governo sta promuovendo una escalation globale di violenza che rende invitabile la crescita del terrorismo. So che Danny sta rischiando la rappresaglia da parte del governo Statunitense per aver dimostrato contro le azioni illegali del nostro governo a Guantanamo. Danny ed altre tre persone nella nostra comunità, ossia Clare Grady, Teresa Grady e Peter Demott, sono in attesa della sentenza che verrà emessa il prossimo mese di Gennaio da una corte federale per una azione intrapresa nel giorno di San Patrizio nel corso del 2002 e che aveva avuto lo scopo di prevenire la guerra in Iraq.

Nonostante tutto questo, Danny, Clare e Teresa, hanno scelto di dimostrare di fronte ai cancelli di Guantanamo.

Il governo federale vuole mandare a tutti un chiaro messaggio ossia che il dissenso verrà punito. Noi mandiamo un messaggio indietro al governo. Noi sosterremo la giustizia per tutto il tempo che è necessario affinché il nostro governo rispetti la legge internazionale, la legge della giustizia e i diritti umani universali.

Danny ed io pensiamo che le azioni del nostro governo siano state contrassegnate dalla inosservanza della legge internazionale. Il nostro governo ha infranto la Carta delle Nazioni Unite, la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, le Convenzioni di Ginevra, i Principi di Norimberga e la Convenzione contro la Tortura.

Questa noncuranza non è solo presente a Guantanamo ma è anche parte della ‘guerra al terrore’, della guerra contro l’Iraq ed è visibile in molti ambiti delle nostre politiche globali e domestiche.

Quando il governo più potente al mondo sceglie di violare la legge internazionale, piuttosto che rispettare la legge internazionale, servire il bene comune e promuovere la giustizia, è la legge del più forte che finisce per governare il mondo. Danny ed io sappiamo che non possiamo più starcene in disparte solamente a lamentarci. La legge internazionale ci dice che abbiamo responsabilità per quello che il nostro paese sta facendo. Il giudice del tribunale di guerra di Tokyo ha scritto: “Il più importante principio di Norimberga è che gli individui hanno doveri che trascendono i loro obblighi nazionali di obbedienza imposti dallo stato nazione…Questo significa che in alcuni casi agli individui viene richiesto di sostituire la propria interpretazione [degli obblighi internazionali] alla interpretazione che viene data dallo stato.” Questo è quanto stiamo provando a fare. Seguendo la nostra tradizione religiosa, siamo chiamati a visitare coloro che sono in prigione.

Uomini e ragazzi sono trattenuti al Camp Delta di Guantanamo fin dal 2001. Sono trattenuti senza che alcuna accusa sia stata emessa contro di loro. Gli è stata negata una qualunque consulenza legale. Le notizie di torture e di abusi sono innumerevoli. I prigionieri non sanno se o quando verranno processati o rilasciati.

Visitando il campo prigione, Danny e gli altri possono far sapere ai prigionieri che non sono stati dimenticati. Mi ritrovo a pensare alle madri di coloro che sono detenuti. Che cosa accadrebbe se fossero i miei di figli ad essere fra i ragazzi imprigionati al campo? Se i giovani in Iraq, Palestina ed Afghanistan vedessero che il popolo Americano sceglie di ignorare la sofferenza della loro gente sotto l’occupazione e la detenzione illegale, si sentirebbero con tutta probabilità dominati da un senso di disperazione e vedrebbero gli attacchi suicidi e gli altri atti di violenza come la loro unica possibilità.

Danny ed io desideriamo per i nostri bambini un mondo fatto di pace e costruito sulla base dei principi della giustizia. Abbondanza, compassione e amore dovrebbero essere la regola, non l’eccezione. Vogliamo che il nostro mondo migliori, non che si deteriori, mentre i nostri figli stanno crescendo.

Fra cent’anni vogliamo che i nostri nipoti guardino indietro alle nostre azioni e che sappiano che abbiamo provato ad agire con integrità e per il bene dell’umanità. Questa è la ragione per cui mio marito Danny Burns è ai cancelli di Guantanamo e questa è la ragione per cui lo sostengo.

Note: Jessica Stewart e suo marito, Danny Burns, vivono a Ithaca New York in una comunità Cattolica. Sono i genitori di due bambini. Per saperne di più sulla marcia, per favore visitate
www.witnesstorture.org. Jessica Stewart può essere raggiunta al seguente indirizzo di posta: js6076@msn.com .


Traduzione di Mauri S. per www.peacelink.it

Articoli correlati

  • Pagina web della Campagna Guantanamo
    PeaceLink
    Le cose fatte e da fare

    Pagina web della Campagna Guantanamo

    L'obiettivo della campagna è quello di chiedere la chiusura della prigione americana di Guantanamo. La campagna si rivolge al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai parlamentari italiani ed europei perché facciano pressione sul governo USA e lo richiamino al rispetto dei diritti umani.
    15 settembre 2021 - Campagna Guantanamo
  • Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia
    Laboratorio di scrittura
    A settecento anni dalla morte di Dante

    Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia

    Viviamo in una zona di confort irreale, come se esistessimo solo noi. Non conosciamo gli eroi del nostro tempo, sono perseguitati e non li sosteniamo. Da questa letargica indifferenza ci risvegliamo quando la TV ci fa sentire in colpa e magari organizza un nuovo criminale "intervento umanitario".
    15 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Parte la Campagna Guantanamo: da oggi puoi firmare anche tu
    Pace
    Per chiedere il rispetto dei diritti umani occorre dare il buon esempio

    Parte la Campagna Guantanamo: da oggi puoi firmare anche tu

    L'obiettivo è fare pressione sul governo italiano perché richieda al presidente USA Joe Biden la chiusura della prigione di americana Guantanamo, luogo di torture e di violazioni dei diritti umani, oltre che delle Convenzioni di Ginevra.
    31 agosto 2021 - Associazione PeaceLink
  • Stati Uniti e destre cavalcano le proteste dell’11 luglio scorso a Cuba
    Latina
    La sollevazione contro il governo rappresenta l’attuale esasperazione della popolazione cubana

    Stati Uniti e destre cavalcano le proteste dell’11 luglio scorso a Cuba

    Tuttavia la situazione economica, sanitaria e alimentare resta molto difficile e le fake news sembrano aver preso il sopravvento. L’utilizzo del blocco economico rappresenta tuttora lo strumento su cui gli Stati Uniti fanno maggior affidamento per destabilizzare il paese
    17 agosto 2021 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)