Conflitti

Da "Un ponte per...", dalla Biblioteca Centrale di Firenze e dalla Regione Toscana un'iniziativa di recupero del patrimonio culturale iracheno. Oggi alle 12.30 la presentazione del progetto (vedi fonte).

A scuola di restauro a Firenze i bibliotecari di Baghdad

22 dicembre 2005
Fonte: da comunicato stampa della Regione Toscana: http://www.primapagina.regione.toscana.it/?codice=12898

Sarà un effetto dell'"effetto alluvione" di cui l'anno prossimo Firenze ricorderà il quarantesimo anniversario; ma sicuramente l'iniziativa promossa da "Un Ponte per..." e appoggiata dalla Regione Toscana (che contribuisce economicamente con una somma di 70.000 euro) ha un significato simile: quello di recuperare per quanto possibile, le opere letterarie e culturali distrutte durante il primo ingresso della coalizione angloamericana a Baghdad.
E allora ecco il progetto La casa dei libri di Baghdad: per tre mesi 5 bibliotecari iracheni, 2 uomini e 3 donne, saranno impegnati in attività di formazione che concretizzeranno poi al loro ritorno in patria.

E' triste rammentare come il ricordo tangibile della civiltà millenaria della Mesopotamia, da cui probabilmente derivò la stessa civiltà da cui discendiamo e di cui la Biblioteca ha conservato un patrimonio incommensurabile, sia stato tra i primi "obiettivi" dell'incursione militare in Iraq - come se assieme alla dittatura di Saddam, si avesse voluto cancellare la stessa memoria di un popolo; ed è poca cosa, certamente, l'aiuto che adesso istituzioni e associazioni umanitarie intendono fornire per il recupero dei reperti che quel luogo sacro alla cultura conservava. E' un inizio, però; e una spinta al recupero della storia di un popolo oramai da anni provato da distruzioni non solo materiali.

La ricostruzione è necessaria, anche quella delle proprie origini.

Note: Vedi la fonte (dal sito della Regione Toscana) per maggiori dettagli.
Leggi anche Secoli e secoli di storia distrutti in un aprile d'invasione... sempre qui nel sito di Peacelink: http://italy.peacelink.org/conflitti/articles/art_9154.html

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)