Conflitti

Comunicato stampa

Il soggiorno italiano di Apo Ocalan

In risposta alle gravissime dichiarazioni di esponenti politici. Perché Ocalan venne in Italia ...
23 febbraio 2006
Fonte: UIKI Onlus - Ufficio d'Informazione del Kurdistan in Italia* - 21 febbraio 2006

In relazione alle dichiarazioni rilasciate alle agenzie di stampa e ad
alcune testate giornalistiche da alcuni esponenti parlamentari della "casa
delle libertà " , in particolare a quelle rilasciate dall'On. Cicchitto
nella giornata di ieri, 20 febbraio 2006 , citanti il periodo in cui venne
nel territorio italiano il signor Abdullha Ocalan (inverno 1998-1999)
intendiamo precisare quanto segue:

A.Ocalan era arrivato in Italia ,consapevole delle difficoltà che avrebbe
incontrato , per illustrare alla Comunità europea tramite il Governo
italiano , una proposta di pace , nel tentativo di risolvere con l'azione
politica , il conflitto tra il popolo kurdo e la Turchia;

A.Ocalan e' un uomo che rappresenta il sentimento vivo di pace del popolo
kurdo, quaranta milioni di donne e uomini , in patria e nelle diaspore ,
perseguitati ancora oggi e trattato alla stregua di minoranza senza diritti
politici e culturali pienamente riconosciuti ;

A.Ocalan fu allontanato in modo coatto dall'Italia cosi che la magistratura
poè riconoscergli solo tardivamente l'asilo politico in base all'art.10
della Costituzione italiana ;

A.Ocalan , continuamente vilipeso , non puo' rispondere alle accuse che
gli vengono mosse contro, perchè dal 15 febbraio del 1999, giorno della sua
cattura in Kenia , vive imprigionato in isolamento in un isola-carcere
nel Mar di Marmara in pessime condizioni di salute .

Chiediamo agli esponenti politici, ed in particolare all'On. Cicchetto di
non strumentalizzare la figura del signor Ocalan a scopi propagandistici ed
elettorali perchè Ocalan rappresenta per tutto il popolo kurdo e per tanti
milioni di uomini e di donne, una ferita aperta e uno smacco alla
democrazia e alla Carta dei Diritti dell'uomo. A.Ocalan e' autore di una
proposta di pace volta ha porre fine al sanguinoso conflitto tra la Turchia
e i kurdi che ancora oggi soccombono sotto la repressione ( nelle ultime
settimane si contano 20 morti e centinaia di arresti).

Vogliamo cosi' difendere non solo l'onore dell'uomo Ocalan , ma la memoria
di migliaia di persone che in nome di un mondo migliore , e in pace , hanno
speso la loro vita .

In fine ricordiamo all'opinione pubblica che il primo ministro turco ,
signor Tayyip Erdogan sul finire dello scorso anno ammise errori
importanti da parte dei governi che si erano succeduti alla guida della
Turchia nei confronti del popolo kurdo , dimostrando una sensibilità
rinnovata. Auspichiamo una ritrovata sensibilità e serenità anche nelle
parole dell'On. Cicchetto.

Note: *Via Gregorio VII n. 278 00165 Roma Tel. 06636892 Fax. 0639380273
uiki.onlus@fastwebnet.it
http://www.uikionlus.com

Articoli correlati

  • Comunicato in difesa del popolo kurdo e dei valori dell’Occidente
    Conflitti
    Da UDIK – Unione Donne Italiane e Kurde

    Comunicato in difesa del popolo kurdo e dei valori dell’Occidente

    Cedendo al ricatto della Turchia, la Nato ha aperto le sue porte alla Finlandia e alla Svezia e le ha chiuse alle leggi e ai trattati europei, alla giustizia, ai diritti umani e ai valori fondanti delle democrazie dell’Occidente.
    5 luglio 2022 - UDIK – Unione Donne Italiane e Kurde
  • Un capro espiatorio per la "democrazia" occidentale
    Conflitti
    Ed ecco rimosso il veto di Erdogan all'ingresso nella NATO dei due Paesi baltici!

    Un capro espiatorio per la "democrazia" occidentale

    La NATO ha aperto la porta a Svezia e Finlandia, chiudendo la porta della giustizia e dei diritti ai Kurdi; questo comportamento ha dato via libera e garanzie ad Erdogan per giustificare ogni sua azione militare in Rojawa contro i partigiani kurdi e la politica interna in Turchia.
    4 luglio 2022 - Gulala Salih
  • Webinar di formazione per Kurdistan Save the Children e Chatr Center
    Sociale

    Webinar di formazione per Kurdistan Save the Children e Chatr Center

    Offerto dal Centro Internazionale Loris Malaguzzi un corso online in diretta per le associazioni di solidarietà ai bambini curdi
    2 luglio 2021 - Gulala Salih
  • "Ma cosa c'entri col 25 aprile?"
    Pace
    Da una donna, italiana "con il cuore". Una riflessione.

    "Ma cosa c'entri col 25 aprile?"

    Se non ci fosse stato il 25 aprile, io non sarei qui ora, non avrei potuto avere l’accoglienza che mi è stata data e godere di questa libertà e democrazia di cui beneficiamo tutti, anche tu che mi poni tale domanda!
    24 aprile 2021 - Gulala Salih
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)