Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Che cosa era la guerra?
    A ogni incontro, Gulala riporta una frase esplicativa nella sua semplicità, della poetessa americana Eve Merriam: “Io sogno di dare alla luce un bambino che chieda: Mamma, che cosa era la guerra?”

    Che cosa era la guerra?

    Brevi note dopo la cena-incontro solidale che da Campi Bisenzio ha dato voce a chi dall'Italia lavora per Kurdistan Save the Children. Un progetto che prosegue, un ponte reciproco con la regione tormentata del Nord Iraq.
    6 marzo 2017 - Andrea Misuri
  • E' morto Fidel Castro

    E' morto Fidel Castro

    26 novembre 2016 - Marinella Correggia
Comunicato stampa

Coopi in Iraq con le donne di Abu Ghraib

Con il personale locale ha riabilitato un edificio che accoglie anche le
famiglie sfollate di Falluja
4 agosto 2006
Fonte: Ufficio stampa COOPI
(ufficiostampa@coopi.org)

Milano, 4 agosto 2006 – Sebbene la violenza degli attentati di questi
giorni in Iraq non conosca tregua, COOPI – Cooperazione Internazionale
prosegue ad Abu Ghraib le attività di formazione e sostegno economico alle
donne vulnerabili e di promozione delle corrette pratiche
igienico-sanitarie, con l’obiettivo di ricostruire il tessuto sociale della
comunità e favorire l’integrazione con le famiglie di sfollati provenienti
da Falluja.

Circa un anno fa, in collaborazione con OIM (Organization for Migration) e
una ong irachena locale, COOPI iniziava i lavori di ristrutturazione
dell’attuale Centro di Formazione per le Donne ad Abu Ghraib che, oltre a
offrire sostegno alle donne sfollate dalla città di Falluja, ha avviato
corsi di alfabetizzazione, computer, cucina e sartoria per 240 donne della
comunità e per i bambini ospitati nell’asilo del Centro.

La seconda fase del progetto, partita a marzo, ha previsto campagne di
prevenzione e trattamento delle malattie infettive (in particolare
dissenteria e colera), lezioni su come gestire la gravidanza e prendersi
cura del proprio bambino per le future mamme, e lezioni di igiene personale
sia per gli adulti che per i più piccoli.

Le attività di promozione sanitaria sono avvenute in collaborazione con
dottori e dentisti dei centri di salute locali, e complessivamente hanno
coinvolto circa 1.490 persone, anche all’esterno del Centro di Formazione.

Alcune donne hanno inoltre partecipato a corsi per la gestione di attività
commerciali, e all’interno del Centro è stata avviata una vendita dei
prodotti di cucina e sartoria, in un’ottica di sviluppo e autofinanziamento
delle attività, anche se il clima di insicurezza non permette di
programmare a lungo termine.

“Per garantire la continuità dei progetti e la sicurezza degli operatori
locali e stranieri, da mesi abbiamo ritenuto opportuno ridurre la
visibilità del nostro intervento nel paese”, spiega Valeria Boatti,
coordinatrice dei progetti di COOPI in Iraq che segue gli interventi
dall’ufficio di Amman, in Giordania. “Attualmente i nostri operatori di
stanza in Iraq hanno difficoltà anche a muoversi, per via della crisi
petrolifera che attraversa il Paese e della conseguente mancanza di
carburante.”

COOPI-Cooperazione Internazionale opera in Iraq dall’aprile 2003, dove ha
iniziato intervenendo a Baghdad nei settori della riabilitazione idrica e
assistenza medica.

Nei governatorati di Wassit e Najaf e nella città di Talafar ha portato a
termine nel 2006 la distribuzione di cibo e kit medici alle famiglie
sfollate delle zone, attivando anche delle cliniche mobili per fronteggiare
l’emergenza sanitaria.

Nel governatorato di Ninewa continua a monitorare la situazione per
verificare le condizioni delle persone in fuga dagli scontri.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)