Conflitti

«L'abbiamo pestato ben bene»

Lashkargah, all'ospedale di Emergency le vittime dell'ennesimo attentato. Un ferito racconta: lavora per i servizi e ha partecipato al pestaggio in carcere di Rahmatullah Hanefi...
28 marzo 2007
Enrico Piovesana (Peacereporter)
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Ore 11:45 di mattina. Un boato fortissimo scuote il terreno. Una pioggia di piccoli detriti cade all'interno delle mura dell'ospedale di Emergency. Ci si ripara sotto le tettoie.
Subito, tutte le ambulanze dell'Ong italiana escono a sirene spiegate. Se ne sentono subito anche altre, quelle del vicino ospedale pubblico, il Bost Hospital. Un attentatore suicida in moto, imbottito di esplosivo e camuffato da poliziotto, si è fatto saltare davanti alla centrale di polizia della città, distante solo duecento metri dall'ospedale di Emergency.
La prima ambulanzarientra nemmeno due minuti dopo, scaricando un poliziotto ferito. I pantaloni della sua divisa di panno verde sono impregnati di sangue. Torna una seconda ambulanza, con altri tre poliziotti feriti, uno in gravi condizioni: una pallina di piombo, di quelle usate dagli attentatori per rendere più letale la bomba, gli è entrata nello stomaco.
Ne arriva una terza, ma questa non si ferma davanti al pronto soccorso, proseguendo lentamente fino all'ingresso dell'obitorio. Dentro ci sono i cadaveri di due persone, padre e figlio, che si trovavano vicinissime all'esplosione. Il ragazzo, un civile, ha la testa spappolata, mentre il padre poliziotto ha il torace sventrato e un braccio mozzato. Emanano odore di carne bruciata. Le barelle sui cui vengono trasportati diventano immediatamente rosse di sangue. Contemporaneamente altri due agenti morti vengono portati al Bost Hospital.
Il bilancio è quindi di quattro morti, e almeno quattro feriti. Oltre al kamikaze, del cui cadavere non rimangono che pochi brandelli. Sul luogo dell'attentato convergono intanto militari afgani e soldati britannici della Nato, che chiudono la zona per tener lontana la folla che si è radunata. Il personale medico di Emergency si mette al lavoro sui poliziotti feriti.
Uno di loro, un giovane vestito in borghese, ferito lievemente alla testa, prima di venire dimesso dall'ospedale racconta a un infermiere afghano di Emergency di non essere un poliziotto, ma di lavorare come autista per la polizia e i servizi segreti. Ha 25 anni.
Si vanta di aver partecipato, alcuni giorni fa, al pestaggio in carcere di Rahmatullah Hanefi, il dirigente locale di Emergency nelle mani dei servizi afghani dal 20 marzo. Dice che se non lo hanno ancora rilasciato, è solo perché aspettano che svaniscano dal suo volto i segni delle violenze subite.
Il ragazzo ha pensato bene di andarsene, prima che l'infermiere facesse in tempo a riferire la cosa ai responsabili dell'ospedale.
Una testimonianza non verificabile, che ha il valore che ha, ma che fa aumentare la rabbia tra i colleghi e gli amici. Ogni giorno più in ansia per la sorte di Rahmat.

Articoli correlati

  • "Le prigioni libiche finanziate da Italia e Ue sono luoghi di tortura"
    Migranti
    Lo dichiara il quotidiano cattolico Avvenire

    "Le prigioni libiche finanziate da Italia e Ue sono luoghi di tortura"

    La guerra a Gheddafi non ha portato la democrazia e la libertà. In Libia si tortura e si violano pesantemente i diritti umani. Profughi in catene, ustionati e denutriti, aggrediti con acido, picchiati con martelli e tubi.
    31 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Piazza della Loggia, la strage neofascista del 28 maggio 1974
    Schede
    L'attentato provocò la morte di 8 persone e il ferimento di altre 102

    Piazza della Loggia, la strage neofascista del 28 maggio 1974

    Fu fatta esplodere una bomba nascosta in un cestino portarifiuti mentre era in corso una manifestazione antifascista e mentre dal palco si condannava, con parole dure, l'azione del Movimento Sociale Italiano
    28 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Caso Moro
    XIII Legislatura

    La Commissione Stragi sul Caso Moro

    Decisioni adottate dalla Commissione nella seduta del 22 marzo 2001 in merito alla pubblicazione degli atti e dei documenti prodotti e acquisiti
  • Caso Moro
    L'agguato delle Brigate Rosse e il mistero dell'elicottero che sorvolava la zona il 16 marzo 1978

    Il racconto di Antonio Ianni, il primo fotografo giunto in via Fani

    Fotografo dell'Ansa, giunse in via Fani dopo pochi minuti. "Tornato a casa la sera la trovai tutta sottosopra". Portarono via i rullini delle foto. Altri vennero trafugati dall'archivio fotografico dell'Ansa. Voleva sporgere denuncia ma venne scoraggiato: "Sarà l'ufficio politico", gli dissero.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)