Conflitti

Repubblica Democratica del Congo, Kivu

Gli inglesi rilanciano la guerra genocida nel Congo

Sostenuti dallo stato fantoccio britannico del Ruanda, i ribelli antigovernativi hanno dichiarato che il loro scopo è sabotare un accordo di cooperazione tra Cina e Congo
7 novembre 2008
Fonte: www.movisol.org - 07 novembre 2008

6 novembre 2008 - Gli interessi finanziari imperiali centrati a Londra hanno rinfocolato una rivolta nella provincia nord orientale del Kivu, nella Repubblica Democratica del Congo. Sostenuti dallo stato fantoccio britannico del Ruanda, i ribelli antigovernativi hanno esplicitamente dichiarato che il loro scopo è sabotare un accordo di cooperazione tra Cina e Congo, di grande beneficio per il paese africano. In aggiunta alla cooperazione con la Cina nei progetti di sviluppo, il governo di Kinshasa ha rinegoziato diversi accordi economici che era stato costretto ad accettare come sbocco delle guerre che avevano devastato il paese e la regione dei Laghi negli anni novanta. La Cina e il Congo hanno negoziato un accordo di 9 miliardi di dollari in cui, in cambio dei diritti di sfruttamento di rame e cobalto, Pechino costruirà 6 miliardi di infrastrutture, tra cui strade, due dighe con centrali idroelettriche, ospedali, scuole, linee ferroviarie con il Sud Africa e tra la provincia di Katanga e Matadi, il porto congolese sull'Atlantico. Altri 3 miliardi saranno investiti nello sfruttamento minerario. In agosto, il leader ribelle Laurent Nkunda ha violato la tregua stipulata in gennaio riprendendo i combattimenti. Ora egli chiede colloqui diretti col governo per cessare il fuoco e far valere la sua opposizione al progetto cinese. Il 29 ottobre, le sue forze sono riuscite a circondare Goma, capoluogo della provincia del Kivu settentrionale. Migliaia di civili erano già fuggiti dalla città quando le truppe dell'ONU hanno cominciato ad evacuare il loro personale civile. Le truppe di Nkunda sono ben addestrate e ben armate, e usano tattiche di mordi e fuggi, usando la popolazione come scudo.
Con la rimozione del presidente Sud Africano Thabo Mbeki il 20 settembre, si è creato un vuoto di leadership in Africa. Mbeki si era adoperato per contrastare la campagna britannica di schiacciare ogni stato nazionale in Africa e far piombare il continente in un'epoca buia. Sotto Mbeki, le truppe di pace sudafricane sono state impegnate in diversi paesi africani ed egli stesso, o mediatori del suo paese, sono intervenuti in altri conflitti in tutto il continente.
Da quando iniziò l'invasione del Congo orientale da parte dei ribelli sostenuti dal Ruanda e dall'Uganda, la regione è controllata da milizie straniere e anti-governative. Nkunda controlla un'area ricca di risorse naturali e si procura i fondi tramite attività estrattiva illegale. I minerali rubati vengono trafugati in Ruanda, Uganda e Burundi dove vengono venduti al mercato nero. La provincia del Kivu ha cinque importanti risorse: il coltan, i diamanti, il rame, il cobalto e l'oro. Il governo di Kinshasa spesso perde il controllo delle stesse truppe che manda a tentare di riconquistare il controllo della regione, e che passano al nemico in cambio di qualche manciata di preziosi.
Per quanto riguarda Nkunda, era un generale dell'esercito della Repubblica Democratica del Congo. Apparentemente pensa di trarre un vantaggio dal rendere ingovernabile la regione, in modo da facilitare l'espansione delle miniere illegali (dove si lavora in condizioni orribili). Sostiene di aver rifiutato un'offerta di 2,5 milioni di dollari dal governo in cambio dell'esilio.

Note: http://www.movisol.org/08news270.htm

Articoli correlati

  • L'escalation della guerra Russia-Ucraina
    Disarmo
    Nella dinamica dell’escalation i mezzi divorano il fine

    L'escalation della guerra Russia-Ucraina

    “Durante la guerra fredda gli Stati Uniti resistettero all'Unione Sovietica in conflitti per procura in tutto il mondo senza venire a scontri diretti. La stessa risposta accuratamente calibrata è necessaria per l'invasione russa dell'Ucraina"
    6 maggio 2022 - Rossana De Simone
  • Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero
    Europace
    Sull'aggressione militare russa in Ucraina

    Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero

    Di fronte a una possibile escalation che può far scoppiare una terza guerra mondiale l’UE deve chiedere l’immediato cessate il fuoco in Ucraina, la costituzione di corridoi umanitari e l’invio di Caschi blu dell’Onu come forza di interposizione e di aiuto umanitario.
    11 marzo 2022 - Nicola Vallinoto
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)