Conflitti

Risposta alla lettera di PeaceLink al Ministro degli Esteri Giulio Terzi

Giuseppe Manzo, capo del servizio stampa e portavoce del ministro degli Esteri, risponde sul Manifesto alla lettera aperta di PeaceLink sull'attentato al giornalista dell'ANSA Claudio Accogli.
2 luglio 2012
Associazione PeaceLink

Gentile Direttore, rispondo alla lettera del signor Alessandro Marescotti pubblicata ieri dal Suo Giornale a pag 14.

Gentile signor Marescotti,

la condanna da parte della Farnesina agli attentati e al terrorismo, di qualsiasi matrice, in Siria e
in ogni altro Paese, e' sempre stata ferma e inequivoca, cosi' come l'impegno a prevenire e contrastare
atroci e disumani atti di barbarie quali l'attacco contro il convoglio in cui viaggiava il giornalista italiano
Claudio Accogli.

Si tratta dell'ennesimo inaccettabile atto di violenza in un Paese in cui il regime non tiene in alcun conto la vita dei suoi cittadini. A migliaia sono stati massacrati in questi mesi e, a decine di migliaia, continuano a soffrire in situazioni disumane per la decisione dello stesso regime di non collaborare con la comunità internazionale e non consentire alla popolazione di ricevere gli aiuti umanitari di cui ha bisogno.

Tra le vittime di questa situazione, di cui, ripeto, la responsabilità ricade sul regime di Damasco, vi sono anche i poliziotti rimasti uffici e orribilmente mutilati nell'attentato e per i quali, proprio nella stessa nota cui lei fa riferimento, il ministro Terzi ha espresso il più profondo dolore.

Fino a quando il regime di Assad non deciderà che è ora di fermare queste violenze e consentire l'avvio di un processo politico e di pacificazione, episodi del genere continueranno a ripetersi e l'Italia, tra i paesi maggiormente impegnati nella ricerca di possibili soluzioni alla crisi, continuerà a far sentire la sua voce e a protestare con la massima fermezza.

Giuseppe Manzo
Capo del servizio stampa
e portavoce del ministro degli Esteri

Articoli correlati

  • 4 novembre 2019: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele
    Pace

    4 novembre 2019: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele

    Per questo chiediamo una drastica riduzione delle spese militari che gravano sul bilancio dello stato italiano per l'enorme importo di decine e decine di milioni di euro al giorno e che i fondi pubblici siano invece utilizzati in difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani e del mondo vivente.
    26 ottobre 2019 - Movimento Nonviolento, PeaceLink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo
  • NO all'invasione della Siria e al genocidio dei curdi
    Conflitti
    Comunicato stampa della Rete NoWar - Roma

    NO all'invasione della Siria e al genocidio dei curdi

    La Rete NO WAR condanna fermamente l'invasione della Siria ad opera dell'esercito turco come crimine di guerra.
    15 ottobre 2019 - Rete NoWar - Roma
  • Trucidata una attivista per i diritti delle donne
    Conflitti
    Siria, PeaceLink condanna l'attacco militare turco ed esprime sdegno per l'efferato omicidio

    Trucidata una attivista per i diritti delle donne

    Hevrin Khalaf, 35 anni, è stata uccisa a sangue freddo dai miliziani filo-turchi. Paladina dei diritti delle donne, era considerata un simbolo di dialogo, e quindi una persona potenzialmente pericolosa. Tra le vittime di questa guerra c'è proprio chi si è battuto per la pace e il dialogo.
    14 ottobre 2019 - Redazione PeaceLink
  • Damasco: la rivoluzione silenziosa delle donne in bicicletta
    Consumo Critico
    In Siria la bicicletta ha un significato speciale

    Damasco: la rivoluzione silenziosa delle donne in bicicletta

    Le due ruote possono servire per combattere incredibili battaglie, avviare processi democratici, smontare l’ordine tradizionale delle cose, contribuire a rendere l’aria più respirabile. E se si è donna, in bici, per le strade siriane si testimonia una reale volontà di cambiamento
    8 gennaio 2019 - Fulvia Gravame
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)