Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Il terrorismo sfuggito di mano
    Manchester e i "combattenti per la libertà"

    Il terrorismo sfuggito di mano

    L'orribile strage è stata compiuta da chi un tempo era un utile strumento di destabilizzazione della Libia e della Siria. Era stato segnalato ben cinque volte all'antiterrorismo. Ma era un utile terrorista perché doveva colpire Gheddafi e Assad. Oggi quel terrorista "buono" colpisce gli innocenti. E ci svegliamo dalla folle idea che il terrorismo sia giustificabile se colpisce i nostri target.
    25 maggio 2017 - Alessandro Marescotti
  • “La sporca guerra contro la Siria. Washington, regime e resistenza” (Zambon Editore, 2017)
    Recensione al libro dell'economista australiano Tim Anderson

    “La sporca guerra contro la Siria. Washington, regime e resistenza” (Zambon Editore, 2017)

    5 maggio 2017 - David Lifodi
  • Ritorniamo a dire pubblicamente NO alla guerra
    Nessuna rassegnazione e nessuna caduta di tensione civile

    Ritorniamo a dire pubblicamente NO alla guerra

    Ogni marcia di protesta contro la guerra, ogni appello in favore della pace, ogni veglia di preghiera, ogni bandiera arcobaleno esposta, ogni segno di pace esibito costituisce un piccolo-grande atto di elevata politica per togliere dalle mani dei padroni del mondo il nostro futuro e il nostro destino
    18 aprile 2017 - Michele Di Schiena

Risposta alla lettera di PeaceLink al Ministro degli Esteri Giulio Terzi

Giuseppe Manzo, capo del servizio stampa e portavoce del ministro degli Esteri, risponde sul Manifesto alla lettera aperta di PeaceLink sull'attentato al giornalista dell'ANSA Claudio Accogli.
2 luglio 2012 - Associazione PeaceLink

Gentile Direttore, rispondo alla lettera del signor Alessandro Marescotti pubblicata ieri dal Suo Giornale a pag 14.

Gentile signor Marescotti,

la condanna da parte della Farnesina agli attentati e al terrorismo, di qualsiasi matrice, in Siria e
in ogni altro Paese, e' sempre stata ferma e inequivoca, cosi' come l'impegno a prevenire e contrastare
atroci e disumani atti di barbarie quali l'attacco contro il convoglio in cui viaggiava il giornalista italiano
Claudio Accogli.

Si tratta dell'ennesimo inaccettabile atto di violenza in un Paese in cui il regime non tiene in alcun conto la vita dei suoi cittadini. A migliaia sono stati massacrati in questi mesi e, a decine di migliaia, continuano a soffrire in situazioni disumane per la decisione dello stesso regime di non collaborare con la comunità internazionale e non consentire alla popolazione di ricevere gli aiuti umanitari di cui ha bisogno.

Tra le vittime di questa situazione, di cui, ripeto, la responsabilità ricade sul regime di Damasco, vi sono anche i poliziotti rimasti uffici e orribilmente mutilati nell'attentato e per i quali, proprio nella stessa nota cui lei fa riferimento, il ministro Terzi ha espresso il più profondo dolore.

Fino a quando il regime di Assad non deciderà che è ora di fermare queste violenze e consentire l'avvio di un processo politico e di pacificazione, episodi del genere continueranno a ripetersi e l'Italia, tra i paesi maggiormente impegnati nella ricerca di possibili soluzioni alla crisi, continuerà a far sentire la sua voce e a protestare con la massima fermezza.

Giuseppe Manzo
Capo del servizio stampa
e portavoce del ministro degli Esteri

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)