Conflitti

La proposta Russia-Siria che sembra piacere anche a Obama

Una buona alternativa alla guerra (tra le tante possibili)

Possibili azioni diplomatiche per scongiurare il conflitto USA-Siria, a patto che vengano messi sotto controllo gli arsenali chimici.
12 settembre 2013
Autonomous Non-Profit Organisation (ANO) “TV-Novosti”
Tradotto da per PeaceLink
Fonte: Autonomous Non-Profit Organisation (ANO) “TV-Novosti” - 09 settembre 2013

 

La Siria accoglie l'offerta della Russia di mettere le sue armi sotto il controllo internazionale

guerra in Siria "Damasco accoglie l'invito della Russia di consegnare le armi chimiche per il bene della comunità internazionale" il Ministro degli Esteri siriano ha così risposto alle dichiarazioni di Sergey Lavrov, dopo che questi ultimi si erano incontrati a Mosca.

"La Repubblica Araba della Siria dà il benvenuto all’iniziativa russa, basata sulla cura dei cittadini siriani da parte del governo, sulla vita del nostro popolo e sulla sicurezza del nostro paese", ha affermato il Ministro degli Esteri siriano, Walid al-Muallem, in risposta al suo omologo russo.

"Chiediamo alle autorità siriane di depositare le armi chimiche e di permettere all'Onu di mettere sotto controllo i suoi arsenali chimici in vista di una loro distruzione e pertanto di aderire all'Organizzazione per la Proibizione delle Armi chimiche (OPAC)", aveva detto in precedenza il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite ha richiesto misure idonee atte a fornire un deposito sicuro per le armi chimiche e la distruzione dell’arsenale siriano.

"Sono sicuro che la comunità internazionale prenderà misure rapide al fine di garantire che le riserve di armi chimiche siano trasferite in un luogo sicuro e pertanto che vengano distrutte", ha affermato Ban Ki-moon.

La Gran Bretagna ha risposto al confronto tra la Russia e la Siria, affermando che per quest’ultima il trasferimento delle armi chimiche non debba essere utilizzato come una "tattica di distrazione".

"Aldilà della supervisione internazionale, se la Siria dovesse depositare le armi chimiche, chiaramente, questo sarebbe un grande passo avanti", Cameron ha pronunciato queste parole di fronte al Parlamento: "Dobbiamo essere vigili e attenti, ed assicurarci che questa non sia una tattica di distrazione per discutere di qualcos’altro, piuttosto dobbiamo intavolare il problema e cercare di risolverlo."

David Cameron ha anche sottolineato che il conflitto siriano può essere risolto soltanto con "metodi politici".

Il Primo Ministro inglese ha ribadito che l'unico modo per porre fine al conflitto in Siria è quello di elaborare una decisione politica pacifica, aggiungendo che tramite una soluzione di questo tipo la Siria conoscerà la stabilità e la democrazia.

______________________________________

Tradotto da Francesca Grassia per PeaceLink . Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.


Un suggerimento "giuridico"

Dall'avv. Joachim Lau (IALANA-Italy) ecco alcune considerazioni che potrebbero allineare ai percorsi del diritto internazionale la crisi provocata dall'uso delle armi chimiche.

 

“Il Sig. Assad potrebbe assumersi la responsabilità che qualcuno abbia utlizzato armi chimiche nel conflitto interno del suo Paese, sia per l'imperizia della sua organizzazione militare, sia per un errore di comando, sia per il mancato controllo sul suo territorio, e la Siria potrebbe mettersi a disposizione di  pagare un risarcimento danni alle famiglie colpite da questo crimine, promettendo l'apertura di indagini sulla responsabilità penale delle persone sotto la sua amministrazione e dichiarando inoltre di volere fare tutto il possibile che tale crimine non si ripeta.

Di conseguenza si potrebbe avviare una procedura dinanzi alle Autorità competenti dell'Aja e decadrebbe qualsiasi pretesto per un intervento punitivo militare (che non esiste nel diritto internazionale) da parte degli americani, e nemmeno ci sarebbe spazio per un intervento da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, in quanto non sussisterebbe più - se mai - un imminente pericolo o una minaccia per la pace.“

Note: Articolo originale: http://rt.com/news/syria-chemical-weapons-handover-619/

Articoli correlati

  • Come i Palestinesi vedono la guerra siriana
    Palestina
    I Palestinesi sono ora convinti che la loro causa non sia una priorità dell’opposizione siriana

    Come i Palestinesi vedono la guerra siriana

    Un sondaggio del settembre 2012 rilevò che quasi l’80% degli intervistati in Cisgiordania e Gaza sostenevano i manifestanti e l’opposizione siriana. Ma nel corso degli anni, quando la rivolta siriana si trasformò in un sanguinoso conflitto settario, le posizioni iniziarono a cambiare.
    Adnan Abu Amer
  • I golpisti della lingua
    Editoriale
    Perché si è persa la memoria storica

    I golpisti della lingua

    Il fatto che - dopo il crollo del Muro di Berlino - il termine "rivoluzione" venga riutilizzato per la Siria è una evidente operazione di modifica delle percezioni. Con la guerra si può decidere di dare a gruppi di terroristi tagliagole la patente di rivoluzionari. Questo è un golpe linguistico.
    23 luglio 2012 - Alessandro Marescotti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
  • Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti
    Pace
    Sabato 25 gennaio 2020 giornata di mobilitazione internazionale per la pace

    Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti

    “La guerra è un male assoluto e va ‘ripudiata’, come recita la nostra Costituzione all’Art. 11: essa non deve più essere considerata una scelta possibile da parte della politica e della diplomazia”.
    15 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)