Conflitti

La guerra in Siria è finita?

Missili sui quartieri cristiani di Damasco, 5 morti: è una notizia?

I recenti sanguinosi attacchi contro i quartieri cristiani di Damasco dimostrano che purtroppo il conflitto perdura. Eppure le notizie dalla Siria non appaiono più sui mass media mainstream. Perché questo silenzio mediatico?
10 gennaio 2018
Redazione Pressenza (Italia)
Fonte: Pressenza - 10 gennaio 2018

Quello che rimane di uno dei missili.

La guerra in Siria è finita? Nonostante le dichiarazioni delle varie parti sembra di no. Sicuramente è finita sui grandi media dato che a parlarne è uno stringato dispaccio dell’ANSA che riporta l’agenzia di Stato SANA, un lancio della Fides riportato dal Dialogo e un articolo di OraProSiria che denuncia la sistematica persecuzione dei cristiani in tutto il medioriente: “Siamo convinti che ci sono Paesi (America e Israele in primo luogo) che non vogliono i Cristiani in Medio Oriente. Se ci sono i Cristiani c’è resistenza, c’è identità e coscienza; senza i Cristiani potranno dire che sono tutti cattivi, e se resteranno solo i musulmani sarà più facile avere i pretesti per prendere la terra siriana. Nel Medio Oriente è questa la operazione di pulizia, e dopo aver già spazzato via i Cristiani dall’Iraq, continueranno con la Siria. la Giordania e il Libano” dichiara Joseph Antabi, cristiano di Damasco.

Le fonti concordano che ci sono 5 morti e che sono stati danneggiati importanti monumenti, chiese ed abitazioni. Ma siccome è probabile che i missili siano stati forniti ai “ribelli” dagli USA e siccome i cristiani siriani sono spesso critici nei confronti della propaganda contro Assad la notizia sembra essere sparita dalle cronache italiane.

Al tempo stesso ieri il Ministero degli Esteri siriano ha consegnato una nota di protesta al Segretario Generale dell’ONU riguardo a tre attacchi israeliani a sostegno delle azioni terroristiche di  Daesh e Al Nosra, secondo quanto riporta l’agenzia di stato siriana Sana.

Note: https://www.pressenza.com/it/2018/01/missili-sui-quartieri-cristiani-damasco-5-morti-notizia/

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Come i Palestinesi vedono la guerra siriana
    Palestina
    I Palestinesi sono ora convinti che la loro causa non sia una priorità dell’opposizione siriana

    Come i Palestinesi vedono la guerra siriana

    Un sondaggio del settembre 2012 rilevò che quasi l’80% degli intervistati in Cisgiordania e Gaza sostenevano i manifestanti e l’opposizione siriana. Ma nel corso degli anni, quando la rivolta siriana si trasformò in un sanguinoso conflitto settario, le posizioni iniziarono a cambiare.
    Adnan Abu Amer
  • I golpisti della lingua
    Editoriale
    Perché si è persa la memoria storica

    I golpisti della lingua

    Il fatto che - dopo il crollo del Muro di Berlino - il termine "rivoluzione" venga riutilizzato per la Siria è una evidente operazione di modifica delle percezioni. Con la guerra si può decidere di dare a gruppi di terroristi tagliagole la patente di rivoluzionari. Questo è un golpe linguistico.
    23 luglio 2012 - Alessandro Marescotti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)