Conflitti

Siria anno 2010

Quando Napolitano elogiava Assad "per i suoi impegni di pace"

Milena Gabanelli e Lorenzo Cremonesi

Nel corso del 2009 l’Associazione Huma Rights Watch segnala le sistematiche violazioni dei diritti umani, ma Bashar resta benvoluto in Occidente. Viene ricevuto a Parigi, a Londra, al Quirinale e Campidoglio con tutti gli onori.

Tra i vari riconoscimenti e premi che gli arrivano dall’Europa c’è anche quello italiano. Nel 2010 il presidente Napolitano è in visita ufficiale a Damasco e lo nomina Cavaliere di Gran Croce «per i suoi impegni per la pace». Due anni dopo la Commissione Affari Esteri della Camera cancella l’onorificenza per «indegnità».

Napolitano e Assad


Note: L'Italia ha venduto armi anche alla Siria.

Lo afferma l'Archivio Disarmo. Ma anche su TGCOM24 del 5.9.2013 si trova un articolo dal titolo:

"Armi alla Siria, Italia primo esportatore UE. Una società di Finmeccanica riforniva l'esercito di Assad di moderni sistemi di puntamento".

La legge italiana (legge 9 luglio 1990 n.185) vieta la vendita di armi a nazioni che violano gravemente i diritti umani.

Clicca su https://www.ilfattoquotidiano.it/2015/05/23/armi-made-in-italy-che-vola-export-per-30-milioni-in-aree-in-guerra-del-nord-africa/1710009/

E anche su http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/articoli/1115847/armi-alla-siria-italia-primo-esportatore-ue.shtml

L'Espresso il 5 luglio 2012 pubblicava

"Finmeccanica aiutava il tiranno"
Dai nuovi file segreti di WikiLeaks emerge che il colosso italiano ha fornito un sistema di comunicazioni al regime siriano impegnato nella repressione. E l'assistenza dall'Italia arrivava anche durante gli scontri

http://espresso.repubblica.it/affari/2012/07/05/news/finmeccanica-aiutava-il-tiranno-1.44751

I "Syria files" documentano l'assistenza militare italiana di Finmeccanica. Sull'Espresso si legge: "Il contratto per la fornitura alla Siria di Bashar al-Assad della tecnologia Tetra dell'azienda Selex Elsag (gruppo Finmeccanica) risale al 2008, ben prima che esplodesse la violenza contro i manifestanti che si oppongono al regime, ma le email nel database ottenuto da WikiLeaks dimostrano che forniture, assistenza e addestramento vanno avanti anche quando ormai la Siria è in piena guerra civile".

http://espresso.repubblica.it/internazionale/2012/07/05/news/i-syria-files-di-finmeccanica-1.44659

La notizia è riportata anche su La Stampa http://www.lastampa.it/2012/07/05/esteri/wikileaks-arrivano-i-file-sulla-siria-i-legami-tra-finmeccanica-e-assad-JkQ0wZNodAxrN1jbnNuFPP/pagina.html

Ma c'è chi difende la scelta di vendere armi in questo mondo e scrive: "L’Europa, e i suoi governi, non vuole ridurre la sua capacità produttiva, perché ciò vorrebbe dire sopprimere posti di lavoro. In tali condizioni, è ovvio che poi a qualcuno sia necessario vendere". Fonte: https://epistemes.org/2012/07/09/finmeccanica-e-le-armi-alla-siria/

Articoli correlati

  • 4 novembre 2019: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele
    Pace

    4 novembre 2019: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele

    Per questo chiediamo una drastica riduzione delle spese militari che gravano sul bilancio dello stato italiano per l'enorme importo di decine e decine di milioni di euro al giorno e che i fondi pubblici siano invece utilizzati in difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani e del mondo vivente.
    26 ottobre 2019 - Movimento Nonviolento, PeaceLink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo
  • NO all'invasione della Siria e al genocidio dei curdi
    Conflitti
    Comunicato stampa della Rete NoWar - Roma

    NO all'invasione della Siria e al genocidio dei curdi

    La Rete NO WAR condanna fermamente l'invasione della Siria ad opera dell'esercito turco come crimine di guerra.
    15 ottobre 2019 - Rete NoWar - Roma
  • Trucidata una attivista per i diritti delle donne
    Conflitti
    Siria, PeaceLink condanna l'attacco militare turco ed esprime sdegno per l'efferato omicidio

    Trucidata una attivista per i diritti delle donne

    Hevrin Khalaf, 35 anni, è stata uccisa a sangue freddo dai miliziani filo-turchi. Paladina dei diritti delle donne, era considerata un simbolo di dialogo, e quindi una persona potenzialmente pericolosa. Tra le vittime di questa guerra c'è proprio chi si è battuto per la pace e il dialogo.
    14 ottobre 2019 - Redazione PeaceLink
  • Damasco: la rivoluzione silenziosa delle donne in bicicletta
    Consumo Critico
    In Siria la bicicletta ha un significato speciale

    Damasco: la rivoluzione silenziosa delle donne in bicicletta

    Le due ruote possono servire per combattere incredibili battaglie, avviare processi democratici, smontare l’ordine tradizionale delle cose, contribuire a rendere l’aria più respirabile. E se si è donna, in bici, per le strade siriane si testimonia una reale volontà di cambiamento
    8 gennaio 2019 - Fulvia Gravame
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)