Conflitti

Gli stupri dei bambini erano la regola: "La notte li sentiamo gridare, ma non possiamo fare nulla"

"Mettevamo al potere gente che faceva cose peggiori di quelle fatte dai talebani"

Gli episodi che riportiamo in questa pagina web spiegano perché l'esercito e la polizia afghani non fossero amati dalla popolazione e si siano sbriciolati appena è venuto meno il supporto delle truppe americane e della Nato, nonostante fossero stati fortemente armati, attrezzati e addestrati.
Redazione PeaceLink

Congedato un militare americano per aver difeso un bambino afghano stuprato

Congedato dall’esercito per aver malmenato lo stupratore di un bambino afgano. La nazione americana si sta stringendo attorno al sergente di prima classe Charles Martland, pluridecorato berretto verde con 11 anni di servizio nelle forze speciali e stella di bronzo per atti di eroismo, per una storia che ha sconvolto gli Stati Uniti.

I fatti risalgono al 2011. Il sergente Martland, è rischierato in un remoto avamposto dell’Afghanistan quando riceve la visita di una donna: è stata picchiata. Suo figlio di dodici anni è stato legato e violentato dal comandante della polizia locale. La donna racconta la storia anche al comandante del rischieramento dei reparti speciali, Daniel Quinn. I berretti verdi decidono di recarsi con un medico a casa della donna: la visita conferma la violenza sessuale subita dal bambino. Lo strupratore ha un nome: Abdul Rahman, comandante locale della polizia afgana. Il racconto ai soldati americani, giunge all’orecchio del poliziotto che si reca a casa della donna e la riduce in fin di vita. L’episodio non passa inosservato. I berretti verdi decidono di intervenire e convocano l’uomo che conferma lo stupro ridendo e sminuendo la violenza sulla donna. La reazione di Martland è immediata: il berretto verde si scaglia contro lo stupratore. Il rapporto ufficiale parla di “strattonamenti” nei confronti del comandante della polizia locale, che è stato “invitato” a lasciare la base il più in fretta possibile. Abdul Rahman, fugge con i suoi uomini dalla base dei berretti verdi e racconta di essere stato malmenato al comandante di un altro avamposto americano che segnala l’episodio per via ufficiale.

Quinn e Martland vengono sospesi e richiamati in patria. Lo scorso anno l’Army Human Resources Command ha raccomandato la radiazione di Charles Martland dall’esercito per motivi disciplinari. Una decisione ufficiale, sarà assunta il prossimo primo marzo dall’ U.S. Army. Gli americani, intanto, hanno fatto quadrato attorno al soldato con una petizione che ha giù superato le 300 mila firme. Come è noto, anche il Congresso americano ha avviato un’indagine interna per appurare il comportamento dei militari americani sul dilagante abuso sessuale dei bambini in Afghanistan.

Charles Martland non è un soldato comune. Nel gennaio del 2010 lui ed altri dodici berretti verdi scoprirono un avamposto talebano nella provincia di Kunduz ed ingaggiarono battaglia contro le forze nemiche. Per le azioni compiute quel giorno, Martland ricevette anche una menzione scritta inoltrata al Congresso dell’allora comandante delle forze statunitensi ed alleate in Afghanistan, il generale David Petraeus.

L’esercito americano ha già provato a “liberarsi” di Martland, avanzandogli la proposta di un congedo volontario a partire dallo scorso novembre. Proposta rifiutata e sentenza finale della commissione militare attesa per il prossimo primo marzo. A sostegno di Martland, oltre a quanti hanno firmato la petizione, si sono schierati le principali testate del paese, numerosi politici americani e tutti i candidati alla presidenza.

L’American Center for Law and Justice, intanto, pretende un’inchiesta ufficiale a tutti i livelli per stabilire “l’inquietante motivo che ha permesso alle forze afgane di abusare sessualmente dei bambini, nel silenzio degli Stati Uniti”.

Franco Iacch su Il Giornale del 20/2/2016

Afghanistan: a militari Usa l'ordine di ignorare le violenze di pedofilia degli ufficiali afghani

Si solleva il velo su una pagina oscura della guerra in Afghanistan. Ai militari statunitensi veniva sistematicamente ordinato di ignorare i ripetuti casi di pedofilia dei quali sono responsabili gli ufficiali della polizia e dell'esercito afghano loro alleati. Le direttive dei comandi militari Usa erano di non interferire con quello che viene considerato un aspetto, seppure odioso, della cultura locale e di voltarsi dall'altra parte ogni volta che si assiste a casi di "bacha bazi", letteralmente "giocare con i bambini".

L'ordine valeva anche quando gli ufficiali afghani trascinavano i loro piccoli schiavi sessuali all'interno della basi che condividevano con gli americani. A raccontare quella che potrebbe rivelarsi come una delle pagine più controverse della lunga presenza militare americana in Afghanistan è il New York Times, che ha intervistato alcuni dei militari Usa che hanno disobbedito agli ordini, intervenendo per fermare gli abusi e in alcuni casi hanno subito provvedimenti disciplinari o sono stati costretti a lasciare l'esercito.

La politica del voltarsi dall'altra parte era diventata una prassi consolidata nel programma di reclutamento ed addestramento di forze locali afghane da impiegare nella guerra contro i talebani. Una pratica però controproducente, perché i responsabili degli atti di pedofilia, armati dagli Stati Uniti e posti a comando dei villaggi, finivano per alienarsi le simpatie della popolazione locale più di quanto avessero fatto gli stessi talebani.

In alcuni casi chi ha disobbedito agli ordini è stato punito o ha avuto la carriera rovinata

"La ragione per cui eravamo lì era che avevamo sentito le cose terribili che i talebani facevano alla gente e il modo in cui calpestavano i diritti umani", ricorda Dan Quinn, un ex comandante delle Forze speciali Usa nella provincia di Kunduz, che quattro anni fa non ce la fece più a far finta di nulla e picchiò un comandante afghano, Abdul Rahman. L'uomo, poi ucciso due anni dopo in un'imboscata dei talebani, teneva un ragazzino incatenato al letto del suo alloggio come schiavo sessuale. A denunciare l'episodio era stata la stessa madre del bambino.

"Mettevamo al potere gente che faceva cose peggiori di quelle fatte dai talebani. Era questo che mi dicevano gli anziani del villaggio", aggiunge Quinn, che dopo aver alzato le mani contro l'ufficiale afghano venne sollevato dal comando e ritirato dall'Afghanistan. Successivamente, Quinn lasciò l'esercito. Episodi come questo stanno sempre più venendo alla luce pubblicamente, specialmente nei casi in cui è emerso che i militari Usa sono stati puniti per aver disobbedito ad ordini che consideravano moralmente sbagliati.

Come è avvenuto per Quinn e come sta avvenendo per il sergente Charles Martland, che insieme a Quinn partecipò alla 'punizione' dell'ufficiale pedofilo afgano. L'esercito sta ancora tentando di fargli abbandonare la divisa, ma il suo caso è stato preso a cuore da Duncan Hunter, un deputato repubblicano della California, che nei giorni scorsi ha scritto all'Ispettorato generale del Pentagono per avere chiarimenti: "L'esercito sostiene che Martland e gli altri si sarebbero dovuti voltare dall'altra parte", afferma Hunter.

Il comando Usa, sono casi che riguardano la giustizia afghana

Il New York Times ha interpellato il colonnello Brian Tribus, portavoce del comando Usa in Afghanistan. "Generalmente, le accuse di abusi sessuali su minori da parte del personale dell'esercito o della polizia afghani riguarderebbero la giustizia afghana. Per il personale militare Usa non ci sarebbe nessun obbligo di denunciarli", è stata la sua risposta. Un'eccezione, ha concesso il colonnello Tribus, potrebbe essere fatta nel caso in cui lo stupro venisse usato come un'arma di guerra.

La politica americana di non intervento mira a mantenere buoni rapporti con l'esercito e la polizia afghani che sono stati armati e addestrati dagli Usa e dagli alleati della Nato per combattere i talebani. Questo atteggiamento riflette anche la riluttanza americana ad imporre i propri valori morali in un paese dove la pedofilia è una pratica comune, soprattutto tra gli uomini che ricoprono posizioni di potere, per i quali circondarsi di giovani adolescenti è considerato una sorta di status symbol. Eppure, questa stessa politica in alcuni casi ha contribuito ad ampliare il solco di diffidenza con gli abitanti dei villaggi, in particolare di quelli scelti come terreno di caccia dai comandanti afghani.

In almeno un caso, la politica del chiudere gli occhi di fronte ai diffusi episodi di pedofilia tra gli alleati afghani potrebbe aver prodotto direttamente delle vittime Usa. Ne è convinto Gregory Buckley senior, padre del caporale dei Marines Gregory Buckley junior, che ha avviato un'azione legale per chiedere al Pentagono di fare chiarezza sulla morte del figlio. Il caporale Buckley ed altri due marines vennero uccisi nel 2012 in una base militare nel sud dell'Afghanistan da un ragazzino afghano che faceva parte di un gruppo di adolescenti che vivevano all'interno della base insieme ad un comandante della polizia afghana, Sarwar Jan.

Jan aveva una pessima reputazione. Nel 2010 due ufficiali dei Marines erano riusciti ad ottenere il suo arresto da parte della autorità afghane. le accuse contro di lui andavano dalla corruzione alla pedofilia. Due anni dopo, Jan era nuovamente al comando di un'altra unità di polizia che operava nella provincia dell'Helmand dalla Base avanzata Delhi, la stessa del caporale Buckley. Quando Jan si trasferì all'interno della base, portò con sé un entourage di ragazzini afghani, ufficialmente da impiegare come domestici, ma in realtà come schiavi sessuali. Il padre del caporale Buckley ricorda ancora quanto gli raccontava il figlio al telefono: "La notte li sentiamo gridare, ma non ci è permesso di fare nulla".

La cosa non passò inosservata. Lo stesso caporale Buckley ne parlò al telefono con il padre, mentre i due ufficiali dei Marines che nel 2010 erano riusciti a far arrestare Jar, venuti a sapere della ricomparsa dell'ufficiale, informarono immediatamente i comandanti della base Delhi della pericolosità dell'individuo. A quanto pare, il loro allarme rimase inascoltato. Dopo due settimane, infatti, un ragazzino al seguito di Jan, un 17enne, imbracciò un fucile ed uccise il caporale Buckley ed altri due marines. Da allora il padre del caporale Buckley è tormentato dal dubbio che il figlio sia stato ucciso a causa degli abusi sessuali compiuti da Jan: "Dal punto di vista di quei ragazzini, i marines lasciano che queste cose accadano e quindi sono anche loro colpevoli". Bacha Bazi

Per una tragica ironia della sorte, l'unico ufficiale Usa che venne punito a seguito di quell'episodio fu il maggiore Jason Brezler, lo stesso che aveva fatto arrestare Jan nel 2010 e aveva poi allertato i comandanti della base Delhi sulla pericolosità del loro 'alleato' afghano. Brezler venne infatti accusato di aver rivelato informazioni riservate sul conto di Jan. Il Corpo dei Marines ha ora avviato un procedimento per cancellare quel provvedimento disciplinare. Quanto a Jan, sembra che abbia fatto carriera e ricopra ora una nuova posizione di comando nella stessa provincia dell'Helmand.

AdnKronos 21 settembre 2015

Note: "Nonostante le numerose testimonianze, la Nato ancora oggi ufficialmente smentisce che la missione statunitense abbia taciuto sui ripetuti abusi sessuali, ai danni di minori, da parte delle forze afgane". Questo si leggeva il 2 ottobre 2015 su "In terris" https://www.interris.it/archivio-storico/stupri-di-guerra-le-urla-e-i-silenzi/

Articoli correlati

  • Il futuro di Kabul
    Conflitti
    Un'analisi dell'Afghanistan dopo la sconfitta degli Stati Uniti e della Nato

    Il futuro di Kabul

    Cina, Russia, Pakistan, Qatar e Turchia negoziano con i Talebani per mantenere un ordine che crei un ambiente favorevole tanto ai loro investimenti in infrastrutture e attività estrattive. E vogliono tenere lontane dai propri confini le minacce portate dalle fazioni jihadiste e indipendentiste.
    11 ottobre 2021 - Valeria Poletti
  • Italiani per Hale
    PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    Redazione PeaceLink
  • Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili
    Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?
    Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)