Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • F-35

    F-35

    La cinica conclusione nella Relazione speciale sulla partecipazione italiana al Programma F-35 Lightning II della Corte dei conti e la cupa posizione dei sindacati confederali. Di fatto le forze aeree straniere che utilizzano l’F-35 saranno costrette a finanziare con 150 milioni di dollari i laboratori software degli Stati Uniti occupati quasi per il 50% da personale statunitense
    1 settembre 2017 - Rossana De Simone
  • Le bugie sull’Afghanistan
    Nessuna ricostruzione nonostante i 100 miliardi di dollari spesi dagli USA

    Le bugie sull’Afghanistan

    Un triste bilancio sulla missione USA in Afghanistan mentre Trump rilancia e promette "più uomini fino alla vittoria finale"
    24 agosto 2017 - Matthew Hoh
  • New York

    L'era atomica sta per finire - di Alfonso Navarra

    Oggi all'ONU si è varato un Trattato per proibire gli ordigni nucleari.
    7 luglio 2017 - Laura Tussi

Lettera aperta a George Bush

12 dicembre 2004 - Ralph Nader

Presidente George W. Bush
The White House
Washington, DC 20500

Caro Presidente Bush:

Il 30 giugno 2004, le ho scritto una lettera aperta che sollecitava la sua amministrazione ad includere, nel conto ufficiale degli incidenti degli Stati Uniti in Iraq: (1) le ferite riportate in situazioni di non-combattimento; (2) il personale militare che ha sviluppato malattie disabilitanti; e (3) i casi di trauma mentale che richiedono l’evacuazione dall'Iraq. Lei non mi ha risposto, né lo ha fatto il senatore John Kerry, che ha ricevuto una copia della lettera.

Avrei dovuto aggiungere altre tre categorie supplementari che non fanno parte del conto ufficiale degli incidenti -- (4) i decessi che hanno luogo dopo che personale militare ferito è stato fatto rientrare negli Stati Uniti; (5) i soldati che commettono suicidio in Iraq; e (6) le lesioni e i decessi a cui vanno incontro gli appaltatori rappresentanti delle multinazionali che operano nel teatro di guerra Iracheno.

Il 21 novembre 2004, ‘60 Minutes’ della CBS ha condotto il suo programma con un segmento dedicato alla questione di quegli incidenti che non vengono conteggiati e che risultano da situazioni di "non-combattimento". Hanno intervistato soldati che erano stati feriti gravemente e che erano arrabbiati di essere stati esclusi dal conto ufficiale, anche se si trovavano, nelle parole di un soldato, "in territorio ostile." Il Pentagono ha rifiutato di rilasciare interviste, e ha invece inviato una lettera che conteneva informazioni non incluse nei rapporti pubblicati sugli incidenti. "Più di 15.000 soldati con cosiddette 'ferite e malattie non-battlè sono state evacuate dall'Iraq," ha scritto il Dipartimento della Difesa. John Pike, direttore di GlobalSecurity.org ha detto a “60 Minutes” che questo numero di incidenti non conteggiati "si dovrebbe approssimativamente aggirare da qualche parte oltre i 20, forse i 30.000".

Ma che problema ha? La gente Americana deve poter conoscere nella sua totalità il conto degli incidenti in cui è incorso il personale degli Stati Uniti in Iraq ed esserne informata con regolarità e in maniera tempestiva. Il non farlo è una grande mancanza di rispetto, particolarmente nei confronti delle famiglie dei militari, ma sono poi i soldati stessi quelli a cui lei manca più di rispetto. Come ha detto il gravemente ferito Chris Schneider alla CBS: "Ognuno di noi è andato in Iraq sapendo che sarebbe potuto morire. E allora quelli ci dicono che – siete stati feriti -- o il vostro sacrificio non merita di essere riconosciuto o non meritiamo di essere sulla loro lista -- non è giusto. È quasi vergognoso."

Soldati quali Chris Schneider, Joel Gomez e Graham Alstrom vogliono sapere se lei continuerà a eludere il loro desiderio per rispetto ufficiale. Che cosa dovremmo dire loro e agli altri che cercano quel semplice, decente riconoscimento ufficiale? Per favore non pensi che sapendo di essere un non-responder cronico a domande critiche, allora questo le consentirà di non rispondere all’infinito a questa crescente domanda. Le sue foto opportunistiche con le truppe da toccata e fuga non sono neppure capaci di tagliare la senape. Si alzi in piedi e affronti la situazione. È la cosa giusta da fare per loro.

Sinceramente,

Ralph Nader

Note:

Tradotto da Melektro per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando le fonti, l'autore e il traduttore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)