L’acqua non sarà privatizzata

Successo del movimento nel decreto del governo
3 luglio 2006
Emilio Molinari
Fonte: Liberazione (http://www.liberazione.it)

Il ministro Paolo Ferrero, rispondendo ad un mio articolo su Il Manifesto, ha comunicato che il governo ha deciso di rispettare quanto sta scritto nel programma dell’Unione. E dal momento che il Movimento sull’acqua ha detto che non bastano più le dichiarazioni di principio, ma occorrono atti e misure legislative adeguate, ha dettagliato l’impegno governativo annunciando l’approvazione all’interno della manovrina di un articolo che prevede la proroga della scadenza del 31 dic. 2006 per il termine degli affidamenti del servizio idrico e l’approvazione di una legge delega al cui interno è previsto appunto che le reti e la gestione di tale servizio restino integralmente pubbliche. E’ una vittoria di tutto il movimento italiano a difesa dell’acqua e di quello di Porto Alegre ed è una vittoria politica, culturale, che dà concretezza alla prospettiva dei Beni Comuni.
Sei anni di lavoro dal basso di tutto il movimento dell’acqua e all’impegno istituzionale prevalente di Rifondazione Comunista e di quelli che all’interno del partito ci hanno creduto, hanno ribaltato una cultura politica che sembrava scontata e una tendenza che sembrava inarrestabile, in Italia e nel mondo… Credo che la cosa meriti di essere annunciata con la “fanfara” delle prime pagine e dei servizi tv. E’ un errore tenerla in sordina, è come negarla e negare il ruolo avuto nell’averla determinata.

Occorre avere la consapevolezza che sull’acqua si è determinata una svolta: il nostro paese sull’acqua esce dalla cultura del mercato e della merce per entrare in quella del diritto umano, della tutela del bene, della partecipazione, della ripubblicizzazione. D’ora in poi l’anomalia non sarà chiedere la gestione pubblica del servizio idrico, l’anomalia saranno le Spa.

Ora c’è un libro quasi tutto da scrivere sul piano politico, giuridico, legislativo, del governo della res pubblica e dobbiamo scriverlo assieme, politica e movimento. La nuova realtà ha delle immediate implicazioni, per il movimento dell’acqua italiano e per la politica del governo in sede nazionale, internazionale ed europea. Per il movimento, credo si debbano accelerare i tempi dei nostri appuntamenti in agenda, la stesura della legge di iniziativa popolare, la rimessa in discussione delle scelte locali già fatte, l’inizio di un percorso di confronto con tutte le istituzioni: sulla partecipazione, la ripubblicizzazione, il governo complessivo del bene acqua. Per il governo, la conseguenza immediata è una legge che ridefinisca i vari servizi pubblici, quelli di carattere economico e quelli di interesse generale o di pubblica utilità collocando il servizio idrico tra questi ultimi e un simile provvedimento può dare alla discussione sulle liberalizzazioni quella concretezza e quella partecipazione che oggi non ha. Ma sopratutto la cosa ha conseguenze sulla applicazione in Italia della direttiva Bolkestein appena votata in sede europea e sul mandato ai parlamentari europei dell’Unione di sostenere anche in quella sede una nuova direttiva sui servizi. Mi aspetto venga rivista la posizione del nostro paese nei negoziati Gats sui servizi e la nostra posizione sul Ciadi, il tribunale della Banca mondiale che tratta i contenziosi con le multinazionali.

La vertenza sull’acqua in Italia ha segnato un primo significativo successo, il difficile rapporto tra movimento e politica non si è interrotto con il governo, anzi può influire sulla vertenza internazionale contro le corporation e dare al movimento quella prima vittoria mondiale di cui ha bisogno. Che dire…che questo è solo l’inizio… la lotta continua?

Articoli correlati

  • La svolta euro ambientalista del governo giallo rosso non basta
    Europace
    Sul governo M5S, PD, Leu

    La svolta euro ambientalista del governo giallo rosso non basta

    Il segretario del PD Nicola Zingaretti ha chiesto discontinuità rispetto al governo precedente. Discontinuità che non ha avuto sul nome del presidente del Consiglio ma l'ha ottenuta su due punti che sono di fondamentale importanza per il nostro futuro: l'Europa e i cambiamenti climatici.
    5 settembre 2019 - Nicola Vallinoto
  • Un governo per gestire le emergenze climatica e democratica
    Editoriale
    Sulla crisi di governo

    Un governo per gestire le emergenze climatica e democratica

    Chiunque si assumerà la responsabilità di governare il Bel Paese dovrà fare i conti con le richieste del movimento sui cambiamenti climatici promosso da Greta Thumberg e con l’esigenza di invertire il ruolo egemonico dell’economia rispetto alla politica.
    16 agosto 2019 - Nicola Vallinoto
  • Il governo italiano non può condannare a morte i naufraghi. Un appello
    Migranti
    Scrivi anche tu ai parlamentari italiani!

    Il governo italiano non può condannare a morte i naufraghi. Un appello

    Il governo italiano con il cosiddetto "decreto sicurezza della razza bis" intende impedire ai soccorritori volontari di salvare vite umane nel Mediterraneo.Questo significa condannare a morte i naufraghi, vittime inermi ed innocenti di una insensata, scellerata violenza.
    21 luglio 2019 - Peppe Sini
  • El Salvador: sconfitta l'oligarchia dell'acqua
    Latina
    L'Assemblea legislativa respinge l'ingresso dei privati nella gestione dell'oro blu

    El Salvador: sconfitta l'oligarchia dell'acqua

    Grazie alla mobilitazione della società civile
    25 marzo 2019 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)