Consumo Critico

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Il fenomeno turistico nella logica sostenibile e responsabile: introduzione

Le potenzialità del turismo

Il turismo racchiude in sé enormi potenzialità, ma rischia di diventare un'arma a doppio taglio se non si prendono in considerazione tutti gli aspetti che ruotano attorno ad esso: da quelli ambientali a quelli sociali, senza dimenticare quelli culturali.
1 agosto 2006 - Alessia Mendozzi

Il turismo è un fenomeno socio-economico-culturale dalle enormi potenzialità. Il problema di fondo, però, è che queste potenzialità possono esprimersi sia positivamente che negativamente: può, cioè, fare da traino per un considerevole sviluppo locale, così come essere il tasto dolente di un deturpamento territoriale e culturale. Croce e delizia a seconda dei casi. L’ago della bilancia spetta, come sempre, all’intelligenza umana.

Nel corso della storia, il turismo si è notevolmente evoluto. Le motivazioni e le modalità di viaggio hanno subito numerosi mutamenti, in concomitanza con i cambiamenti culturali, sociali ed economici. Attraverso la loro analisi, si mette ulteriormente in evidenza quello che è già abbastanza evidente anche ai non addetti ai lavori: il carattere non esclusivamente economico del turismo.

La logica capitalista del “massimo guadagno con il minimo sforzo”, però, ha finito con il contagiare anche quello che, a conti fatti, è uno dei fenomeni che racchiude in sé svariate possibilità di sviluppo, straordinario fermento e apertura alla diversità. Una logica che umilia, ridicolizza e sminuisce la bellezza dell’esperienza del viaggio e della gioia dell’ospitalità.

L’esperienza del viaggio è un concentrato di vita vissuta intensamente. C’è dentro un po’ di tutto: la novità, lo scambio di punti di vista e di stili di vita, la fuga dalla staticità ristagnate della quotidianità verso il flusso dinamico della diversità. Il viaggio stimola i pensieri, accende l’entusiasmo della curiosità, favorisce il confronto e annulla le distanze mentali.

Dall’altra parte c’è l’ospitalità. Forse uno dei più grandi onori e doni che le persone possono scambiarsi. Un modo di fare che va ben al di là della semplice offerta ricettizia. L’ospitalità si traduce nel far sentire a proprio agio il viaggiatore, coccolando ed immergendolo nella realtà locale con gentilezza, disponibilità e sincerità. Tutto questo affinché il suo soggiorno sia gradevole e possa lasciargli un ricordo indelebile nella mente e nel cuore. Del posto e della gente.

Il vero spirito del viaggiatore non è quello della persona che cerca nel viaggio la riproduzione del proprio stile di vita, ma è quello di chi cerca nello spostamento un’immersione nella cultura della località che si visita. Con il massimo rispetto possibile.

Questi sono i presupposti su cui fanno leva i sostenitori del turismo sostenibile e responsabile: un turismo che permette di usufruire di tutti gli elementi sopra citati senza rovinare le risorse culturali e territoriali delle località e che si traduce, al tempo stesso, in una forma di investimento non solo nell’economia, ma anche nella cultura e nella pace. Perché viaggiare non è solo un semplice passatempo, viaggiare è vita. E ogni vita porta con sé delle responsabilità. La differenza c’è ed è evidente. Spetta a noi farla.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)