Consumo Critico

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il caso Posco in India
    Un'acciaieria rifiutata dalla popolazione

    Il caso Posco in India

    L’aumento dei costi per l’investimento iniziale, associati alla crescita globale della produzione di acciaio e al conseguente crollo dei prezzi, ha dissuaso la Posco a continuare ad insistere sul progetto di Odisha, convincendo invece il gruppo coreano a rivolgere la propria attenzione verso altre regioni ed opportunità.
    3 marzo 2016 - Cinzia Marzo
  • India: il movimento Chipko per la preservazione delle foreste

    India: il movimento Chipko per la preservazione delle foreste

    L'origine di un movimento di lotta per la sopravvivenza radicalmente nonviolento e guidato dalle donne contadine
    2 febbraio 2014
  • Alta tensione fra Italia e India: il caso AgustaWestland-Finmeccanica
    casi F-35 e M346

    Alta tensione fra Italia e India: il caso AgustaWestland-Finmeccanica

    i costi di sostentamento, il consumo di carburante o di energia, la manutenzione, la sostituzione e l’aggiornamento delle attrezzature o parti, il materiale di consumo e lo smaltimento, risultano superiori al costo dell’acquisizione del sistema d’ama
    25 marzo 2013 - Rossana De Simone
  • Incontrollato e insanabile, l'abuso sessuale sui minori in India

    Incontrollato e insanabile, l'abuso sessuale sui minori in India

    Episodi di abusi sessuali sui minori si verificano ovunque, ma in India la reazione ufficiale è sul serio una parte del problema
    7 febbraio 2013 - Heather Timmons

COCA COLA, PEPSI E LA POLITICA DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

22 novembre 2006 - Vandana Shiva (La dottoressa Vandana Shiva è un’esperta di fisica, ecologista, attivista, editore e autrice di molti libri. In India ha fondato Navdanya, un movimento per la conservazione della biodiversità e per i diritti dei contadini.)

In una democrazia, bandire prodotti e attivita’ dannose e’ un’espressione della liberta’ e dei diritti dei cittadini. La messa al bando protegge i cittadini dai rischi per la salute e per l’ambiente. E’ per questo che il fumo è stato vietato nei luoghi pubblici. E’ per questo che le sostanze dannose per l’ozono sono state proibite dal Protocollo di Montreal. E’ per questo che la Convenzione di Basilea ha bandito il commercio di rifiuti tossici e pericolosi.
La Coca Cola e la Pepsi sono entrate senza dubbio a far parte del gruppo dei prodotti tossici e dannosi che e’ necessario bandire per proteggere la salute dei cittadini e per proteggere l’ambiente. Il 22 agosto la campagna “Coca Cola e Pepsi lasciate l’India” ha intensificato l’attività per bandire Coca Cola e Pepsi con una giornata di azioni per “bandire Coca Cola e Pepsi”. Il Kerala ha bandito le coca cole. Il Karnataka, il Madhya Pradesh, il Gujarat, il Rajastan hanno vietato le bevande analcoliche dalle istituzioni educative e dalle mense del governo. E “zone libere da Coca Cola e Pepsi” si stanno diffondendo in tutto il Paese.

Rubare l’acqua, creare sete.

Ci sono serie ragioni ambientali e umanitarie per vietare la produzione di bevande analcoliche in India. Ogni stabilimento di Coca Cola e Pepsi estrae 1-2 milioni di litri d’acqua al giorno. Se ogni stabilimento estrae 1-2 milioni di litri d’acqua al giorno e ci sono 90 stabilimenti, l’estrazione giornaliera va dai 90 ai 180 milioni di litri. Questo potrebbe soddisfare il fabbisogno giornaliero di acqua potabile di milioni di persone. Ogni litro di queste bevande distrugge ed inquina 10 litri d’acqua. E si e’ scoperto che le acque di scolo così prodotte contengono alti livelli di cadmio e piombo (Pollution Control Board, Kerala, Hazard Centre).
Una prolungata esposizione al cadmio puo’ potenzialmente avere effetti quali disfunzioni renali, danni alle ossa, al fegato e al sangue. Il piombo colpisce il sistema nervoso centrale, i reni, il sangue e il sistema cardio-vascolare. Le donne di un piccolo villaggio del Kerala sono riuscite a far chiudere uno stabilimento della Coca Cola. “Quando bevete una coca, bevete il sangue della gente”, ha detto Mylamma, la donna che ha dato inizio al movimento contro la Coca Cola a Plachimada. Lo stabilimento della Coca Cola di Plachimada nel marzo 2002 ricevette una commessa per la produzione di 1.224.000 bottiglie di prodotti Coca Cola al giorno e ricevette dal panchayat una licenza condizionata per installare una pompa a motore per l’acqua. Ad ogni modo, la compagnia comincio’ ad estrarre illegalmente milioni di litri di acqua pulita. Secondo la gente del posto, la Coca Cola estraeva 1,5 milioni di litri d’acqua al giorno. Il livello dell’acqua comincio’ a calare, passando da 150 a 500 piedi sotto la superficie terrestre. Membri delle tribu’ e contadini si lamentarono che i depositi e le scorte d’acqua risentivano negativamente dell’installazione indiscriminata di pozzi per lo sfruttamento delle falde freatiche, con gravi conseguenze per le coltivazioni. I pozzi minacciavano anche le fonti tradizionali di acqua potabile, gli stagni, i serbatoi, i fiumi e i canali navigabili. Quando la compagnia non riusci’ a soddisfare la richiesta di informazioni dettagliate da parte del panchayat, fu notificato un avviso che la invitava a provare il proprio diritto, e la licenza fu cancellata. La Coca Cola cerco’ invano di corrompere il presidente del panchayat, A. Krishnan, con 300 milioni di rupie.
La Coca Cola non solo rubava l’acqua della comunita’ locale, ma inquinava anche quella che non prendeva. La compagnia depositava materiali di scarto all’esterno dello stabilimento, materiali che durante la stagione delle piogge si propagavano nelle risaie, nei canali e nei pozzi, causando gravi rischi per la salute. In seguito a questo scarico, 260 pozzi creati dalle autorita’ pubbliche per l’approvvigionamento di acqua potabile e per l’agricoltura si sono prosciugati. La Coca Cola inoltre pompava le acque di scarico nei pozzi asciutti all’interno della proprietà della compagnia. Nel 2003 l’ufficiale medico del distretto informo’ la gente di Plachimada che la loro acqua non era adatta ad essere bevuta. Le donne, che gia’ sapevano che la loro acqua era tossica, dovevano fare chilometri per procurarsi l’acqua. La Coca Cola aveva provocato una carenza idrica in una regione ricca d’acqua scaricando acque di scolo contenenti grandi quantita’ di piombo, cromo e cadmio.
Le donne di Plachimada non avevano intenzione di permettere di questa pirateria idrica. Nel 2002 cominciarono un dharna (sit-in) ai cancelli della Coca Cola. Per festeggiare il primo anniversario della loro agitazione mi unii a loro nella Giornata della Terra del 2003. Il 21 settembre 2003 una grossa manifestazione consegno’ un ultimatum alla Coca Cola. E nel gennaio 2004 la Conferenza Mondiale per l’Acqua porto’ attivisti globali a Plachimada per sostenere gli attivisti locali. Un movimento iniziato da donne adhivasi locali aveva messo in moto un’ondata di energia a loro sostegno a livello nazionale e globale.
Oggi lo stabilimento e’ chiuso e movimenti sono iniziati in altri stabilimenti.
I giganti della Coca Cola stanno aggravando la crisi idrica gia’ conosciuta dalle popolazioni delle aree rurali.
Ci sono un solo criterio e una sola misura nel problema dell’uso dell’acqua: il diritto fondamentale di ogni uomo ad acqua pulita, sana e adeguata non puo’ essere violato. E la Coca Cola e la Pepsi stanno violando questo diritto. E’ per questo che la loro estrazione di milioni di litri d’acqua dev’essere vietata. Nel caso di Plachimada l’Alta Corte del Kerala aveva stabilito “che le falde sotterranee appartengono alla popolazione. Lo Stato e le sue istituzioni dovrebbero fungere da amministratori di questo grande bene. Lo Stato ha il dovere di proteggere le falde da un eccessivo sfruttamento e l’inattivita’ dello Stato a questo proposito equivale ad una violazione del diritto della gente alla vita, garantito dall’art. 21 della Costituzione dell’India. Le falde freatiche, sotto la terra dell’imputato, non gli appartengono.
Le falde appartengono al pubblico e il secondo imputato non ha nessun diritto di reclamare una forte partecipazione e il Governo non ha il potere per permettere ad un privato di estrarre una tale quantita’ di acque sotterranee, che sono una proprieta’ che gli e’ stata affidata.
Questo principio dell’acqua come un bene pubblico e’ cio’ che ha condotto al divieto di estrazione dell’acqua a Plachimada. E’ il principio che il 20 gennaio 2005 ha portato le comunita’ locali in 55 stabilimenti di Coca Cola e Pepsi per notificare alle aziende che stavano rubando una risorsa comune.

Rubare la salute, creare malattia.

La lotta contro la Coca Cola e’ anche una lotta per la salute. Residui di pesticidi sono stati trovati nella Coca Cola e nella Pepsi. Comunque le bevande analcoliche sono pericolose anche senza pesticidi. Le bevande analcoliche non hanno nessun valore nutrizionale in confronto alle nostre bevande locali, quali nimbu pani, lassi, panna, sattu. Con le loro campagne pubblicitarie aggressive i giganti delle bevande analcoliche sono riusciti a far vergognare i giovani indiani della nostra cultura gastronomica locale, nonostante i suoi valori nutrizionali e la sua sicurezza.
Hanno monopolizzato il mercato della sete, acquistando compagnie locali come Parle e ……………….. bevande fredde locali fatte in casa o col lavoro a domicilio. Ma cio’ che vendono Coca Cola e Pepsi e’ una brodaglia colorata tossica, con valori anti-nutritivi.
Il Ministro della Salute indiano ha chiesto alle star del cinema di non sostenere Coca Cola e Pepsi per via dei rischi rappresentati dallo zucchero contenuto nelle bevande analcoliche, implicate nelle epidemie di obesita’ e diabete tra i bambini.
Marion Nestle ha definito le bevande analcoliche delle “porcherie”, ricche di calorie ma poco nutrienti. Il Centro per la Scienza e l’Ambiente nell’Interesse Pubblico ha definito le bevande analcoliche “caramelle liquide”. Una lattina da 12 once contiene 1,5 once di zucchero.
I giganti delle bevande analcoliche si stanno orientando sempre di piu’ sullo Sciroppo di Grano ad Alta Concentrazione di Fruttosio (High Fructose Corn Syrup, HFCS). Il Ministero della Salute non ha ancora affrontato la questione dei rischi per la salute dell’HFCS e dei rischi per la salute dei cibi geneticamente modificati se il grano utilizzato fosse grano geneticamente modificato. Se il Governo vuole che i cittadini usino dolcificanti sicuri dovrebbe bandire l’HFCS ed incoraggiare i produttori di zucchero di canna in India a passare all’agricoltura organica. Il Governo Centrale sta chiaramente fallendo nel proteggere la salute dei cittadini indiani.

La composizione nutritiva delle bevande analcoliche per dosi di 12 once in confronto al succo d’arancia o al latte magro.

______________Coca Cola___Pepsi_____Succo d’arancia____Latte magro
% calorie_______154_______160___________168______________153
Zucchero_________40________40____________40_______________18
Vit. A, UI________0_________0___________291______________750
Vit C, mg_________0_________0___________146________________3
Acido folico, mg__0_________0___________164_______________18
Calcio, mg________0_________0____________33______________450
Potassio, mg______0_________0___________711______________352
Magnesio, mg______0_________0____________36_______________51
Fosfato, mg______54_________55___________60______________353

Fonte: Marion Nestle, politiche alimentari.

Lo zucchero contenuto nelle bevande analcoliche non e’ zucchero naturale, saccarosio, bensi’ HCFS. Gli stabilimenti per la produzione dello sciroppo di grano hanno cominciato ad essere impiantati in India, e se non vengono stabilite delle regole rigide la dieta indiana potrebbe prendere la via di quella statunitense, dove lo sciroppo di grano ad alta concentrazione di fruttosio provoca resistenza all’insulina. A differenza del saccarosio, il fruttosio non passa attraverso alcune fasi critiche intermedie di collasso, ma viene deviato verso il fegato, dove imita la capacita’ dell’insulina di far rilasciare al fegato acidi grassi nel sangue. Degli studi hanno scoperto che le diete a base di fruttosio contengono il 31% in piu’ di trigliceridi rispetto alle diete a base di saccarosio. Il fruttosio inoltre riduce il tasso di ossidazione degli acidi grassi. P.A. Mayes, uno scienziato dell’universita’ di Londra, e’ giunto alla conclusione che l’assunzione prolungata di fruttosio provoca un adattamento dell’enzima che aumenta la lipogenesi, la formazione del grasso, e la formazione di VLDL (colesterolo cattivo), che conducono a trigliceridemia (eccesso di trigliceridi nel sangue), ridotta tolleranza al glucosio, e iperinsulinemia (eccesso di insulina nel sangue). Gli scienziato dell’Universita’ della California a Berkley hanno anche confermato che un consumo eccessivo di fruttosio stava deviando la dieta americana verso cambiamenti metabolici che inducono all’accumulo di grasso.
L’India non puo’ affrontare gli elevati costi sanitari di una dieta a base di fruttosio, che ha anche altri costi nutrizionali come effetti collaterali. Quando il grano viene utilizzato per produrre sciroppo ad alta concentrazione di fruttosio, ai poveri viene negato un elemento nutritivo basilare. Il 30% del grano viene gia’ utilizzato per produrre materia grezza per la produzione industriale di cibo per il bestiame e fruttosio e non viene usato come alimento per l’uomo. Inoltre, la sostituzione di dolcificanti piu’ sani derivati dallo zucchero di canna, come il gur e il khandsari, derubano i contadini di guadagni e mezzi di sostentamento. L’impatto dei prodotti della cola sulla catena alimentare e sull’economia e’ pertanto molto ampio e non finisce con la bottiglia.
Ad ogni modo, quello che c’e’ nella bottiglia non va bene per una dieta sana. E’ risaputo che il consumo di bevande analcoliche contribuisce a rovinare i denti, e gli adolescenti che consumano bevande analcoliche mostrano un rischio di fratture ossee 3-4 volte superiore rispetto a quelli che non ne bevono. Le bevande analcoliche stanno diventando la maggiore fonte di caffeina nelle diete dei bambini, visto che ogni lattina da 33 cl contiene circa 45 mg di caffeina.
E ci sono altri ingredienti nella brodaglia tossica, un composto antigelo – etilenglicole per ridurre la temperatura di congelamento, acido fosforico per dargli un po’ di mordente.
La gente consuma 4 kg di prodotti chimici a testa all’anno, sulla base di 20,6 milioni di tonnellate di prodotti chimici sotto forma di coloranti artificiali, aromi, ecc. (Prashant Bhushan, “Soft drinks – a toxic brew”). Pertanto non e’ solo dei pesticidi che dovremmo preoccuparci, ma delle miscele tossiche da cui i giganti della cola stanno rendendo dipendenti i nostri figli.
L’altra violazione commessa da Coca Cola e Pepsi e’ la violazione del diritto alla salute. L’acido fosforico e il diossido di carbonio rendono le bevande analcoliche fortemente acide, il che spiega come mai siano efficaci come detergenti per il bagno. Non approveremmo mai che i nostri figli bevessero detergente per il bagno, tuttavia le bevande analcoliche, che hanno le stesse proprieta’ acide, vengono vendute liberamente.
E’ a causa di questi rischi che negli Stati Uniti le scuole hanno vietato le bevande analcoliche. E’ a causa di questi rischi che 10.000 scuole e college indiani si sono dichiarati “zone libere da Coca Cola e Pepsi”. E’ a causa di questi rischi che il Governo del Kerala ha bandito le Cole. E’ a causa di questi rischi che la mensa del Parlamento Indiano non serve Coca Cola e Pepsi. Ed e’ a causa di questi rischi che i rappresentanti della Pepsi hanno ammesso che le loro bevande non sono sicure per i bambini.
Tuttavia, il Governo dell’Unione sta esitando sotto la pressione delle aziende e degli Stati Uniti. Il Ministero della Salute dell’Unione ha messo in discussione uno studio del Centro per la Scienza e l’Ambiente sui residui di pesticidi in Coca Cola e Pepsi, citando testualmente uno studio commissionato dalla Coca Cola. Chiaramente la salute dei cittadini non puo’ essere messa nelle mani di un Governo che fissa degli standard arbitrari che garantiscono a Coca Cola e Pepsi la sicurezza per fare profitti enormi, ma che non garantiscono la sicurezza per la salute dei cittadini.
Il Ministero della Salute ha annunciato che entro gennaio 2007 avra’ degli standard di sicurezza idonei per Coca Cola e Pepsi. Tuttavia Coca Cola e Pepsi non diventeranno sicure dopo il gennaio 2007. Ci sono due motivi per cui dipendere solo dalla fissazione di uno standard non e’ affidabile per garantire che i cittadini ricevano prodotti sicuri e salutari. In primo luogo, le decisioni centralizzate del Governo possono essere facilmente influenzate dagli interessi aziendali, come abbiamo visto nella risposta del Governo al dibattito in Parlamento. C’e’ una scienza aziendale e c’e’ una scienza pubblica. In un’epoca in cui sono le aziende a dettar legge, governerà la legge societaria.
In secondo luogo, per loro natura gli standard sono riduttivi. Verranno fissati gli standard per i residui di pesticidi basandosi solo sui livelli permessi per ingredienti quali acqua e zucchero, senza badare agli effetti dannosi del prodotto sulla salute della gente e sull’ambiente. Abbiamo bisogno di una sicurezza alimentare olistica, non di standard per una pseudo – sicurezza riduttivi e manipolati che proteggono le corporazioni e non la gente. Le osservazioni dello stesso Ministro della Salute chiariscono che “standard di sicurezza riduttivi non rendono sicure Coca Cola e Pepsi”. Mentre dichiarava che i residui di pesticidi erano “entro i limiti di sicurezza” nelle bottiglie testate a Myson e Gujarat, affermava anche che le cola sono porcherie e non erano sicure per la salute. La sicurezza e’ piu’ di uno standard per residui di pesticidi. E, come abbiamo visto, differenti laboratori danno risultati differenti.
Vietare o meno Coca Cola e Pepsi non puo’ e non dovrebbe dipendere solamente da se un particolare laboratorio non trova particolari livelli di residui di particolari pesticidi oltre i limiti permessi nelle bevande analcoliche. I problemi dovuti alla creazione da parte di Coca Cola e Pepsi di una crisi idrica e di una crisi sanitaria sono separatamente ragioni sufficienti per vietarle. Prese insieme, rendono il divieto imperativo. Sono crimini contro la natura e le persone. I crimini vengono determinati dal loro impatto, non dallo “standard” degli strumenti usati per commettere un crimine. Coca Cola e Pepsi sono impegnate a devastare le risorse idriche della terra e stanno lentamente avvelenando i nostri figli. E non c’e’ uno standard sicuro per la devastazione. Nessuno “standard sicuro” per un lento omicidio. E’ per questo che dobbiamo bandirle dalle nostre vite con azioni da liberi e sovrani cittadini di un’India libera e sovrana.
Un discorso di un Ministro influenzato dai giganti della Cola non li scagiona, come hanno affermato. Devono essere i liberi cittadini indiani a scagionarli. E le popolazioni indiane non hanno scagionato la Coca Cola e la Pepsi. Dobbiamo costruire sull’esempio fornito da Plachimada e dal Kerala per liberare l’India da Coca Cola e Pepsi per proteggere le nostre falde e la salute delle generazioni future.
Dobbiamo resistere ad ogni tentativo di togliere a cittadini e stati i diritti costituzionali di prendere decisioni circa la sicurezza del nostro cibo, come propone il Food Safety Act 2006.

Note:

Traduzione di Martina Perazza per Peacelink.

Il testo e' liberamente utilizzabile, per scopi non commerciali, citando la fonte (Associazione PeaceLink), l'autore ed il traduttore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)