Cosa dicono i parlamentari

Dioxin Free

Un disegno di legge redatto in orario scolastico da alcuni studenti dell'Istituto Righi. E' un progetto didattico dal titolo "Un giorno al Senato". Nell'incontro a Roma cinque senatori e due deputati si sono detti favorevoli a presentare il Disegno di Legge "Dioxin Free"
12 ottobre 2011

Formula della diossina

(AGENPARL) - Roma, 11 ott - “Voglio ringraziare gli studenti dell’Istituto Righi di Taranto edil loro Professore Alessandro Marescotti, per l’egregio lavoro sull’istituzione del marchio ‘Dioxin free’ presentato oggi al Senato nell’ambito dell’iniziativa didattica ‘senatoperiragazzi’– dichiara l’On. Pierfelice Zazzera (Idv) – la proposta avanzata dagli studenti è eccellente, anche perché solleva un tema, quello della sicurezza alimentare, particolarmente caro a Taranto, città dilaniata dalla presenza della diossina e sostanze tossiche al punto da essere la più inquinata d’Europa. Ho preso l’impegno di presentare il progetto alla Camera, con la speranza che possa essere condiviso da altri colleghi - conclude Zazzera - per dare la massima informazione possibile ai cittadini sulla necessità di depurare la catena alimentare da sostanze nocive come la diossina, allineando in nostro paese a quelli che su questo tema hanno già ottenuto risultati importanti.”

On. Pierfelice Zazzera

 

Ho presentato oggi questo disegno di legge dei ragazzi naturalmente citando la fonte,  l'istituto “Augusto Righi" di Taranto. Mi complimento molto per lo studio di ricerca approfondito dalla classe e per il messaggio che vuole trasmettere, il quale, va ben al di là della certificazione di qualità dei prodotti liberi da diossina. Questo è un messaggio di chiamata alle responsabilità di tutte quante le Istituzioni che ci sono sul territorio, perchè ,una certificazione di prodotto libero dalla diossina non avrebbe senso se non ci fosse l'impegno dell'istituzioni locali, regionali e nazionali nei confronti di un territorio che è devastato dalla diossina. Complimenti davvero ai ragazzi.

Sen. Adriana Poli Bortone

 

Sono molto favorevole a questo tipo di iniziative perchè offrono la possibilità di mostrare quello che accade in commissione, nel bene e nel male a un pezzo importante di società civile, ovvero, i giovani, Questo strumento, inoltre, permette a noi di avere una percezione di quello che manca e di vedere gli umori di questa società civile. Oggi, nel caso specifico, abbiamo analizzato un decreto di legge ben fatto probabilmente grazie anche alla competenza del professore che accompagnava i ragazzi, soprattutto abbiamo visto dei ragazzi pronti a discuterlo con competenza e personalità.

Sen. Gianrico Carofiglio

 

Mi sembra che la classe dell'istituto “Augusto Righi" di Taranto sia un'ottima classe, ha fatto un bellissimo lavoro preparatorio e devo dire che come componente della Commissione Sanità mi sono assunta l 'impegno di portare in commissione il disegno di legge, perchè è un disegno di legge ben elaborato. I ragazzi potrebbero essere degli ottimi legislatori. Dobbiamo imparare ad ascoltare un po di più i giovani e credo che questa esperienza della visita delle scuole in Senato sia molto positiva.

Sen. Emanuela Baio

 

Ringrazio i ragazzi per questo bellissimo disegno di legge che hanno presentato, abbiamo deciso ad un' unanimità di farlo nostro ma la primogenitura è sicuramente la loro. Un in bocca al lupo a quello che  sono riusciti a fare e a quello che faranno in futuro. La politica deve rappresentare una bella palestra di vita e soprattutto dare la possibilità a chiunque di poter svolgere un qualcosa con passione senza la quale facciamo poco. Auguro a questa classe di continuare a progettare con passione, di avere opinioni e idee da proporre al di là degli schieramenti politici.

Sen. Pasquale Nessa

Note: Il DDL è consultabile qui
http://eworkshop.senatoperiragazzi.it/ddl/marchio-dioxin-free

Anche l'on. Sandra Zampa e il sen. Francesco Pardi si sono dichiarati disponibili ad appoggiare il DDL "Dioxin Free".

Articoli correlati

  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)