Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

La fabbrica nella piazza

"Il Sud puzza" è un bel libro scritto da Pino Aprile, dedicato a persone che aprono strade nuove contro i mali della nostra terra. Se ne parla a Francavilla Fontana (BR)
23 aprile 2014

foto l.giannotti

 Il 23 aprile 2014, alle 19.00,  nel Castello "Imperiali" di Francavilla Fontana, viene presentato il libro
"Il Sud puzza" di Pino Aprile, in occasione della Giornata Mondiale del Libro.

I temi sono duri, e anche le storie. Ma è un libro che fa bene. Ci mette al fianco di tante persone che nel Sud reagiscono anche con successo alla criminalità e alla corruzione. Sin da subito mette in moto energie,  sentimenti ordinati come quelli con i quali Aprile dà nome ad alcuni capitoli: vergogna, fiducia, orgoglio ...

Storie vere, persone.

Non si può perdere la storia di Raffaella, che a Ercolano ha rifiutato di pagare il pizzo e ha messo in moto una piccola rivoluzione in quella comunità. Ercolano, dove le persone delle Istituzioni hanno fatto quello che dovevano. E guai se non fosse stato così.

Il libro di Pino Aprile

A Taranto e alla presa di coscienza dei suoi abitanti - soli contro il colosso siderurgico, magistratura a parte, se si pensa alle scelte di governi e amministratori del passato e di oggi  - Aprile dedica uno dei primi capitoli. Descrive la sua esperienza prima di allontanarsi dalla città, giovanissimo, e i sentimenti di un tempo. Un Sindaco - racconta - "per far intendere quale fosse l'impreparazione e l'attesa della città per la grande fabbrica, disse, anni dopo, a cose ormai chiare: ci avessero chiesto di metterla nella piazza principale, avremmo consentito".

In ognuna delle realtà raccontate, anche se "quando le cose cominciano ad accadere, accadono tutte insieme", ci sono persone che per anni, nell'apparente indifferenza dei tanti, hanno osservato, documentato, cominciato a denunciare e a gettare le basi per un primo strato che si trasformerà in una rete di rapporti e iniziative, di associazioni, di impegno collettivo da cui non si torna più indietro.

(Alle ore 19.00, in via Municipio 1, sala di rappresentanza)

Note: Per saperne di più
http://www.brundisium.net/brun/?p=11495

Articoli correlati

  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
  • I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni
    Ecologia
    Peccato perché volevamo discutere i dati sanitari e gli eccessi di mortalità vicino agli impianti

    I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni

    Vi è una differenza fra il 24 aprile e il 24 giugno 2019. Il 24 aprile furono convocate le associazioni. Oggi no. La Segreteria del Capo di Gabinetto del Ministro dello sviluppo economico ha fatto sapere tramite email a PeaceLink che "non è previsto alcun incontro".
    23 giugno 2019 - Redazione PeaceLink
  • Lo sviluppo della grande industria di Taranto. Quale futuro?
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    Lo sviluppo della grande industria di Taranto. Quale futuro?

    Una cosa importantissima per città come Taranto è quella di programmare uno sviluppo economico che consenta una vita dignitosa ai propri cittadini. Per fare questo bisogna programmare le politiche pubbliche. La tesi allegata in formato PDF affronta tale nodo tenendo conto dell'aspetto ecologico.
    24 giugno 2019
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)