Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

La fabbrica nella piazza

"Il Sud puzza" è un bel libro scritto da Pino Aprile, dedicato a persone che aprono strade nuove contro i mali della nostra terra. Se ne parla a Francavilla Fontana (BR)
23 aprile 2014

foto l.giannotti

 Il 23 aprile 2014, alle 19.00,  nel Castello "Imperiali" di Francavilla Fontana, viene presentato il libro
"Il Sud puzza" di Pino Aprile, in occasione della Giornata Mondiale del Libro.

I temi sono duri, e anche le storie. Ma è un libro che fa bene. Ci mette al fianco di tante persone che nel Sud reagiscono anche con successo alla criminalità e alla corruzione. Sin da subito mette in moto energie,  sentimenti ordinati come quelli con i quali Aprile dà nome ad alcuni capitoli: vergogna, fiducia, orgoglio ...

Storie vere, persone.

Non si può perdere la storia di Raffaella, che a Ercolano ha rifiutato di pagare il pizzo e ha messo in moto una piccola rivoluzione in quella comunità. Ercolano, dove le persone delle Istituzioni hanno fatto quello che dovevano. E guai se non fosse stato così.

Il libro di Pino Aprile

A Taranto e alla presa di coscienza dei suoi abitanti - soli contro il colosso siderurgico, magistratura a parte, se si pensa alle scelte di governi e amministratori del passato e di oggi  - Aprile dedica uno dei primi capitoli. Descrive la sua esperienza prima di allontanarsi dalla città, giovanissimo, e i sentimenti di un tempo. Un Sindaco - racconta - "per far intendere quale fosse l'impreparazione e l'attesa della città per la grande fabbrica, disse, anni dopo, a cose ormai chiare: ci avessero chiesto di metterla nella piazza principale, avremmo consentito".

In ognuna delle realtà raccontate, anche se "quando le cose cominciano ad accadere, accadono tutte insieme", ci sono persone che per anni, nell'apparente indifferenza dei tanti, hanno osservato, documentato, cominciato a denunciare e a gettare le basi per un primo strato che si trasformerà in una rete di rapporti e iniziative, di associazioni, di impegno collettivo da cui non si torna più indietro.

(Alle ore 19.00, in via Municipio 1, sala di rappresentanza)

Note: Per saperne di più
http://www.brundisium.net/brun/?p=11495

Articoli correlati

  • ArcelorMittal: flash mob contro fabbrica sabato a Taranto
    Taranto Sociale
    I cittadini protesteranno perché il sindaco Rinaldo Melucci non risponde

    ArcelorMittal: flash mob contro fabbrica sabato a Taranto

    Il Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto: "Si chiede ancora una volta che il sindaco dichiari l'incompatibilità dell’area a caldo dell’Ilva con la salute pubblica. Ricordiamo che l'area a caldo dell'Ilva venne già dichiarata fuorilegge fin dal 2012 dalla Magistratura".
    15 ottobre 2020 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Sandro ci mancherai
    Taranto Sociale
    Perdiamo una delle sue persone più buone che ci ha accompagnato in questi anni

    Sandro ci mancherai

    Sorridente e scoppiettante come pochi, sapeva rendere colorate e leggere le manifestazioni che facevamo assieme per combattere l'inquinamento a Taranto
    8 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • Ilva Football club è la speranza
    Sociale
    A Taranto vogliamo vedere tornare i bambini a giocare all'aperto

    Ilva Football club è la speranza

    Le mie impressioni su "Ilva football club" che è diventato un caso letterario, ricevendo recensioni autorevoli su giornali nazionali. Narra della squadra di calcio dell’ILVA. I suoi calciatori sono tutti morti. Giocavano su un campo contaminato.
    Fulvia Gravame
  • Veleno
    Cultura
    Metti una notte d'estate

    Veleno

    Ecco cosa accade qui, nella terra amata dai greci e dai romani, nella terra che giace su due mari, tesoro di meraviglie d'arte e natura. Qui, prendi confidenza con benzene, acido solfidrico e anidride solforosa più che con i delfini del Golfo.
    19 agosto 2020 - Viviana Sebastio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)