CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • I miliardari del gruppo italiano Riva potrebbero chiudere il loro più grande stabilimento

    I miliardari del gruppo italiano Riva potrebbero chiudere il loro più grande stabilimento

    Una delle famiglie più ricche d’Europa sta fronteggiando una potenziale catastrofe dopo essere stata accusata di immettere nell'aria delle tossine che provocano il cancro ed avere visto confiscati quasi 2 miliardi di dollari in beni da parte di un giudice italiano
    26 gennaio 2013 - Kambiz Foroohar e Chiara Remondini
  • Il Pacifico impegno di Obama: dalla Libia all’Iran mette le basi in Australia
    il lancio di un missile potrebbe provocare un vero e proprio contrattacco con forze nucleari strategiche

    Il Pacifico impegno di Obama: dalla Libia all’Iran mette le basi in Australia

    gli sforzi per impedire all'Iran di acquisire armi nucleari potrebbero provocare reazioni pericolose, incluso il perseguimento del paese di altri sistemi di armi non convenzionali
    19 novembre 2011 - Rossana De Simone
  • Antidepressivi a bambini di meno di un anno
    USA, Canada e Australia dettano la linea internazionale in materia

    Antidepressivi a bambini di meno di un anno

    In Australia cresce l’allarme: più di quattromila “depressi” hanno meno di 10 anni, ed oltre cinquecento hanno meno di 5 anni. “Prescizioni inquietanti”, dichiara il portavoce del Royal Australian College of Physicians. Prof. Costa (Policlinico Umberto I°): “Stanno avvelenando i bambini, modificandogli in modo irreversibile il sistema nervoso, questi colleghi sono incoscienti e pericolosi”
    9 dicembre 2008 - Giacomo Alessandroni
  • Sei un pirata australiano? Ti processano negli USA

    Le lobby delle major mettono a segno un colpo decisivo: trionfa il principio del copyright globale con una estradizione che suscita perplessità tra gli addetti ai lavori e rabbia in rete
    8 maggio 2007 - Luca Annunziata

Sei uno zombie? Ti facciamo fuori

Succede in Australia dove uno dei principali provider di banda larga decide di impedire ai computer di alcuni suoi abbonati di accedere alla rete. Sono pericolosi, dice
21 aprile 2005 - Punto Informatico

Sidney (Australia) - Una delle misure più drastiche e controverse per limitare i danni causati da cracker e trojan è stata assunta con decisione da BigPond, la società del colosso telefonico australiano Telstra che offre servizi broad band: BigPond ha disconnesso dalla rete i PC di certi suoi utenti perché, a suo dire, sono pericolosi.

Un portavoce dell'azienda ha spiegato che sono sei gli utenti interessati dal provvedimento, abbonati i cui computer sarebbero stati presi di mira da cavalli di troia che permettono a cracker da remoto di utilizzarli come testa di ponte per lanciare attacchi telematici. Il giochino è ben noto, è quello delle botnet di zombie, ossia network di PC compromessi che rappresentano una sorta di "armata" ai servizi di chi li controlla e che, talvolta, persino affitta le proprie botnet a gruppi criminali per svolgere aggressioni via Internet.

Secondo uno dei dirigenti della società, ormai da diverse settimane gli abbonati vengono messi in guardia contro la circolazione di certi software e proprio la scorsa settimana l'azienda ha segnalato il notevole aumento di ping verso i propri server, in tal numero da configurare addirittura, secondo BigPond, una sorta di attacco denial-of-service diretto contro i propri server DNS. Vista la relativa innocuità di un singolo ping, questa affermazione dovrebbe servire secondo BigPond a capire l'entità che ha raggiunto il problema, risolvibile evidentemente solo in "collaborazione forzata" con gli utenti.

L'azienda non si fermerà qui. "Stiamo continuando a individuare e rimuovere dalla rete alcuni computer - ha spiegato la società - BigPond è solo uno dei tanti provider nel mondo che vengono presi di mira in questo modo".

Vista la gravità della situazione e le drastiche misure intraprese, BigPond ha voluto sottolineare di aver già notificato quanto sta accadendo ai cybercop australiani. Inoltre, ha affermato l'ISP, "questa settimana intendiamo attivare una soluzione tecnica che riteniamo ridurrà enormemente l'impatto di questo problema".

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)