CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Ancora polemiche sulle cam di strada

Nell'Australia delle cyber censure c'è persino chi si scandalizza se in una regione vengono testate nuove cam intelligenti capaci di spiare chi si trova sulla pubblica piazza
26 settembre 2003 - Punto Informatico

Roma - In Italia sono ormai dappertutto e altri paesi europei, come il Regno Unito, coltivano come oggetti preziosi da moltiplicare il più possibile le cam che spiano i movimenti di chi si muove in pubblico. In Australia, invece, c'è ancora chi si scandalizza.

Nella regione di Victoria, infatti, le autorità hanno deciso di implementare l'esistente sistema delle "spy camera" con una nuova tecnologia che sarebbe studiata, secondo le dichiarazioni ufficiali, per rendere le cam più... intelligenti.

In particolare, grazie al software utilizzato, il sistema sarebbe in grado di identificare e registrare dettagli essenziali, come il numero di una targa o il volto di una persona, qualora questa "assista" ad un fatto criminoso, in particolare spaccio di droga, furto di automobili e scippi.

Secondo i gruppi che si battono per le libertà civili, come Liberty Victoria, ci sono cose che le persone fanno in pubblico, come ad es. uscire da una casa da gioco, che non vogliono vengano registrate o risapute. Fino ad oggi, sostengono i libertari, le autorità della regione non hanno garantito con normative ad hoc che venga rispettata la privacy dei cittadini.

Un'altra tesi contro le cam, inoltre, si nutre del fatto che i criminali, una volta appresa l'esistenza delle cam, si limiteranno a coprirsi il volto o a mascherarsi, rendendo quindi molto più difficile il lavoro delle "spy cam".

Da parte loro le autorità, insieme ai costruttori, continuano a ripetere che il sistemone registra solo comportamenti delittuosi secondo dei criteri predeterminati. E sottolineano che per ora si tratta soltanto di una sperimentazione. Durerà due anni, ma è una sperimentazione.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)