CyberCultura

Rapporto Calipari, un pdf rivela gli omissis

Nomi e cognomi, fatti ed eventi nascosti dagli americani nel Rapporto Calipari sono svelati su Internet. Ma i servizi italiani non se ne accorgono. Nel pallone l'intelligence dei due paesi. I dettagli
2 maggio 2005
Punto Informatico

Roma - Un pdf sconvolge la vita dell'intelligence americana e di quella italiana: c'è voluto lo scoop di Macchianera.net per rivelare che nel bollente Rapporto Calipari diffuso dall'amministrazione americana gli omissis sono tanti ma possono tutti essere facilmente scoperti. Un pdf maldestro, dunque, che getta ombre sui servizi americani ma anche su quelli italiani, impegnati sulla questione tutt'altro che risolta di quanto accadde quando si provvide al recupero della giornalista italiana Giuliana Sgrena, una vicenda conclusasi con l'uccisione dell'agente italiano Nicola Calipari.

Oggi, infatti, è ufficialmente prevista la presentazione del rapporto degli investigatori italiani, un rapporto che però viene già descritto come "monco" in quanto gli omissis sui documenti statunitensi non avrebbero consentito un approfondito esame della questione, con molti dettagli tagliati fuori. Tra questi anche i nomi dei militari coinvolti nei drammatici eventi ed una serie di ulteriori elementi utili a ricostruire quanto successo. Come accennato, gli omissis sono in realtà del tutto virtuali.

Come inizialmente riportato da Gianluca Neri su Macchianera e successivamente ripreso altrove, da siti, blog e telegiornali, ci vuole davvero poco per levare le "pecette" nere che l'amministrazione USA ha voluto porre nel pdf di 43 pagine con cui ha diffuso le proprie indagini. Una notizia che desta sensazione e che ieri in giornata ha iniziato a diffondersi anche sui media americani.

È un fatto destinato ad imbarazzare la Casa Bianca su una questione molto delicata per i rapporto Italia-USA ma che certo colpisce anche qui da noi, visto che all'imperizia americana si è aggiunto il fatto che gli investigatori italiani non si sono resi conto di quanto poco ci volesse per svelare gli omissis di quel pdf.

Come togliere le pecette? Lo spiega lo stesso Neri: "È sufficiente aprire il documento originale con la versione professionale di Acrobat (quella che permette non solo di leggere, ma anche di editare i documenti), selezionare tutto il testo e fare un copia e incolla su Word o un qualsiasi editor. Oppure, più facile ancora, aprire il file “pdf” originale, cliccare su “Salva come…” e scegliere un qualsiasi formato diverso dal “pdf” (sempre Word, tanto per dirne uno). Et voilà, la pecetta nera sparisce: gli “omissis” sono lì, nero su bianco, invece che nero su nero".

Macchianera pubblica entrambe le versioni del pdf, con e senza pecette: in giallo vengono evidenziate le parole che il generale americano Vangjel, almeno in apparenza, aveva chiesto al proprio ufficio di nascondere.

Non c'è da dubitare che, alla luce di questa scoperta, il rapporto italiano verrà aggiornato. La Farnesina per ora ostenta un "no comment". Ancora presto, invece, per capire quali conseguenze potrà avere negli Stati Uniti e quali sui rapporti tra i due paesi, sebbene dietro a quegli omissis qualcuno già legga un'ammissione di colpevolezza sul comportamento dei militari americani in occasione dell'uccisione di Calipari.

Articoli correlati

  • AI - La nuova corsa agli armamenti
    Disarmo
    Intelligenza artificiale e armi autonome

    AI - La nuova corsa agli armamenti

    USA e Cina, e non solo, gareggiano sul fronte pericoloso della delega delle operazioni militari a sistemi autonomi in contesti sempre più complessi, come i combattimenti in volo
    3 dicembre 2020 - Francesco Iannuzzelli
  • TPAN: depositata interrogazione parlamentare sulla mancata firma dell'Italia
    Disarmo
    il nostro paese ospita testate nucleari

    TPAN: depositata interrogazione parlamentare sulla mancata firma dell'Italia

    Il “nuclear sharing” in Italia si traduce nel dare ospitalità a decine di testate nucleare statunitensi
    25 novembre 2020 - Rossana De Simone
  • La bambina e la gang
    Pace
    Razzismo negli Usa

    La bambina e la gang

    Aveva sei anni e solo con la scorta riusciva a entrare in classe. Nel 1960 Ruby Bridges fu la prima afroamericana della sua scuola a New Orleans. All'esterno, una combriccola aggressiva le faceva la posta, un gruppo di donne ostili le rese la vita un inferno
    22 novembre 2020 - Jasmin Lörchner
  • USA e... getta una nuova luce!
    Sociale
    Elezioni oltreoceano

    USA e... getta una nuova luce!

    Non trascurabile, inoltre, il numero di donne elette. Chissà se siamo finalmente in presenza della svolta buona per una politica più giusta per uomini e donne, per le etnie e comunità che rappresentano, per le fedi vive che professano.
    10 novembre 2020 - Virginia Mariani
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)