Rapporto Calipari, un pdf rivela gli omissis

Nomi e cognomi, fatti ed eventi nascosti dagli americani nel Rapporto Calipari sono svelati su Internet. Ma i servizi italiani non se ne accorgono. Nel pallone l'intelligence dei due paesi. I dettagli
2 maggio 2005
Punto Informatico

Roma - Un pdf sconvolge la vita dell'intelligence americana e di quella italiana: c'è voluto lo scoop di Macchianera.net per rivelare che nel bollente Rapporto Calipari diffuso dall'amministrazione americana gli omissis sono tanti ma possono tutti essere facilmente scoperti. Un pdf maldestro, dunque, che getta ombre sui servizi americani ma anche su quelli italiani, impegnati sulla questione tutt'altro che risolta di quanto accadde quando si provvide al recupero della giornalista italiana Giuliana Sgrena, una vicenda conclusasi con l'uccisione dell'agente italiano Nicola Calipari.

Oggi, infatti, è ufficialmente prevista la presentazione del rapporto degli investigatori italiani, un rapporto che però viene già descritto come "monco" in quanto gli omissis sui documenti statunitensi non avrebbero consentito un approfondito esame della questione, con molti dettagli tagliati fuori. Tra questi anche i nomi dei militari coinvolti nei drammatici eventi ed una serie di ulteriori elementi utili a ricostruire quanto successo. Come accennato, gli omissis sono in realtà del tutto virtuali.

Come inizialmente riportato da Gianluca Neri su Macchianera e successivamente ripreso altrove, da siti, blog e telegiornali, ci vuole davvero poco per levare le "pecette" nere che l'amministrazione USA ha voluto porre nel pdf di 43 pagine con cui ha diffuso le proprie indagini. Una notizia che desta sensazione e che ieri in giornata ha iniziato a diffondersi anche sui media americani.

È un fatto destinato ad imbarazzare la Casa Bianca su una questione molto delicata per i rapporto Italia-USA ma che certo colpisce anche qui da noi, visto che all'imperizia americana si è aggiunto il fatto che gli investigatori italiani non si sono resi conto di quanto poco ci volesse per svelare gli omissis di quel pdf.

Come togliere le pecette? Lo spiega lo stesso Neri: "È sufficiente aprire il documento originale con la versione professionale di Acrobat (quella che permette non solo di leggere, ma anche di editare i documenti), selezionare tutto il testo e fare un copia e incolla su Word o un qualsiasi editor. Oppure, più facile ancora, aprire il file “pdf” originale, cliccare su “Salva come…” e scegliere un qualsiasi formato diverso dal “pdf” (sempre Word, tanto per dirne uno). Et voilà, la pecetta nera sparisce: gli “omissis” sono lì, nero su bianco, invece che nero su nero".

Macchianera pubblica entrambe le versioni del pdf, con e senza pecette: in giallo vengono evidenziate le parole che il generale americano Vangjel, almeno in apparenza, aveva chiesto al proprio ufficio di nascondere.

Non c'è da dubitare che, alla luce di questa scoperta, il rapporto italiano verrà aggiornato. La Farnesina per ora ostenta un "no comment". Ancora presto, invece, per capire quali conseguenze potrà avere negli Stati Uniti e quali sui rapporti tra i due paesi, sebbene dietro a quegli omissis qualcuno già legga un'ammissione di colpevolezza sul comportamento dei militari americani in occasione dell'uccisione di Calipari.

Articoli correlati

  • Con l'appoggio dell'estrema destra passa il nuovo patto militare fra Stati Uniti e Svezia
    Disarmo
    Ieri il parlamento di Stoccolma ha approvato il controverso patto DCA

    Con l'appoggio dell'estrema destra passa il nuovo patto militare fra Stati Uniti e Svezia

    La Società svedese per la pace e l'arbitrato ha criticato duramente l'accordo, sottolineando che, a differenza di patti simili firmati con Norvegia e Danimarca, il DCA svedese non contiene riserve contro l'introduzione o lo stazionamento di armi nucleari.
    19 giugno 2024 - Redazione PeaceLink
  • Gli Usa militarizzano l'Ecuador
    Latina
    Il Sofa – Status of Forces Agreement è un accordo militare capestro

    Gli Usa militarizzano l'Ecuador

    Approvato da Guillermo Lasso e poi ratificato dall’attuale presidente Daniel Noboa, l'accordo permetterà agli Stati Uniti di gestire la sicurezza sul territorio ecuadoriano trasformando il paese latinoamericano in una sorta di colonia
    10 giugno 2024 - David Lifodi
  • Quando cade un tabù: una democrazia può commettere crimini di guerra?
    Editoriale
    L'arresto richiesto dal presidente della Corte Penale Internazionale del premier Netanyahu

    Quando cade un tabù: una democrazia può commettere crimini di guerra?

    La reazione indignata del primo ministro israeliano Netanyahu, che ha respinto con veemenza il paragone tra lo "Stato democratico di Israele" e Hamas, tocca la diffusa convinzione che una nazione considerata "democratica" sia immune dall'accusa di crimini contro l'umanità. Il caso di David McBride
    22 maggio 2024 - Alessandro Marescotti
  • La nostra solidarietà ai giovani americani
    Editoriale
    Protestano pacificamente contro il sostegno militare Usa all'esercito israeliano

    La nostra solidarietà ai giovani americani

    Chiedono un cambiamento significativo nella politica di Biden verso Israele ma ottengono pallottole e arresti. Catherine Elias - leader della protesta - dice: "Siamo nel Paese che non solo finanzia, ma produce e crea anche la maggior parte delle bombe che vengono lanciate su Gaza".
    26 aprile 2024 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)