CyberCultura

Sul Summit ONU l'ombra della censura

Clamorosa decisione del Summit mondiale sulla Società dell'Informazione: Reporters Sans Frontières non potrà partecipare. Si avvicina un Summit grigio che, in questo clima, deciderà molto del futuro di Internet
17 settembre 2003
Punto Informatico

Roma - Sta suscitando una certa attenzione la clamorosa decisione di escludere l'organizzazione per la libertà di informazione Reporters sans frontières dall'imminente Summit ITU-ONU sulla Società dell'Informazione. L'esclusione, stando a quanto ricostruito proprio da RSF, è stata formalizzata da Pierre Gagné, direttore esecutivo del Summit mondiale sulla società dell'informazione (WSIS).

Durissima la reazione di RSF che per bocca del direttore generale dell'organizzazione, Robert Ménard ha così commentato l'allontanamento di RSF dai lavori del summit:"Grottesco e assurdo. Reporters sans frontières si dichiara indignata per questa incredibile interdizione. È un atto grave e carico di conseguenze. Come può ancora sperare l'ONU di conservare un briciolo di credibilità prendendo decisioni di questo tipo, che contravvengono ai più elementari principi della libertà di espressione?"

Come noto, il Summit si terrà in due fasi, la prima a Ginevra dal 10 al 12 dicembre, e la seconda in Tunisia, dal 16 al 18 novembre 2005. Organizzazioni come i radicali o la Free Software Foundation Europe si stanno preparando alla partecipazione, ma l'accesso sarà negato a RSF che, tra le molte cose, ha recentemente pubblicato un fondamentale rapporto sulla Internet delle censure. Il rapporto 2003 di RSF è probabilmente uno dei motivi che ora hanno portato alla "messa al bando dell'organizzazione".

In sede ONU, infatti, vi sono paesi, in primis quelli accusati di violare le libertà di stampa e di voler restringere il più possibile i diritti digitali, che certamente non vedono di buon occhio la partecipazione di una organizzazione così nota e attiva.

Della cosa sono convinti anche alla RSF. "Le dittature e altri regimi repressivi - sostengono - intendono approfittare del Summit di dicembre per condizionare la diffusione delle informazione online a delle misure di controllo e di censura preventiva. Il testo in preparazione permetterebbe, di fatto, di subordinare la libertà di stampa in Internet alle 'legislazioni in vigore in ogni singolo paesè."

Proprio sui documenti preparatori sono già state sollevate accese polemiche nei mesi scorsi per il ruolo centrale giocato, nella loro realizzazione, da paesi come Cuba e Iran, paesi nei quali vigono censura e controllo sistematico sulla stampa. E la Tunisia, che ospiterà la seconda parte del WSIS, è uno dei paesi più duramente accusati di pratiche anti-libertarie.

"In tale contesto - attaccano quelli della RSF - l'interdizione di accedere allo WSIS fatta a un'associazione internazionale per la difesa della libertà di stampa non può non allarmare i difensori delle libertà. Evidentemente, la farsa onusiana dei diritti umani continua".

Articoli correlati

  • Censurati i media russi
    CyberCultura
    Le motivazioni riguardano le attività di propalazione di fake e di disinformazione

    Censurati i media russi

    La televisione di stato russa e il quotidiano Sputnik vengono banditi da tutti gli strumenti di diffusione (dal cavo, al satellite, alla rete). Questa è la decisione della Commissione europea. Ma la censura dovrebbe prescindere dai contenuti veicolati, salvo che non si tratti di reati ben precisi.
    12 marzo 2022 - Vincenzo Vita
  • Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero
    Europace
    Sull'aggressione militare russa in Ucraina

    Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero

    Di fronte a una possibile escalation che può far scoppiare una terza guerra mondiale l’UE deve chiedere l’immediato cessate il fuoco in Ucraina, la costituzione di corridoi umanitari e l’invio di Caschi blu dell’Onu come forza di interposizione e di aiuto umanitario.
    11 marzo 2022 - Nicola Vallinoto
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)