CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La volpe che azzanna
    Firefox vs Internet Explorer. La sfida continua

    La volpe che azzanna

    Raggiunti i quattrocento milioni di download di Firefox e in alcune nazioni europee è di gran lunga il browser più utilizzato. L'Italia però è solo al venticinquesimo posto in graduatoria. Perchè preferiamo i software proprietari a quelli opensource?
    12 settembre 2007 - Loris D'Emilio
  • Il sito www.aifo.it vince il Premio "Medi@bile" edizione 2007

    La Giuria del Premio ha valutato in particolare l'accessibilità del sito AIFO, la facilità di navigazione e la validità di contenuti e grafica
    16 luglio 2007 - Davide Sacquegna
  • I ragazzi di Flock, browser sociale

    Navigazione web, un oggetto azzurro che si dichiara aperto ai blog e ai social network. Un altro dei molti figli della Fondazione Mozilla
    26 ottobre 2006 - Carola Frediani
  • Firefox ha ripreso a volare

    Le ultime statistiche mostrano come, dopo una fase di letargo, il panda rosso abbia ripreso a crescere con buoni ritmi. Al contrario, IE potrebbe presto scendere sotto l'80%. Opera? Si fa vedere
    20 luglio 2006 - Punto Informatico

OpenDocument nel mirino dei disabili

Un'associazione statunitense di persone diversamente abili accusa OpenDocument Foundation: ottima idea, ma il formato ODF non è accessibile. Microsoft - spiega - rimane la migliore opzione per i portatori di handicap
11 maggio 2006 - Punto Informatico

Boston (USA) - John Winske, presidente del Disability Policy Consortium, un'associazione statunitense che lotta per diffondere la cultura dell'accessibilità negli strumenti informatici destinati ai diversamente abili, è convinto che il formato OpenDocument non sia supportato da nessun applicativo realmente utilizzabile dai portatori di handicap.

Il presidente dell'organizzazione, affetto da distrofia muscolare, ha così criticato pubblicamente l'amministrazione locale del Massachussets in un intervento pubblicato su Computerworld. L'amministrazione pubblica dello stato, infatti, sarà la prima in America ad effettuare la migrazione verso OpenDocument, già riconosciuto come standard internazionale.

"Siamo stati di nuovo fregati", ritiene Winske: per il momento, nessuno dei maggiori applicativi che supportano a livello nativo il formato OpenOffice è in grado di fornire un adeguato livello d'accessibilità. Né OpenOffice , né la suite StarOffice prodotta da Sun hanno le stesse tecnologie che Microsoft, da sempre avversa al formato aperto, ha implementato in Office.

"Abbiamo dovuto lottare con i denti per costringere Microsoft a sposare il criterio di accessibilità", ricorda Winske. Ottenere gli stessi risultati con la OpenDocument Foundation, ha detto Winske, "sarà ancora più difficile". Tuttavia Winske non dispera: apprezza le tecnologie open source e continua a credere che un giorno non troppo distante saranno finalmente accessibili.

"Il progetto Firefox ha dimostrato che se le persone sono in grado di costruire una migliore trappola per topi", dice Winske, "allora sempre più persone la utilizzeranno". Per quanto riguarda il tema dell'accessibilità, spiega, basta attendere con fiducia.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)