CyberCultura

Hard disk Seagate con... sorpresa

Nei prossimi mesi arriveranno i dischi Barracuda con dentro una copia a prezzo zero del sistema operativo Linux-based di Lindows. Una scelta che farà tendenza?
25 settembre 2003 - Punto Informatico

San Diego (USA) - Lindows ha stipulato un accordo con uno dei giganti del settore degli hard disk, Seagate, che potrebbe darle un'ulteriore opportunità di conquistare le scrivanie di un certo numero di utenti di PC prima che in queste vi si insedi Windows.

In base a questo accordo Seagate venderà, in un periodo compreso fra ottobre e dicembre, alcuni lotti di hard disk per PC contenenti una copia in lingua inglese del sistema operativo LindowsOS.

Il software di Lindows, notoriamente basato sul kernel di Linux, verrà preinstallato su di un certo numero di hard disk Barracuda da 7200 giri e 40 GB di capacità: il loro prezzo non verrà maggiorato rispetto ai modelli già sul mercato.

Con questa iniziativa la società di San Diego non si rivolge tanto agli utenti finali, quanto a produttori e assemblatori di PC, gli stessi che secondo l'azienda possono "risparmiare milioni (di dollari, N.d.R.) in termini di costo delle licenze del software". L'azienda ha spiegato infatti che per ogni hard disk acquistato i produttori possono risparmiare il costo della licenza di LindowsOS, tipicamente di 100 dollari per ogni PC venduto.

La società guidata da Michael Robertson sostiene che la sua nuova iniziativa dovrebbe interessare particolarmente chi produce PC desktop sotto i 500 dollari o laptop sotto i 1.000 dollari, e chi vende le cosiddette "white box", ovvero quei computer senza sistema operativo.

Lindows afferma che, una volta connesso il disco e acceso il PC, il proprio sistema operativo è in grado di riconoscere automaticamente tutti i componenti interni e configurarli senza l'intervento dell'utente e senza la necessità di disporre di un CD d'installazione. Il neo di questa soluzione sta forse proprio qui: se per qualche ragione il sistema operativo si danneggia o si cancella, l'utente non ha a disposizione alcun CD per ripristinarlo. A questo proposito Lindows non specifica se gli utenti che acquistano uno degli hard disk con LindowsOS abbiano anche il diritto ad ottenere, magari pagando le spese di spedizione, una copia su CD del sistema operativo o, quanto meno, uno sconto sul suo prezzo.

Vista anche la sua durata limitata, tre mesi in tutto, risulta evidente come questa iniziativa commerciale vada al momento considerata solo un esperimento. Alcuni analisti hanno tuttavia ipotizzato che se l'offerta congiunta di Lindows e Seagate avrà successo, questo nuovo modo di portare un sistema operativo alternativo a Windows sui desktop degli utenti potrebbe essere seguito anche da altri distributori di Linux, come ad esempio MandrakeSoft.

Articoli correlati

  • CyberCultura

    Da Mandrake a Mandriva

    La breve ma intensa storia di Mandrake Linux, dalle origini fino al cambio di nome in Mandriva...
    11 aprile 2005 - Alex_Palex
  • CyberCultura

    MandrakeSoft, mai più bancarotta

    Un tribunale francese accetta il piano di risanamento dell'azienda, ora pronta a proseguire quella strada che le sta consentendo di generare i primi profitti dopo più di quattro anni
    1 aprile 2004 - Punto Informatico
  • Lindows, Windows, Lin---s?
    CyberCultura
    Bill Gates vuole cambiare il nome del SO Lindows

    Lindows, Windows, Lin---s?

    Troppo simile al suo Windows, una delle possibili soluzioni e' Lin---s (si pronuncia Lin-dash)
    19 febbraio 2004 - Giacomo Alessandroni
  • CyberCultura

    Lindows finanzia un FrontPage per Linux

    La mamma di LindowsOS vara un progetto per sviluppare un editor HTML open source che sposi la facilità d'uso di FrontPage con alcune delle caratteristiche di Dreamweaver
    31 ottobre 2003 - Punto Informatico

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.2 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)