CyberCultura

Linux: Quali directory salvare

26 settembre 2003
Pill o Linux

Dovete rinstallare Linux e volete salvare i file e le directory create da voi?

Le directory da salvare sono:

/etc
che contiene tutti i file di configurazione del sistema

/home/*
ossia tutte le directory dell'utente

e se avete messo dei file anche in "/root" dovreste fare il backup anche di questi.
/root

Se avete compilato il vostro kernel personale e non volete utilizzare il nuovo dovete salvarlo.
Si troverà in "/vmlinuz", "/boot/vmlinuz" oppure "/boot/vmlinux-version"

Se avete compilato il kernel probabilmente ci avrete messo dei moduli che vanno salvati insieme a tutto il resto:
/lib/modules/ [kernel-version]

Poi se avete un sito web sul computer dovete salvarlo. Le probabili directory in cui esso si trova sono:
/var/www
/home/httpd/

Va salvata anche la directory /var nel caso ci abbiate messo mani in quanto contiene le mail nuove o altri dati.

Queste sono le directory standard da salvare. Una volta fatto il backup di queste, oltre a quelle create manualmente da voi, potete procedere alla rinstallazione di tutto.
Tutte le altre directory e file necessari al buon funzionamento del sistema saranno ricreate durante l'installazione.

Articoli correlati

  • Ecologia della vita quotidiana e computer
    Ecodidattica
    Linux Lubuntu per resuscitare i vecchi computer

    Ecologia della vita quotidiana e computer

    Non volete gettare il computer su cui è istallato Windows XP? Ecco alcuni consigli per evitare l'obsolescenza tecnologica usando il software giusto.
    29 marzo 2019 - Alessandro Marescotti
  • Linux orientato alla didattica
    Ecodidattica
    So.Di.Linux

    Linux orientato alla didattica

    Un ottimo esempio anche di green economy perché consente - essendo un software "leggero" - di riutilizzare computer ancora funzionanti ma poco potenti. Computer che rischiano di andare in discarica ma che con Linux tornano a "nuova vita"
    5 dicembre 2016 - Alessandro Marescotti
  • Richard Stallman a Firenze: Software libero ed economia solidale per difendere democrazia e libertà
    CyberCultura
    Stallman, chi era costui? :-)

    Richard Stallman a Firenze: Software libero ed economia solidale per difendere democrazia e libertà

    Per chi non è avvezzo al sistema operativo del "pinguino", il nome di Stallman non dice nulla. E per chi non segue le vicende del "software libero", o non sa che la Rete può diventare un'arma a doppio taglio, difficilmente avrà partecipato all'importante e seguitissimo incontro che si è tenuto a Firenze lo scorso 14 settembre 2013; ospite illustre, appunto, Richard Stallman.
    25 settembre 2013 - Roberto Del Bianco
  • Dal pensiero strade per innovare
    CyberCultura
    Tesi del Master "Scienza Tecnologia e Innovazione"

    Dal pensiero strade per innovare

    Software e comunicazione digitale, circolazione della conoscenza ed esigenze di tutela della proprietà intellettuale
    28 gennaio 2010 - Lidia Giannotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)