CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Un buon motivo per non utilizzare Skype

Perché utilizzare un protocollo proprietario quando ne esistono ben due liberi (in ogni senso)?
26 giugno 2006 - Enrico Rubboli

Schermata iniziale di OpenWengo Anni fa i sistemi operativi degli utenti non erano dotati di posta elettronica ne di browser. Ricordo bene quando Mosaic (allora era il browser più diffuso) ed il suo neonato rivale Netscape Navigator si contendevano il primato nella guerra dei browser(1). Poi nacque Internet Explorer che spiazzo tutti proprio perchè incluso all'interno di Microsoft Windows 95.
Da allora Microsoft riuscì a portare via utenti Netscape quotidianamente anche grazie alla differente implementazione degli standard. Da allora la quasi totalità dei browser è IE portando (haimè) molti sviluppatori di siti internet a realizzare codice non conforme alle specifiche ma soltanto a Internet Explorer, la famosa frase: "si consiglia l'uso di Internet Explorer X o successivi" magari con il loghettino animato al fianco.

Lo stesso discorso all'incirca lo si può fare analizzando ciò che è successo con Lotus 123 e Microsoft Excel, e chi ricorda WordStar o WordPerfect(2)?

Il continuo rosicchiare utenti agli altri applicativi è stato possibile perché non esisteva nessuno standard (leggi interoperabilità), così l'azienda con in mano le redini della distribuzione del software è riuscita con la sua posizione dominante a spazzare via la concorrenza. A lungo andare il mercato ha trovato nei prodotti Microsoft uno standard de facto ed oggi chi vuole utilizzare altri software deve scontrarsi con i noti problemi di compatibilità proprio perchè non cè interoperabilità tra i diversi prodotti.

Oggi stiamo cercando di ribaltare questa logica sbagliata e con dure lotte stiamo ottenendo qualche risultato, il formato Open Document è diventato uno standard ISO/IEC(3) e OpenOffice.org è un software di ottima qualità, mentre Mozilla Firefox (l'erede di Netscape, ora divenuto libero) sta riconquistando molti degli utenti persi.

Ma stiamo per rifare gli errori del passato.

Oggi uno standard libero per il VoiceOverIP c'è, anzi ce ne sono due: SIP (IETF)(4) e H.323 (ITU-T)(5). Ma il prodotto di telefonia internet più diffuso sta diventando Skype che utilizza un protocollo proprietario che domani, grazie alla sua posizione dominante cercherà di imporre nel mercato.

Fermiamo subito la diffusione di questo protocollo proprietario, chiediamo a Skype di adottare un protocollo libero e di mantenere l'interoperabilità con gli altri software, altrimenti domani ci troveremo di nuovo a combattere!

OpenWengo(6), ad esempio, è un software libero(7) che supporta un protocollo standard: SIP, questo significa che puoi scegliere tu l'operatore telefonico che preferisci per chiamare i cellulari o i numeri fissi(8)8, inoltre puoi stare tranquillo: domani potrai cambiare software mantenendo piena compatibilità con il resto del mondo.

Note:

(1) http://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_dei_browser
(2) http://en.wikipedia.org/wiki/WordStar
(3) http://punto-informatico.it/p.asp?id=1473606
(4) http://en.wikipedia.org/wiki/Session_Initiation_Protocol
(5) http://en.wikipedia.org/wiki/H.323
(6) http://www.openwengo.org/
(7) http://www.rubboli.it/t3/Il_software_libero.15.0.html
(8) Sarà possibile dalla release NG, vedi: http://www.openwengo.org/index.php/openwengo/public/homePage/openwengo/public/projectsNg#a1

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)