CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    I pretoriani del copyright

    16 marzo 2007 - Benedetto Vecchi
    Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

    La legge sul diritto d'autore non conosce frontiere. E così accade che una società italiana, una tedesca e una terza che ha sede in un paese, la Svizzera, da sempre neutrale si trovino di fronte a un giudice italiano che per dirimere un contenzioso attorno al copyright applichi una direttiva dell'Unione europea. L'industria discografica tedesca (la Hannover Peppermint Jam Records Gmbh) ha chiesto infatti alla magistratura italiana di imporre alla nostrana Telecom di avere gli indirizzi di 3636 internauti che hanno scambiato tra loro file musicali protetti da copyright. Le prove sono state fornite da una società privata svizzera, la Logistep, che ha monitorato la rete alla ricerca di illeciti. Richiesta accolta dal tribunale di Roma, che ha emesso una sentenza che dà ragione alla casa discografica tedesca facendo riferimento non a una legge italiana, ma alla direttiva dell'Unione europea definita di «Ip enforcement». Gli utenti italiani chiamati in questione si sono scambiati file su «piattoforme» peer to peer, cioè hanno utlizzato dei siti Internet «pubblici», ma lo scambio ha tuttavia coinvolto dei «privati». La Logistep ha affermato che non c'è stata nessuna violazione della privacy, perché non c'è stata nessuna intromissione nel computer dei partecipanti allo scambio. Ma rimane il fatto che una società privata ha di fatto compiuto un'«intercettazione» telematica di un messaggio tra privati cittadini. Infine, si dimentica di ricordare che Ip enforcement è stata emanata in un claustrofobico clima di «emergenza sovranazionale», visto che in Europa la messa sotto controllo di Internet è stata chiesta e ottenuta, non senza dubbi e aspre opposizioni, in nome della lotta del terrorismo. Cosa c'entri il peer to peer con il terrorismo rimane un mistero. La decisione della magistratura romana è una vera e propria inversione di rotta nel comportamento dei giudici italiani, abbastanza sensibili in materia di privacy. I pretoriani del diritto d'autore ne saranno contenti. Da oggi, però, Internet sarà meno libera.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)