CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Al lavoro per evitare il brevetto Eolas

    Il tribunale rigetta uno dei primi ricorsi di Microsoft contro la sentenza sui brevetti Eolas. Si cerca un modo per sottrarsi al brevetto che impedisce l'utilizzo di plug-in e applet
    15 settembre 2003 - Francesco Caccavella (f.caccavella@html.it)

Brevetti, Berners-Lee con Bill Gates

Il padre del Web scrive all'Ufficio brevetti americano per chiedere di rendere nullo il brevetto rivendicato da Eolas, un brevetto che potrebbe ostacolare lo sviluppo della rete
30 ottobre 2003 - Punto Informatico

Roma - Tim Berners-Lee corre in aiuto di Microsoft per una questione che sta a cuore non solo all'azienda ma anche al World Wide Web Consortium che Lee dirige. Il padre del web, infatti, ritiene che la battaglia sui brevetti intentata da Eolas Technologies contro il big di Redmond possa ostacolare seriamente lo sviluppo della rete.

In una lettera inviata all'Ufficio americano dei brevetti, Berners-Lee chiede in sostanza un immediato provvedimento che annulli l'efficacia di un brevetto Eolas, il cosiddetto "906", che copre plug-in e applet.

La lettera di Berners-Lee rappresenta un evento senza precedenti e sembra indicare con chiarezza anche ai più scettici come i brevetti Eolas, con i quali Microsoft è già stata trascinata in tribunale, davvero non possono essere sottovalutati.

"L'impatto del brevetto 906 va ben oltre quello su un singolo produttore di software" - scrive Berners-Lee nella lettera. "L'esistenza del brevetto e delle richieste di licenza che ne sono conseguenza - spiega - spingono molti sviluppatori di browser web, di pagine web e molti altri importanti componenti del web ad uscire dagli standard tecnici fondamentali che consentono al web di funzionare come sistema coerente. In molti casi, coloro che saranno costretti a spendere per cambiare le pagine web o le applicazioni software nemmeno lo violano quel brevetto (sempre che sia valido). Data l'interdipendenza delle tecnologie web, chi ha realizzato pagine web o sviluppato software web basandosi su standard dovrà ora riadattare i propri sistemi per gestire le deviazioni dallo standard imposte dal brevetto 906".

La soluzione, secondo il direttore del Consortium, non risiede neppure nel pagare le licenze ad Eolas. "Se anche ad alcuni venisse garantita una licenza - scrive - mentre altri non ce l'hanno o non possono ottenerla, quello che avremmo è un ostacolo al funzionamento del web. Gli standard globali sono state le basi per garantire l'interoperabilità del web. Ad un brevetto che potrebbe evidentemente essere nullo non dovrebbe essere consentito di disfare anni di lavoro, quelli che ci sono voluti per costruire il web".

La posizione di Berners-Lee non rappresenta una sorpresa, viste le dichiarazioni e le argomentazioni già presentate dal Consortium per invalidare quel brevetto. Ma di certo, e non capita davvero spesso, la lettera di uno dei padri del web mette in chiarissima evidenza le storture e le deviazioni del sistema dei brevetti così come è oggi concepito, un sistema che, al di là di Eolas, in troppe occasioni ostacola platealmente l'innovazione.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)