CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Un altro passo e anche in tribunale sarà… No MUOS?
    Il MUOS (Mobile User Objective System) è composto da cinque satelliti geostazionari e quattro stazioni terrestri, una delle quali è sorta a Niscemi, ed è gestito dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti

    Un altro passo e anche in tribunale sarà… No MUOS?

    Chieste 4 condanne e la confisca del sito nel processo per abusivismo e violazione della legge ambientale nella costruzione del sistema militare USA a Niscemi (Sicilia)
    17 febbraio 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • F-35

    F-35

    La cinica conclusione nella Relazione speciale sulla partecipazione italiana al Programma F-35 Lightning II della Corte dei conti e la cupa posizione dei sindacati confederali. Di fatto le forze aeree straniere che utilizzano l’F-35 saranno costrette a finanziare con 150 milioni di dollari i laboratori software degli Stati Uniti occupati quasi per il 50% da personale statunitense
    1 settembre 2017 - Rossana De Simone
  • Le bugie sull’Afghanistan
    Nessuna ricostruzione nonostante i 100 miliardi di dollari spesi dagli USA

    Le bugie sull’Afghanistan

    Un triste bilancio sulla missione USA in Afghanistan mentre Trump rilancia e promette "più uomini fino alla vittoria finale"
    24 agosto 2017 - Matthew Hoh

Americano il GSM iracheno

Al produttore Motorola è stata assegnata da Orascom Telecom Iraq la commessa per la realizzazione della rete GSM nel paese
31 ottobre 2003 - Punto Informatico

Roma - Ci sarà la firma del produttore americano di sistemi di telefonia mobile e telefonini Motorola su una delle più importanti reti di telecomunicazione che presto sorgeranno in Iraq.

A confermarlo è stata Orascom Telecom Iraq (OTI), una delle aziende che dispone della licenza ad operare nel paese e che, per farlo, ha naturalmente bisogno di una infrastruttura.

Orascom, controllata dall'egiziana Orascom Telecom, che detiene il 63 per cento del suo capitale, conta di rendere operativa la rete Motorola già entro i prossimi mesi e di riuscire ad accaparrarsi un milione di abbonati al massimo entro due anni.

La rete GSM di Motorola dovrà coprire in particolare la regione centrale dell'Iraq. Per questo Motorola verrà compensata con 40 milioni di dollari, parte dei quali saranno anticipati proprio dal colosso americano. A confermare il tutto è stato il mogul delle tlc egiziane Naguib Sawiris, a cui capita anche di essere la mente dietro Orascom. "Questa commessa - ha dichiarato - conferma la posizione di OTI come operatore principale nella regione. Siamo felici di poter contribuire allo sviluppo del Nuovo Iraq, e faremo del nostro meglio per sostenere la sua prosperità portando questo servizio così importante al suo popolo, per creare un futuro migliore".

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)