CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Pirati alla francese

Liberté, égalité, peer-to-peer

29 novembre 2007 - Marco Trotta
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Se scarichi, ti stacco. Non è l'ultimo junk-film hollywoodiano, ma il nuovo corso inaugurato da Sarkozy contro i pirati della rete che si scambiano musica, film e programmi nelle reti peer-to-peer in Francia. Il provvedimento, proposto dalla commissione Olivennes, è stato inserito nell'accordo firmato il 24 novembre tra i ministri della Cultura, della Giustizia e dell'Economia, il maggiore fornitore di accessi internet del paese e 42 rappresentanti del mondo della musica, del cinema e della tv. Tecnicamente istituirà una «Autorità pubblica specializzata» controllata dalla magistratura, per monitorare e ricevere denunce, alle quali seguirà dall'invio di e-mail dissuasive fino alla sospensione degli abbonamenti internet dei presunti pirati. Se per Sarkozy si tratta di un tentativo di dare vita a «un'internet civilizzata», dubbi sulle garanzie democratiche dei controlli sono stati espressi da Que Choisir dell'associazione consumatori UFC, dall'opposizione socialista e perfino da alcuni deputati dell'UMP, il partito del presidente. E se per John Kennedy, capo della Federazione Internazionale dei Produttori Discografici, «questa è l'iniziativa più importante mai presa per vincere la guerra contro la pirateria online», a molti commentatori in rete non è sfuggito un conflitto d'interessi: Denis Olivennes, messo a capo della commissione governativa da Sarkozy, è anche il presidente di FNAC, multinazionale per la vendita di libri, musica e dvd. Il testo prevede tra 6 mesi una prima verifica dell'efficacia delle norme, tra le quali rischia però di finire imbrigliato anche il principio della neutralità della rete e delle libertà individuali garantite fuori da essa, che tante discussioni hanno animato negli Usa e al recente Internet Governance Forum di Rio. Temi rispetto ai quali la concessione di togliere i lucchetti digitali anticopia dalle proprie opere, fornita in cambio dai produttori, sembra davvero poca cosa.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)