CyberCultura

Pirati alla francese

Liberté, égalité, peer-to-peer

29 novembre 2007
Marco Trotta
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Se scarichi, ti stacco. Non è l'ultimo junk-film hollywoodiano, ma il nuovo corso inaugurato da Sarkozy contro i pirati della rete che si scambiano musica, film e programmi nelle reti peer-to-peer in Francia. Il provvedimento, proposto dalla commissione Olivennes, è stato inserito nell'accordo firmato il 24 novembre tra i ministri della Cultura, della Giustizia e dell'Economia, il maggiore fornitore di accessi internet del paese e 42 rappresentanti del mondo della musica, del cinema e della tv. Tecnicamente istituirà una «Autorità pubblica specializzata» controllata dalla magistratura, per monitorare e ricevere denunce, alle quali seguirà dall'invio di e-mail dissuasive fino alla sospensione degli abbonamenti internet dei presunti pirati. Se per Sarkozy si tratta di un tentativo di dare vita a «un'internet civilizzata», dubbi sulle garanzie democratiche dei controlli sono stati espressi da Que Choisir dell'associazione consumatori UFC, dall'opposizione socialista e perfino da alcuni deputati dell'UMP, il partito del presidente. E se per John Kennedy, capo della Federazione Internazionale dei Produttori Discografici, «questa è l'iniziativa più importante mai presa per vincere la guerra contro la pirateria online», a molti commentatori in rete non è sfuggito un conflitto d'interessi: Denis Olivennes, messo a capo della commissione governativa da Sarkozy, è anche il presidente di FNAC, multinazionale per la vendita di libri, musica e dvd. Il testo prevede tra 6 mesi una prima verifica dell'efficacia delle norme, tra le quali rischia però di finire imbrigliato anche il principio della neutralità della rete e delle libertà individuali garantite fuori da essa, che tante discussioni hanno animato negli Usa e al recente Internet Governance Forum di Rio. Temi rispetto ai quali la concessione di togliere i lucchetti digitali anticopia dalle proprie opere, fornita in cambio dai produttori, sembra davvero poca cosa.

Articoli correlati

  • Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra
    Pace
    Affollata assemblea preparativa a Roma

    Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra

    “Il padronato vuole comprarci col bonus governativo di €200? Se li metta in quel posto”, ha tuonato un rappresentante sindacale. “Noi, il 20, scioperiamo contro la sua guerra che causa inflazione, aumento di prezzi, cassa integrazione nelle industrie vulnerabili, tagli alla sanità e ai servizi".
    8 maggio 2022 - Patrick Boylan
  • What can we learn from the failure of the Alinari company?
    PeaceLink English
    Historical memory

    What can we learn from the failure of the Alinari company?

    The Alinari Archives is one of the most important photographic archives in the world. Its history began in Florence in 1852. The archives contains more than 5 million photographic documents
    25 gennaio 2021 - Capitolo italiano di Creative Commons
  • Schede
    Film di Claude Autant-Lara

    Non uccidere

    La commissione censura nel 1961 ne vietò la visione in Italia perché trattava la questione dell'obiezione di coscienza in guerra. A Firenze Giorgio La Pira ne organizzò la proiezione, violendo i divieti e riaccendendo il dibattito
    5 aprile 2020
  • Schede
    Breve scheda

    Abbé Pierre (1912–2007)

    Fondatore del movimento Emmaus, è una figura esemplare dell'impegno umanitario
    Peppe Sini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)