CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Multa storica per Microsoft?

Ue decisa ad andare fino in fondo.
Giacomo Alessandroni22 marzo 2004 - Giacomo Alessandroni
Fonte: unita.it, giornaletecnologico.it

È in arrivo una maxi multa per Microsoft dopo che i negoziati tra Bill Gates e l'organismo antitrust della Ue sono tramontati da giorni. Per l’Europa il colosso americano ha abusato di posizione dominante. Sull’entità della sanzione si sono riuniti lunedì a Bruxelles i rappresentanti delle quindici autorità nazionali della concorrenza.

Il loro parere non è vincolante ma non è comunque stato reso noto. C'è molta cautela a Bruxelles. «Siamo obbligati alla riservatezza», ha detto Amelia Torres, portavoce di Monti, commissario europeo alla Concorrenza. Secondo alcuni esperti di diritto antitrust, l'ammontare della multa dovrebbe attestarsi fra i 100 e i 200 milioni di euro. Non una somma eccessivamente onerosa per Microsoft ma si tratta comunque di una cifra record.

Inutile dire che Microsoft non ne ha voluto proprio sapere e, come sola proposta, aveva presentato quella di far distribuire assieme ai Pc sui quali ripetiamo essere già stato installato Windows Media Player, un Cd contenente i software dei concorrenti. La proposta, rispedita al mittente dal commissario europeo alla concorrenza, Mario Monti, era la sola che avrebbe potuto salvare il colosso dalla sanzione amministrativa.

Ma i guai per Bill Gates non finiscono qui. Oltre che di abuso di posizione dominante, il verdetto della Commissione Ue dovrebbe prevedere una serie di «rimedi» sul modo in cui Microsoft commercializza alcuni dei suoi prodotti più venduti, tra gli altri il sistema operativo Windows, e l'obbligo a fornire ai propri concorrenti una serie di informazioni riservate.

I servizi dell’Antitrust insistono sul fatto che Microsoft debba mettere a disposizione dei produttori due versioni del proprio programma operativo: una con il programma «Media Player» e una senza questo software, lasciando all’acquirente la possibilità di scegliere e al produttore la garanzia della cosiddetta interoperabilità.

Note:

http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=HP&TOPIC_TIPO=&TOPIC_ID=33948
http://www.giornaletecnologico.it/news/200403/22/4059acb906536/

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)