CyberCultura

Leggere le e-mail altrui non è reato

5 luglio 2004
Linux Help

Un Tribunale del Massachussets ha autorizzato la lettura delle e-mail da parte dell'azienda che fornisce il servizio: tradotto in pratica vuol dire che Libero, Alice & Co. possono leggere la nostra posta, esattamente come se il postino sotto casa ci aprisse le lettere...

Premetto subito che in realtà in Italia al momento la cosa è illegale, e spero proprio che lo rimmarrà a lungo, ma è comunque un bruttissimo segnale.
Un postino elettronico puo' leggere le e-mail: questo è quanto ha stabilito un Tribunale del Massachussets.
La lettura della posta (e-mail) dei propri clienti non lede la loro privacy.
Ovviamente le polemiche non mancano, anche da parte di testate autorevoli come il New York TImes che dice 'E' un precedente spaventoso'.
Nel mio piccolo io mi chiedo quanto ancora dovremo sacrificare all'altare delle libertà individuali, mossi dalla paura del terrorismo.
Concludo citando Franklin "Un popolo che rinuncia alle sue libertà fondamentali per brandelli di illusoria sicurezza non merità nè l'una nè l'altra".

Articoli correlati

  • La CIA ci spia (e non vuole più andare via)
    CyberCultura
    I servizi segreti americani possono ascoltare le persone tramite i microfoni delle smart TV

    La CIA ci spia (e non vuole più andare via)

    Joshua Adam Schulte è in carcere per aver passato a Wikileaks oltre 8 mila pagine di documenti top-secret che rivelano come la CIA possieda la capacità di violare la segretezza della corrispondenza non solo su WhatsApp e Telegram ma anche su Signal. Il caso Vault 7 è gravissimo.
    5 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • L'era digitale pretende un esercito digitale
    Disarmo
    USA

    L'era digitale pretende un esercito digitale

    Pubblicato il rapporto della commissione statunitense sull'uso dell'intelligenza artificiale in ambito militare
    3 marzo 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • In difesa dei nativi americani
    Pace
    Il movimento di opposizione all’Indian Removal Act

    In difesa dei nativi americani

    Jeremiah F. Evarts (1781–1831) era un missionario, riformatore e attivista cristiano per i diritti degli indiani d'America. Si distinse per la difesa dei diritti degli indiani d'America.
    Redazione PeaceLink
  • Per una critica dell’innovazione capitalistica: il lavoro nella catena del valore delle armi
    Disarmo
    La sicurezza degli Stati passa attraverso il controllo capillare del territorio

    Per una critica dell’innovazione capitalistica: il lavoro nella catena del valore delle armi

    La nozione di sviluppo tecnologico è una nozione inscindibile da quella di sviluppo capitalistico, si trattava pertanto di smascherare la presunta neutralità della scienza
    29 marzo 2021 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)