CyberCultura

La geolocazione web è un'opportunità o una minaccia?

17 luglio 2004 - Programmazione.It

Si chiama geolocazione ed è la capacità di un sito web di fornire contenuti differenziati in base al visitatore.
Ogni computer connesso ad internet ha un unico indirizzo numerico; è l'Internet Service Provider ad assegnarlo all'utente.
Quando un database abbina ogni assegnazione al luogo dove il network è registrato compie una geolocazione.
RealNetworks ad esempio offre giochi sportivi e film solo agli utenti di specifiche nazioni, mentre Art.com presenta i prezzi in euro agli utenti europei e in dollari a quelli Americani.
Ci sono compagnie come Digital Envoy in grado di effettuare centinaia di geolocazioni incrociate in modo tale da superare gli ostacoli posti da provider come AOL, che dirigono il traffico della Virginia e della California sullo stesso gateway.
Quova, Amakai, Digital Envoy, sono in grado di effettuare geolocazioni con l'approssimazione dell'80% per le città e del 99% per le nazioni.
Database incrociati, pubblicità mirata, contenuti filtrati; la geolocazione porta con sé molte domande, questioni da affrontare.
La privacy è garantita?
Si se si intende restrittivamente con privacy il diritto dell'utente specifico Mario Rossi a non essere tracciato e schedato.
E i contenuti sono uguali per tutti?
No, se la geolocazione proibisce ad un utente italiano di vedere una notizia americana o ancora peggio permette di usufruire solo di quella preimpostata per l'utente di destra o di sinistra.
La geolocazione ha il potere di inibire non tanto la libertà di espressione quanto la libertà di ricerca.
Il marketing che di per sè ha il dovere di allargare il mercato diviene in nome dell'accuratezza censore in grado di inibirlo.
La geolocazione è figlia di una visione schematica dell'uomo ridotto a consumatore da tracciare e indirizzare.
Ma non tutti hanno la stessa visione dell'uomo.
Superpages.com, uno dei maggiori siti e-commerce, ritiene la geolocazione una gabbia quando la si intende come mappa infallibile, un'opportunità quando la si vede come suggerimento.
Sicuramente è una tecnologia in grado di determinare in futuro un radicale cambiamento del concetto di World Wide Web.

Articoli correlati

  • Imponente manifestazione a Taranto contro il decreto Salva-Ilva
    Ecologia
    Decreto-legge Salva-Ilva o Ammazza-Taranto?

    Imponente manifestazione a Taranto contro il decreto Salva-Ilva

    I media nazionali non parlano della manifestazione del 15 dicembre e l'opinione pubblica è in parte convinta che la popolazione di Taranto gradisca il provvedimento del Governo che interferisce pesantemente con l'attività dei magistrati. Per sgombrare il campo da equivoci, basta sapere che molti nella città lo hanno battezzato decreto "Ammazza-Taranto"; pensano sia possibile puntare invece su salute, ambiente, cultura e reddito.
    18 dicembre 2012 - Lidia Giannotti
  • "Accade in Sicilia" è nuovamente libero
    CyberCultura
    La Corte di Cassazione ribalta le precedenti sentenze

    "Accade in Sicilia" è nuovamente libero

    E' un blog: non può essere equiparato ad un giornale
    11 maggio 2012 - Giacomo Alessandroni
  • Ho pagato una bustarella
    CyberCultura
    Cina: la corruzione si combatte sul web.

    Ho pagato una bustarella

    Sull'esempio del sito web indiano "I-paid-a-bribe", anche i blog cinesi sono all’opera per smascherare la corruzione, nonostante i rischi di oscuramento.
    30 agosto 2011 - Redazione China Daily
  • Countdown Internet Italia?
    MediaWatch

    Countdown Internet Italia?

    Da domani 6 luglio l'Agcom potrà oscurare siti internet accusati di violare il diritto d'autore.
    5 luglio 2011 - Loris D'Emilio

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.2 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)