CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Internet, crollano le frontiere La Corea del Nord sbarca online

Il portale The Neanra permette anche di fare shopping virtuale
Contenuti propagandistici, alcune sezioni non sono attive
17 luglio 2004 - Eva Pedrelli

ROMA - La Corea del Nord, il paese più isolato e militarizzato del mondo, apre le frontiere della rete. The Neanra, letteralmente, il mio paese è il primo portale nord coreano ad approdare su internet.

Il sito, che si trova all'indirizzo www.kcckp.net, è ordinato e, apparentemente, user friendly, con una grafica semplice, quasi rigorosa. Si apre una chiara finestra che invita a scegliere la versione inglese o quella coreana e si accede al "raro" contenuto. Il portale è gestito dalla Germania e offre informazioni legate alla politica interna della Corea del Nord, al commercio, al turismo, alla cucina, alla storia e cultura del paese. Ci si deve registrare per avere un e-mail o fare shopping virtuale.

Mercoledì scorso ha avuto 14000 visitatori che sono riusciti ad ascoltare le melodie propagandistiche che si aprono in homepage, e navigare tra le notizie, aggiornate al mese di giugno, pubblicate dall'agenzia di stampa governativa Knca (Korean Central News Agency), interamente controllata dal leder Kim Jong II. Il premier ha da tempo la reputazione di essere un amante della rete ed è stato negli anni più interessato a ricevere aggiornamenti legati alle nuove tecnologie che ad aiuti umanitari per un popolo affamato.

Nonostante si possa accedere al portale da tre settimane, non tutte le sezioni sono ancora raggiungibili. I contenuti multimediali che dovrebbero fornire musica e filmati non sembrano essere stati ancora messi in funzione. Ci si possono segnare, però, i numeri telefonici di imprese statali che operano in ogni campo, "dagli abiti all'ultimo grido fatti a mano, all'artigianato in metallo".

Una vasta sezione centrale celebra il decimo anniversario della morte dell'ex presidente Kim Il Sung e si possono leggere una serie di informazioni sulla sua vita e il suo impegno politico. La Knca dedica anche una poesia al "patriota la cui fama mai morirà". Un link, non ancora in funzione, potrebbe accendere una certa curiosità: si chiama "la Corea è una, una nazione omogenea" e la cartina che la rappresenta unisce il nord e il sud.

Ci sono anche i numeri di telefono per contattare il web master e non hanno il prefisso della Germania, ma sono numeri nordcoreani. Da circa cinque anni esistevano due semplici siti di informazione, uno sempre di proprietà della Knca e gestito dal Giappone (www.kcna.co.jp) e un altro con notizie viste dagli occhi di Pyongyang ma pubblicato dalla Cina.

Negli ultimi mesi si sono susseguite brevi notizie su un'ipotetica apertura al resto del mondo da parte del governo nord coreano. Un mese fa le due Coree si erano avvicinate, aprendo varchi al confine per il passaggio di merci e il governo del nord aveva ridimensionato i toni della propaganda dagli altoparlanti sulla frontiera.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)