CyberCultura

Patriot Act, sconfitta per Bush

Un giudice blocca l'FBI: non è costituzionale intercettare email, web e telefonate con la complicità dei provider perdipiù costringendoli all'omertà. Ma non è detta l'ultima
1 ottobre 2004
Punto Informatico

Washington (USA) - Una delle misure più contestate del Patriot Act, la legge firmata da Bush all'indomani dell'attentato contro le torri gemelle, è stata bloccata da un giudice distrettuale.

Il magistrato Victor Marrero ha infatti sostenuto in una sentenza che è incostituzionale intercettare le comunicazioni dei cittadini senza farlo sapere, senza dover dare conto di cosa e quanto in profondità si è lavorato e impedendo a provider e operatori telefonici di rivelare a chicchessia l'esistenza dell'indagine.

L'incostituzionalità è dovuta a due fattori. Il primo è la violazione del Primo Emendamento, perché il divieto permanente di rivelare l'esistenza di una indagine, imposto a chi la conosce, rappresenta una forma di censura preventiva. Il secondo è l'abuso del Quarto Emendamento, quello che consente alla magistratura di indagare e conoscere la tipologia e la misura delle indagini governative.

Secondo Marrero il problema centrale affrontato dal Patriot Act, vale a dire la sicurezza nazionale, ha "un'importanza vitale" e sono assolutamente necessari i poteri che consentano al Governo di agire "rapidamente ed efficacemente". Ma Marrero ha anche evidenziato che la sicurezza personale è altrettanto importante "e viene considerata al massimo livello dal nostro sistema giudiziario".

Inutile dire che la sentenza di Marrero ha suscitato gli applausi di chi, come la potente organizzazione pro-diritti civili ACLU, da tempo si batte strenuamente contro una normativa, il Patriot appunto, da molti considerata una delle più pericolose per le libertà individuali mai approvata negli Stati Uniti.

Qualora l'appello si rivelasse sfavorevole all'amministrazione americana, per Bush il caso potrebbe diventare imbarazzante, visti i ripetuti appelli del Presidente affinché le misure più contestate del Patriot Act siano rinnovate dal Congresso e ulteriormente rafforzate.

Articoli correlati

  • L'era digitale pretende un esercito digitale
    Disarmo
    USA

    L'era digitale pretende un esercito digitale

    Pubblicato il rapporto della commissione statunitense sull'uso dell'intelligenza artificiale in ambito militare
    3 marzo 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • In difesa dei nativi americani
    Pace
    Il movimento di opposizione all’Indian Removal Act

    In difesa dei nativi americani

    Jeremiah F. Evarts (1781–1831) era un missionario, riformatore e attivista cristiano per i diritti degli indiani d'America. Si distinse per la difesa dei diritti degli indiani d'America.
    Redazione PeaceLink
  • Per una critica dell’innovazione capitalistica: il lavoro nella catena del valore delle armi
    Disarmo
    La sicurezza degli Stati passa attraverso il controllo capillare del territorio

    Per una critica dell’innovazione capitalistica: il lavoro nella catena del valore delle armi

    La nozione di sviluppo tecnologico è una nozione inscindibile da quella di sviluppo capitalistico, si trattava pertanto di smascherare la presunta neutralità della scienza
    29 marzo 2021 - Rossana De Simone
  • AI - La nuova corsa agli armamenti
    Disarmo
    Intelligenza artificiale e armi autonome

    AI - La nuova corsa agli armamenti

    USA e Cina, e non solo, gareggiano sul fronte pericoloso della delega delle operazioni militari a sistemi autonomi in contesti sempre più complessi, come i combattimenti in volo
    3 dicembre 2020 - Francesco Iannuzzelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)