CyberCultura

Il SudAmerica ama sempre più Linux e l'Open Source

Il trend a favore di Linux e dell'Open Source è forte ormai in tutto il mondo, ma il continente sudamericano sta ricoprendo il ruolo di lepre in questa corsa, soprattutto grazie al ruolo chiave ricoperto dai governi nazionali.
12 febbraio 2005
LinuxHelp.It

Il Brasile, con i suoi 170 milioni di abitanti, è la maggiore realtà economica del continente, con dimensioni rilevanti: basti pensare che l'economia di San Paolo da sola supera i volumi di tutto il Messico, è la punta di diamante di questa "Corsa a Linux".
l presidente brasiliano Lula non ha mai fatto mistero di preferire Linux ai sistemi proprietari, e di vedere nell'Open Source il modo di risollevare le sorti tecnologiche del suo paese.
L'Argentina, dopo le vicissitudini del suo crack finanziario, sta cercando nuove risorse proprio nell'adozione del software Open Source, con numeri rilevanti: oltre il 40% delle aziende argentine usa Linux, e la maggiorparte di esse vuole adottare OSS per tutti i suoi settori.
Nel Cile l'Open Source si sta diffondendo soprattutto nelle scuole, con il sistema Edulinux.
Un altro punto di riferimento è poi il Perù, dove il governo ha imposto per legge l'uso del software Open Source nell'amministrazione pubblica.
Anche nel caso di uso di prodotti non Open, deve essere rilasciato il sorgente, e tali prodotti possono essere usati solo se non esiste qualcosa di Open equivalente.
Come è immaginabile, i produttori di software non gradiscono l'effetto Perù, e stanno facendo di tutto per contrastarlo.
GLi appelli alla libera concorrenza, cavallo di battaglia dell'ultimo periodo, sono stati però tutti rispediti al mittente, con la dichiarazione di un politico peruviano: "Non vi impediamo di partecipare ai nostri concorsi, semplicemente saimo noi Peruviani a stabilire le regole".
Il discorso, IMHO, non fa una grinza e mi piacerebbe vedere prima o poi anche in Italia un dibattito serio slla necessità di passare a tecnologie Open Source, almeno per quanto riguarda la pubblica amministrazione e la scuola.

Articoli correlati

  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Perù: un voto a Pedro Castillo per cancellare il fujimorismo
    Latina
    Ballottaggio del 6 giugno: la sinistra ripone le proprie speranze sul maestro rurale

    Perù: un voto a Pedro Castillo per cancellare il fujimorismo

    Assemblea Costituente e nazionalizzazione dei settori strategici dell’economia tra i cavalli di battaglia del candidato di Perù Libre
    28 aprile 2021 - David Lifodi
  • Pochi paesi hanno ratificato l’Accordo di Escazú
    Latina
    22 aprile, Giornata della Terra

    Pochi paesi hanno ratificato l’Accordo di Escazú

    L'accordo mira a garantire che tutte le voci siano ascoltate quando si tratta di prendere decisioni su questioni ambientali. Colombia, Honduras, Messico, Brasile e Guatemala i più pericolosi per chi difende l’ambiente
    23 aprile 2021 - Giorgio Trucchi
  • What can we learn from the failure of the Alinari company?
    PeaceLink English
    Historical memory

    What can we learn from the failure of the Alinari company?

    The Alinari Archives is one of the most important photographic archives in the world. Its history began in Florence in 1852. The archives contains more than 5 million photographic documents
    25 gennaio 2021 - Capitolo italiano di Creative Commons
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)