Diritto in rete

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Diritto in Rete, un po' di storia

Anche se la data dell'11 settembre 2001 ha segnato una svolta nelle questioni legate alla libertà di informazione e al concetto stesso di privacy, è da molto tempo addietro che l'"informazione in Rete" ha i suoi grattacapi...
22 novembre 2003 - Roberto Del Bianco

Sicuramente la stessa velocità con cui le nuove tecnologie hanno modificato di fatto i mezzi di diffusione e di fruizione delle notizie, non ha permesso un adeguato cambiamento nelle leggi a tutela delle stesse e dei soggetti interessati. Ed ecco allora sorgere le contraddizioni, spesso sfociate in progetti legislativi controversi e in discusse sentenze.

Già nello scorso anno 2000, ad esempio, Peacelink denunciava la preparazione di un disegno di legge (il progetto Anedda, dal nome del parlamentare di AN che ne è stato promotore) che, in apparenza destinato a salvaguardare i giornalisti dal reato di diffamazione, presentava tra le righe alcune frasi che avrebbero stravolto la libertà di gestire siti Internet anche personali o di associazioni senza lucro, equiparando di fatto la loro esistenza a quella di testate giornalistiche. Alcuni ricorderanno la nostra presa di posizione (leggi ad esempio l'"Appello per la liberta' di espressione, di comunicazione e di informazione in rete"), come pure l'attivazione di iniziative anche istituzionali (per esempio la mozione approvata in sede di Consiglio regionale della Toscana, in cui si invitava il governo a tutelare i siti no-profit altrimenti minacciati da atti legislativi non abbastanza chiari).

Il termine della legislatura non consentì la conversione in legge del progetto Anedda ma, pochi mesi dopo, un'altra legge venne alla luce, prevista per facilitare questa volta le sovvenzioni a favore di testate editoriali, ma anch'essa contenente frasi che in particolari contesti davano anche qui l'idea di obbligo, da parte dei siti web anche no-profit, di registrazione in tribunale come testata giornalistica.

Nelle note segnalo i link ad alcuni documenti, già pubblicati nel sito di Peacelink o depositati nel sito del Parlamento italiano come pure a commenti apparsi sulla stampa online.

Note:

Il testo del disegno di legge 7292 (progetto Anedda)

L'appello, prodotto da Peacelink, per la Liberta' di Espressione, di Comunicazione e di Informazione in rete.

La pagina di presentazione della situazione di rischio per la libertà informativa nel caso il progetto Anedda fosse stato convertito in legge.

Mozione del Consiglio regionale della Toscana " Iniziative a favore della libertà di stampa".

Legge 7 marzo 2001, n. 62"Nuove norme sull’editoria e sui prodotti editoriali e modifiche alla legge 5 agosto 1981, n. 416".

Alcuni link a commenti e articoli della stampa online a seguito dell'introduzione della legge sull'editoria (e la storia non è finita...):


PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)