Eric Schmidt lascia Google dopo averlo trasformato nel gigante dell’high tech

Schmidt ha lasciato il ruolo di “consulente tecnico” presso la casa madre di Google Alphabet, a febbraio
12 maggio 2020
Richard Nieva
Fonte: c|net - 09 maggio 2020

Eric Schmidt, ex AD di Google, non è più un "consulente tecnico" dell'azienda.

Eric Schmidt, colui che ha guidato la trasformazione di Google dalla start-up di Silicon Valley a titano globale, non è più un consulente per il colosso della ricerca e la sua casa madre Alphabet, segnando un'altra tappa fondamentale nelle recenti trasformazioni del personale che hanno visto esplodere la vecchia guardia della compagnia.

Schmidt, scelto come AD di Google nel 2001, ha lasciato il suo ruolo di consulente tecnico a febbraio, secondo una fonte che conosce l'organigramma dell'azienda. La sua uscita termina un mandato di diciannove anni presso Google, dove è stato introdotto come mentore per i giovani fondatori dell'azienda, Larry Page e Sergey Brin. La partenza di Schmidt arriva tre anni dopo la dichiarazione di Schmidt di voler lasciare l'incarico di presidente esecutivo e non svolgere più un ruolo operativo.

I portavoce di Schmidt e Google hanno rifiutato di rilasciare dichiarazioni.

L'uscita di Schmidt segna un'altra tappa nella metamorfosi di Google; arriva quando la sua partecipazione a progetti governativi ha iniziato a sollevare domande su suoi conflitti di interesse. Alla fine dell'anno scorso, Page e Brin, che hanno creato Google quando erano studenti universitari alla Stanford University nel 1998, hanno affidato la leadership di Alphabet e le sue operazioni tentacolari a Sundar Pichai, il quale aveva gestito l'attività di ricerca di base dal 2015. David Drummond, il capo legale della società da quattordici anni, si è ritirato a gennaio dopo aver esaminato le relazioni passate.

Con l'uscita della gestione originale, i dipendenti e gli analisti si sono chiesti se il più grande motore di ricerca del mondo, con oltre 120.000 dipendenti in tutto il mondo, possa mantenere la sua cultura libera. Negli ultimi tre anni, le tensioni tra dirigenti e dipendenti si sono inasprite per il trattamento delle accuse di cattiva condotta sessuale dirette ai massimi dirigenti, un progetto di motore di ricerca censurato in Cina e iniziative sull'intelligenza artificiale per il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Schmidt con il Governatore di New York Andrew Cuomo (al centro) nel 2014.

Il ruolo di Schmidt in Google è gradualmente diminuito dopo essersi dimesso dalla carica di AD nel 2011. Tuttavia, i suoi legami con l'azienda hanno provocato un contraccolpo mentre Schmidt aumentava il suo lavoro con le iniziative militari statunitensi. Presiede il Defense Innovation Board, un gruppo consultivo volto a introdurre nuove tecnologie al Pentagono, compresi i progressi nel machine learning. È anche presidente della National Security Commission on Artificial Intelligence, la quale consiglia il Congresso sull'utilizzo dell'intelligenza artificiale per la difesa. I critici, tuttavia, temono che Schmidt possa ingiustamente spingere gli interessi finanziari di Google quando si tratta del suo lavoro con i militari.

All'inizio di questa settimana, il Governatore di New York Andrew Cuomo ha dichiarato che Schmidt avrebbe servito come presidente di una commissione che avrà il compito di aggiornare le infrastrutture e le pratiche tecnologiche dello stato durante e dopo la pandemia di coronavirus. Il gruppo affronterà argomenti come la telemedicina, l'Internet a banda larga e l'apprendimento remoto, ha affermato Schmidt. L'appuntamento ha anche suscitato preoccupazioni sull'influenza dell'high thech nel settore pubblico, soprattutto alla luce degli scandali sulla privacy di Google.

Schmidt, 65 anni, è entrato a far parte di Google dopo essere stato AD della software-house Novell. Fu presentato a Page e Brin da due dei più importanti sostenitori di Google a quel tempo, gli investitori John Doerr della Kleiner Perkins e Mike Moritz della Sequoia Capital. Durante il mandato di Schmidt, l'azienda si espanse oltre le sua vocazione come motore di ricerca per affrontare altre tecnologie, tra cui telefoni cellulari e video online. Ha inoltre adottato una struttura aziendale che riflette il suo crescente successo finanziario. Schmidt ha contribuito a rendere pubblica la società nel 2004, un debutto in borsa che lo ha reso miliardario. (Possiede ancora circa 5,3 miliardi di dollari in azioni della società.)

Schmidt è rimasto l'amministratore delegato di Google per un decennio, prima di passare al suo ruolo di presidente esecutivo e Page ha assunto l'incarico principale. Nel 2015, la società ha svelato una ristrutturazione bomba, creando una società madre per Google, chiamata Alphabet. Schmidt divenne anche presidente esecutivo della nuova entità.

Nel 2017 Schmidt è passato alla nuova posizione di consulente tecnico, un lavoro che non è mai stato descritto chiaramente dall'azienda. Tuttavia, aveva due assistenti amministrativi presso la sede di Google. Il personale è stato riassegnato dalla partenza di Schmidt, ha detto la fonte.

L'uscita di Schmidt significa che è ufficialmente, anche se simbolicamente, fuori dal libro paga di Alphabet. Guadagnava un dollaro all'anno nel ruolo di consigliere.

'In primo luogo non dovresti farlo sapere'

Schmidt e Larry Page (al centro) all'IPO di Google del 2004.

Durante e oltre il suo incarico di AD, Schmidt si guadagnò la reputazione di corteggiatore di controversie. Nel 2005, Google ha inserito nella sua black-list i giornalisti di CNET dopo che il sito Web ha pubblicato una storia sull'enorme quantità di dati degli utenti di Google. La storia includeva informazioni personali sull'allora amministratore delegato Schmidt, raccolte attraverso le ricerche di Google, tra le quali il suo patrimonio netto e dettagli sull'aver partecipato a Burning Man ed essere un pilota amatoriale.

Schmidt ha anche attinto al controllo delle sue opinioni sui dati degli utenti e sulla privacy. Nel 2009, quando gli è stato chiesto se le persone dovessero condividere informazioni con Google come un "amico fidato", ha risposto: "Se hai qualcosa che non vuoi che altri sappiano, forse in primo luogo non dovresti farlo sapere."

Recentemente, Schmidt ha negato i rumors sulla correlazione tra tecnologia e pandemia. In un evento virtuale con l'Economic Club di New York ad aprile, Schmidt ha criticato la risposta degli Stati Uniti al COVID-19, affermando che il governo è stato lento nell'organizzazione. Ha quindi propagandato il ruolo della Silicon Valley nell'aiutare le persone a ottenere informazioni e comunicare durante la crisi e ha affermato che gli americani dovrebbero essere "grati" che le aziende tecnologiche siano state capaci di ottenere finanziamenti e aiutare le persone.

"Il vantaggio di queste società, che amiamo diffamare, in termini di capacità di comunicazione, capacità di gestire la salute, capacità di ottenere informazioni, è profondo", ha affermato durante la discussione. "Pensa a come sarebbe la tua vita in America senza Amazon."

Tradotto da Giacomo Alessandroni per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)