Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Allarme uranio in Afghanistan

Le prime analisi svolte sulla popolazione civile mostrano livelli notevolmente superiori alla norma di uranio. E questa volta si tratta di uranio, non uranio impoverito.
Francesco Iannuzzelli27 novembre 2002 - Francesco Iannuzzelli

E' passato circa un anno da quando la tempesta di bombe della "liberta' duratura" si e' abbattuta sull'Afghanistan, e cosi' come gia' successo in Iraq, Bosnia e Kosovo la verita' sul tipo di armi utilizzate dagli Stati Uniti e dai loro alleati comincia ad emergere solo ora, quando l'attenzione dell'opinione pubblica si e' spostata su un'altra imminente guerra.

Approffittando del fatto che le operazioni militari si svolgevano in un paese in tutti i sensi lontano, durante e dopo la guerra non e' passata praticamente nessuna informazione indipendente sugli effetti dei bombardamenti, ne' in termini di vittime civili ne' sul possibile uso di armi di distruzione di massa.
Al tempo stesso le risposte dei portavoci militari e politici sono sempre state evasive, se non palesemente false, sul tipo di armi che venivano utilizzate.

Le preoccupazioni maggiori riguardavano le bombe ad elevata penetrazione, concepite allo scopo di distruggere bunker in profondita', che spesso montano testate con uranio impoverito per acquisire maggiore peso e penetrazione; anche le cosiddette "bombe intelligenti" possono montare una testata in uranio impoverito.
Circa 12.000 bombe sono state lanciate durante "Enduring Freedom", il 60% delle quali "intelligenti".

I militari giustificano l'uso dell'uranio nella testata di queste bombe perche', per le sua densita' e facilita' di combustione, e' in grado di penetrare in profondita' e distruggere bunker e altre strutture del genere.
In realta' l'utilizzo (criminale) dell'uranio impoverito in queste armi avviene non solo per lo scopo immediato di distruggere l'obiettivo, ma anche per quello di lungo termine, ovvero come previsto dalla dottrina militare degli Stati Uniti la contaminazione radioattiva dell'ambiente e della popolazione civile.

I risultati delle prime analisi

L' "Uranium Medical Research Centre" e' un'organizzazione indipendente non a scopo di lucro fondata nel 1997 da Asaf Durakovic, esperto di medicina nucleare e impegnato da anni nel fare chiarezza sugli effetti dell'uranio impoverito.
Un primo gruppo di ricercatori si e' recato in Afghanistan a giugno di quest'anno, il secondo gruppo a ottobre ed e' tornato da poco; hanno raccolto campioni di schegge, acqua, terra, e di urina della popolazione civile nelle zone di Jalalabad e Kabul.

I risultati, parzialmente pubblicati in un rapporto disponibile online [1] dal 15 novembre, sono parecchio preoccupanti: nei campioni di urine analizzati si trovano concentrazioni di isotopi dell'uranio superiori di 100 volte alla norma [2].
Piu' in genere, citando lo stesso rapporto, "il team di ricercatori e' rimasto scioccato dalla portata dell'impatto dei bombardamenti sulla salute della popolazione. Senza eccezioni, in ogni localita' colpita dai bombardamenti, la gente e' ammalata. Una parte significativa della popolazione presenta sintomi tipici della contaminazione interna da uranio.".
Pur considerando la situazione di un paese che dopo decenni di poverta' e' stato colpito da una guerra tanto insensata quanto efferata, i sintomi manifestati dalla popolazione sono alquanto sospetti per essere ricondotti a cause naturali.
Al tempo stesso, la presenza di uranio nei campioni analizzati non puo' essere giustificata in nessun altro modo se non con le bombe made in Usa. Non vi sono miniere di uranio in Afghanistan, ne e' plausibile pensare che i Taliban o Al Qaeda fossero in possesso di quantitativi cosi' alti di uranio e li avessero disseminati proprio nei luoghi colpiti dai bombardamenti.

Non e' uranio impoverito, e' uranio naturale

L'aspetto ancor piu' inquietante che sembra emergere dalle prime analisi e' che non si tratta di uranio impoverito.
Nei soggetti di Jalalabad sottoposti ad analisi e' stato riscontrata una presenza di uranio naturale fino a 20 volte superiore rispetto alla norma.
Si tratta di valori notevolmente diversi da quelli riscontrati nei veterani della guerra del Golfo, che invece erano stati esposti a uranio impoverito (in quel caso si trattava prevalentemente di proiettili).
Cio' farebbe supporre che in Afghanistan gli Stati Uniti abbiano utilizzato un tipo nuovo di testate per le loro bombe, contenenti uranio naturale e non uranio impoverito.

L'uranio naturale e' composto da tre isotopi radioattivi e viene artificialmente arricchito per essere poi utilizzato nei reattori nucleari. Lo scarto di questo processo di arricchimento e' appunto l'uranio impoverito, che contiene poco meno della meta' dell'isotopo U235 presente nell'uranio naturale.
Di conseguenza l'uranio impoverito e' radioattivo circa la meta' di quello naturale.

Non e' chiaro il motivo per cui gli Stati Uniti avrebbero impiegato uranio naturale e non impoverito per le proprie bombe; la capacita' di penetrazione resta praticamente identica, l'unico cambiamento significativo e' la radioattivita' diffusa nell'ambiente, che va appunto a colpire principalmente la popolazione civile. Potrebbe anche essere che in realta' gli USA vogliono nascondere la contaminazione provocata dai loro bombardamenti spacciandola come contaminazione da uranio naturale presente gia' da prima della guerra.
Le analisi sono comunque ancora in corso ed i campioni analizzati potrebbero non essere sufficienti a chiarire la reale situazione. A riguardo l'UMRC ha lanciato una campagna di finanziamento per affrontare i notevoli costi delle analisi, alla quale si puo' contribuire direttamente dal sito. [3]

Nel frattempo in Afghanistan si muore

Secondo alcuni recenti studi [4] condotti quest'anno, ogni 20 minuti una donna muore di parto in Afghanistan, che e' di fatto il paese con la piu' alta mortalita' materna nel mondo. Una morte che, nell'87% dei casi, sarebbe evitabile.
In un paese dove l'assistenza sanitaria e' inesistente, e' praticamente impossibile capire cosa sta succedendo, anche perche' c'e' innanzitutto la priorita' di intervenire per salvare piu' vite umane possibile.
Interventi che richiedono una frazione dei soldi spesi per questa ennesima folle guerra.

Intanto resta da chiedersi se, come successo in passato, bisognera' aspettare che un evento tragico colpisca alcuni nostri connazionali prima i responsabili politici e militari italiani dedichino attenzione agli effetti collaterali della "guerra umanitaria" in Afghanistan.
350 soldati italiani sono a Kabul per conto dell'ISAF (International Security Assistance Force), un migliaio di alpini andra' in Afghanistan a marzo dell'anno prossimo. E numerosi volontari di varie organizzazioni sono operativi da tempo in Afghanistan, esponendosi in prima fila per assistere la popolazione che vive nei luoghi bombardati l'anno scorso.

Sono stati informati sui possibili rischi? Sanno che precauzioni prendere?
E la popolazione civile, chi la informa, chi se ne cura?
L'uranio non ha fretta, conta di restare li' per i prossimi 700 milioni di anni.
Noi invece si' che abbiamo fretta, anche di fermare i criminali che hanno deciso e organizzato questa guerra.

Note: [1]
Il rapporto e' disponibile, in formato PDF, sul sito dell'UMRC
http://www.umrc.net/projectAfghanistan.asp

[2]
Si veda a riguardo anche il testo dell'intervento del prof. Durakovic alla conferenza su medicina militare e protezione dalle armi di distruzione di massa, svoltasi in Qatar il 23/10/2002.
http://www.umrc.net/downloads/New%20Concepts%20in%20CBRN%20Warfare.pdf

[3]
L'analisi di un campione costa circa 1.000 euro, equivalenti a 4 anni di uno stipendo medio in Afghanistan.
Per contribuire http://www.umrc.net/afghanDonations.asp

[4]
Unicef, CDC e ministero afgano della salute
"Maternal Mortality in Afghanistan: Magnitude, Causes, Risk Factors and Preventability"
http://www.unicef.org/newsline/02pr59afghanmm.htm

Physicians for Human Rights
"Maternal Mortality in Herat Province: The Need to Protect Women's Rights"
http://www.phrusa.org/research/afghanistan/maternal_mortality.html

Articoli correlati

  • Sull'Afghanistan il MS5 ha cambiato posizione

    L'Italia rimarrà in Afghanistan fino al 2024

    "Noi del Movimento cinque stelle pensiamo che il contingente italiano non debba più restare in Afghanistan", diceva Luigi Di Maio. Adesso il ministro della Difesa prende l'impegno di mantenere sul campo le truppe della missione militare "a lungo termine".
    16 luglio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • E' morto Fidel Castro

    26 novembre 2016 - Marinella Correggia
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.18 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)