Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Bioaccumulo anomalo in alcuni alimenti della Basilicata e criticità nel lago Pertusillo
    In allegato la lettera

    Bioaccumulo anomalo in alcuni alimenti della Basilicata e criticità nel lago Pertusillo

    PeaceLink e Cova Contro mandano a Bruxelles i dati attualmente disponibili. Sono tratti da tre relazioni non ancora pubblicate, alle quali abbiamo però avuto accesso in modo ufficioso.
    10 maggio 2016 - Antonia Battaglia e Giorgio Santoriello
  • Stop Tempa Rossa
    Taranto deve allearsi con gli attivisti della Basilicata per vincere

    Stop Tempa Rossa

    PeaceLink aderisce al movimento che si è creato per scongiurare ulteriori rischi di inquinamento dovuto all'estrazione degli idrocarburi e al trasporto tramite petroliere. A rischio non c'è solo il mare ma anche l'acqua che beviamo
    29 giugno 2014 - Alessandro Marescotti
  • Inquinamento segreto? Le leggi dicono l'opposto
    Gli idrocarburi nel lago Pertusillo

    Inquinamento segreto? Le leggi dicono l'opposto

    La difesa del radicale lucano Maurizio Bolognetti spiega perché i singoli cittadini hanno il diritto - dovere di tutelare l'ambiente
    17 maggio 2014 - Lidia Giannotti
  • "BBGames": i giochi urbani per sostenere Matera Capitale europea della cultura 2019
    I giochi urbani di dimensioni epiche sono a Matera per una settimana

    "BBGames": i giochi urbani per sostenere Matera Capitale europea della cultura 2019

    L’idea dei BBGames è semplice in sé, quasi elementare: far arrivare ragazzi da tutta Italia e da tutta Europa in una città della Basilicata per una settimana, dividerli in squadre, dar loro ogni giorno delle “missioni” da svolgere con l’ausilio delle persone del luogo, e poi vedere cosa succede.
    20 settembre 2013 - Teresa Manuzzi
Al posto del deposito nazionale di scorie nucleari

Città della pace dei bambini a Terzo Cavone - Scanzano

Dalla Basilicata un contributo di solidarietà e speranza per l'umanità
29 novembre 2005 - NOSCORIE TRISAIA

La decisione da parte della Regione Basilicata di iniziare la progettazione della Città dei Bambini a Terzo Cavone di Scanzano Jonico (MT) “è saggia e onorevole”. Finalmente un segnale chiaro della determinazione e della volontà politica dei nostri Amministratori che amano la Basilicata. Aspettavamo da due anni questo momento. Le ultime dichiarazioni del presidente Bubbico rilasciate alla stampa il 20.11.05 sembravano non dare futuro alla nobile iniziativa. Poi, a sorpresa, dopo due giorni la lieta notizia annunciata dal Presidente della Regione De Filippo.

L’iniziativa è unica nel suo genere e fa onore al popolo lucano. La lezione di democrazia e civiltà della lotta contro le scorie radioattive a Scanzano si trasforma dunque con la Città della Pace dei Bambini a Terzo Cavone in un meraviglioso contributo di solidarietà del popolo lucano all’umanità. Grazie alla proposta lanciata durante la lotta di Scanzano e del sud nel 2003 dal premio Nobel per la Pace, Betty Wiliams, la speranza si fa concreta: dalla magna Grecia parte un messaggio di speranza e di pace al mondo, proprio mentre si vorrebbe trasformare il Golfo di Taranto ed il Mar Ionio in base militare per scenari di guerra. Come movimento antinucleare pacifista quindi daremo il massimo appoggio alla riuscita dell’opera. Divulgheremo l’iniziativa regionale in rete affinché sia conosciuta ovunque e sosterremo attivamente la riuscita di questa grande opera umanitaria e di solidarietà.

Auspichiamo ora incisività e determinazione anche nelle altre vicende nucleari che coinvolgono ancora la nostra regione: come l’invio del materiale radioattivo di Elk River negli Usa, la demolizione dell’impianto Itrec presso la Trisaia di Rotondella e della messa in sicurezza del materiale altamente pericoloso ancora presso il centro Enea –Sogin. Auspichiamo che la Regione Basilicata persegua ora con forza la riconversione produttiva del Centro della Trisaia in facoltà universitaria nel settore dell’agricoltura e delle energie alternative. Auspichiamo inoltre l’istituzione del Parco Naturale dei Calanchi Lucani affinché i territori di Craco-Stigliano e quelli compresi in quest’area non siano disponibili quale sito per il deposito unico ingegneristico nazionale delle scorie nucleari.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)