Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

Sottomarini nucleari

La Maddalena: base Usa in violazione della Costituzione

De Gasperi nel 1947 dichiarò - nell'ambito della discussione parlamentare sull'adesione alla Nato - che "nessuno ci ha mai chiesto basi militari, e d'altra parte non è nello spirito dei patti di mutua assistenza come il Patto Atlantico, di chiederne o concederne".
13 ottobre 2003 - Alessandro Marescotti

L'ampliamento della base Usa de La Maddalena è stato autorizzato il 30/9/03 dal ministro della Difesa Martino.

Le autorizzazioni governative a questa base continuano ad avvenire in violazione dell'art. 80 della Costituzione.

Più di qualcuno pensa - ad esempio il dott. Paolo Gambescia, direttore del Messaggero - che i patti internazionali sono stati discussi in Parlamento e che quindi non vi sarebbe stata alcuna violazione costituzionale per La Maddalena.

Vediamo quindi cosa dice l'art.80 della Costituzione: "Le Camere autorizzano con legge la ratifica dei trattati internazionali che sono di natura politica, o prevedono arbitrati o regolamenti giudiziari, o importano variazioni del territorio od oneri alle finanze o modificazioni di leggi".

Non risulta esservi mai stata alcuna autorizzazione parlamentare a "variazioni del territorio". Risulta invece essere stata costruita a La Maddalena una base americana su cui sventola la bandiera Usa e non la bandiera della Nato (la differenza è essenziale). La Maddalena è base che non rientra nel patto Nato.

Della questione della concessione di territorio italiano per basi straniere se ne discusse nel 1949 alla Camera nell'ambito delle votazioni sull'adesione alla Nato, allorché la sinistra (comunisti, socialisti e indipendenti) presentò un ordine del giorno in cui si specificava: "La Camera, riferendosi alle dichiarazioni del Governo, raccomanda che non venga concesso ad alcun governo straniero l'uso del territorio nazionale per l'organizzazione di basi militari di qualsiasi genere".
De Gasperi dichiarò l'ordine del giorno inaccettabile in quanto "nessuno ci ha mai chiesto basi militari, e d'altra parte non è nello spirito dei patti di mutua assistenza come il Patto Atlantico, di chiederne o concederne". (1)

Quindi l'adesione dell'Italia alla Nato non ha comportato la ratifica di trattati ai sensi dell'articolo 80, anzi De Gasperi escluse categoricamente che l'adesione dell'Italia alla Nato potesse portare la concessione di basi americane cone quella de La Maddalena.
Ciò avvenne nel 1972 con il governo Andreotti ma nessuna votazione parlamentare ha mai ratificato quella base Usa (non Nato, ripeto).

(1) Antonio Liberti, Luigi Cortesi, "1949: il trauma della Nato. Il dibattito alla Camera sull'adesione dell'Italia al Patto Atlantico", ECP Edizioni Cultura della Pace, 1989 S.Domenico di Fiesole (FI), p.14

Note:

http://www.cronacheisolane.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)