Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Il Tar Lazio e i poligoni militari

    Il Tar Lazio e i poligoni militari

    C'erano rapporti, perizie e le nanoparticelle di uranio nei suoi organi, ma a un militare ammalato era sempre stato negato un risarcimento. Il Tar sta ai fatti e smentisce i Ministeri
    28 luglio 2014 - Lidia Giannotti
  • La Francia doveva intervenire nella guerra in Mali?

    La Francia doveva intervenire nella guerra in Mali?

    11 febbraio 2013 - Jean-Marie Muller
  • Che le immagini parlino da sole

    Che le immagini parlino da sole

    Detesto essere definito un reporter di guerra. Prima di tutto perché ha l'amaro sapore d'averci fatto il callo. E in secondo luogo perché non si può raccontare una guerra senza conoscere le politiche che le soggiacciono.
    27 aprile 2011 - Robert Fisk
  • Cresce la preoccupazione intorno al possibile uso di uranio impoverito in Libia
    Appello dell'ICBUW

    Cresce la preoccupazione intorno al possibile uso di uranio impoverito in Libia

    La probabilità che in Libia sia stato utilizzato uranio impoverito sta crescendo in seguito allo spiegamento e all’uso di velivoli A-10 e Harrier AV-8B. L’ICBUW (Coalizione Internazionale per la Messa al Bando delle Armi all’Uranio) chiede che venga fatta pressione sugli Stati Uniti affinché chiariscano la situazione, e mettano fuori uso le munizioni all’uranio impoverito.
    1 aprile 2011 - International Coalition to Ban Uranium Weapons
Cronologia

Tutte le menzogne dell'allora governo di centrosinistra

7 dicembre 2007
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Marzo-giugno '99
Conflitto in Kosovo. L'Italia partecipa bombardando insieme agli altri paesi Nato. Ufficialmente non usa proiettili all'uranio impoverito.

Ottobre '99
La Balkans task force dell'Unep (il programma ambientale dell'Onu) pubblica uno studio sugli effetti sulla salute e sull'ambiente di un possibile utilizzo dell'uranio impoverito. Contestualmente chiede alla Nato un'informativa sul Du.

22 novembre '99
La Farnesina distribuisce ai militari italiani poche pagine di informazioni sui rischi derivanti dal contatto con uranio impoverito e sulle misure di protezione da prendere.

7 febbraio 2000
La Nato conferma l'utilizzo di 31 mila proiettili radioattivi e fornisce una cartografia delle aree colpite. Le due zone più bombardate sono nell'area assegnata agli italiani. Mancano informazioni relative all'utilizzo dei missili Tomahawk.

21 dicembre 2000
Il ministro della Difesa Mattarella riferisce in parlamento sull'onda dello scandalo suscitato da alcune morti. Ammette l'uso di uranio impoverito e dice che l'Italia era stata informata solo il giorno prima. Non era vero.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)