Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Ritorniamo a dire pubblicamente NO alla guerra
    Nessuna rassegnazione e nessuna caduta di tensione civile

    Ritorniamo a dire pubblicamente NO alla guerra

    Ogni marcia di protesta contro la guerra, ogni appello in favore della pace, ogni veglia di preghiera, ogni bandiera arcobaleno esposta, ogni segno di pace esibito costituisce un piccolo-grande atto di elevata politica per togliere dalle mani dei padroni del mondo il nostro futuro e il nostro destino
    18 aprile 2017 - Michele Di Schiena
  • Una Perugia-Assisi straordinaria per fermare i Signori della guerra. Appello di Padre Zanotelli
    Il missionario richiama i pacifisti all'unità e all'azione

    Una Perugia-Assisi straordinaria per fermare i Signori della guerra. Appello di Padre Zanotelli

    L'Italia ripudia la guerra (art. 11 Cost.), non può puntare sulle armi come pilastro del Sistema paese e armare paesi in guerra o che violano i diritti umani
    16 aprile 2017 - Alex Zanotelli
  • Fascismi: "Sotto qualsiasi forma"

    Fascismi: "Sotto qualsiasi forma"

    Riflessioni e appunti a margine dell'incontro "Le metamorfosi del neofascismo e l'applicazione della XII disposizione della Costituzione", organizzato dal circolo Anpi dell'Università di Siena "Carlo Rosselli"
    14 aprile 2017 - David Lifodi
"L'Italia ripudia la guerra"

La legge 331/2000: "Le attività delle Forze armate devono essere conformi all'articolo 11 della Costituzione"

E' legale armare gli aerei italiani con le bombe, così come propone il Ministro della Difesa La Russa? Bombardare l'Afghanistan non è conforme all'articolo 11 della Costituzione richiamato dalle legge istitutiva del servizio militare professionale (legge 331/2000). Occorre contattare i parlamentari perché blocchino una violazione della legge. L'Esecutivo deve "eseguire" le leggi e non violarle.
15 ottobre 2010 - Associazione PeaceLink

L'articolo 11 della Costituzione Italiana sancisce: "L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo". Bombardamento

La legge 331/2000 contiene “norme per l’istituzione del servizio militare professionale” ed è stata resa successivamente operativa con il decreto legislativo n. 215 del 2001, cui ha fatto seguito, con “disposizioni integrative e correttive”, il decreto legislativo n. 236 del 2003. La legge n. 331/2000 dichiara, all’art. 1, che “l’ordinamento e l’attività delle Forze armate sono conformi agli articoli 11 e 52 della Costituzione”.

Annota il giurista Francesco Dal Canto: “Il richiamo espresso all’art. 11 rappresenta senza dubbio una novità assai rilevante. Se infatti fino a oggi il riferimento costituzionale pressoché esclusivo dell’attività militare (…) era costituito dall’articolo 52 della Costituzione, si profila ora l’esigenza, dolorosamente sempre più attuale, di giustificare la presenza delle Forze armate all’estero, (…) per la prima volta, nell’alveo dell’articolo 11 della Costituzione”.

Perché ci addentriamo in questa analisi?

Deve essere infatti chiaro che l'articolo 11 della Costituzione è esplicitamente richiamato dalla legge 331/2000. Il ministro della Difesa lo sa quando chiede alle Commissioni Difesa di Camera e Senato di discutere se caricare le bombe sui bombardieri italiani?

Perché configurare l'armamento aereo in Afghanistan secondo il classisco schema di una "missione di guerra" che, oltre che vietata "per principio" dalla Costituzione, è vietata "per legge" dalle norme che istituiscono e regolano l'esercito professionale?

Occorre poi tenere presente che ogni ordine in violazione della Costituzione potrebbe incontrare l'opposizione legittima del militare che ha giurato fedeltà alla Costituzione, si vedano le informazioni che sono qui sintetizzate:

http://www.peacelink.it/pace/a/76.html

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)