Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Emergenza nucleare, ecco l'opuscolo distribuito a Bruxelles e che andrebbe distribuito anche nei porti italiani a rischio nucleare
    Saranno mostrate ai giornalisti le compresse di ioduro di potassio in caso di incidente atomico distribuite gratuitamente nelle farmacie di Bruxelles

    Emergenza nucleare, ecco l'opuscolo distribuito a Bruxelles e che andrebbe distribuito anche nei porti italiani a rischio nucleare

    Abbiamo tradotto i punti salienti dell'opuscolo belga. Domani questo opuscolo sarà presentato a Taranto in una conferenza stampa sul rischio nucleare collegato al transito di unità militari a propulsione nucleare, essendo Taranto un porto soggetto a tale eventualità.
    26 marzo 2018 - Associazione PeaceLink
  • Giovanni Pesce: Partigiano della Pace - l'appello contro l'energia nucleare
    PRESENTAZIONE:

    Giovanni Pesce: Partigiano della Pace - l'appello contro l'energia nucleare

    Con il messaggio antinucleare di Giovanni Pesce, il Che Guevara italiano e della Campagna internazionale ICAN - Premio Nobel per la Pace 2017 per il disarmo nucleare universale
    7 marzo 2018 - Laura Tussi
  • Stop al transito di navi e sottomarini nucleari nei porti italiani
    Iniziativa a Siracusa e Augusta per venerdì 9 marzo

    Stop al transito di navi e sottomarini nucleari nei porti italiani

    Dal 5 al 16 marzo, a largo delle coste della Sicilia orientale, andrà in scena Dynamic Manta, l’annuale mega-esercitazione aeronavale che vede protagoniste le forze armate di una decina di Paesi aderenti al Patto Atlantico (Nato). Con questa iniziativa si chiede ancora una volta alla Prefettura di Siracusa e alle competenti autorità marittime di vietare l’accesso e la sosta di unità navali a propulsione nucleare nelle acque territoriali e nel porto di Augusta, quale necessaria misura di prevenzione a tutela delle popolazioni costiere e dall’ambiente, non essendo stato ad oggi predisposto alcun piano per far fronte a un’eventuale emergenza radiologica.
    28 febbraio 2018
  • "Siamo tutti Premi Nobel per la Pace"
    Oslo 2017 - Nova Milanese

    "Siamo tutti Premi Nobel per la Pace"

    Con il messaggio antinucleare della Campagna Internazionale ICAN - Premio Nobel per la Pace 2017 per il disarmo nucleare universale
    16 febbraio 2018 - Laura Tussi
Italia a rischio

Al referendum con 2 reattori nucleari USA nel Golfo di Napoli

Alla vigilia del referendum approda nel Golfo di Napoli la portaerei "George Bush" a propulsione nucleare: due reattori da 194 MW e un'infinità di missili cruise all'uranio impoverito. I porti italiani sempre più a rischio atomico...
12 giugno 2011 - Antonio Mazzeo

Due pericolosissimi reattori nucleari con una potenza di 194 MW a presidio del voto referendario dei napoletani. Da sabato 11 giugno sono approdate nel Golfo di Napoli le unità navali USA componenti il George H.W. Bush Carrier Strike Group, la task force navale salpata un mese fa dal porto di Norfolk (Virginia) e diretta dalla USS George H.W. Bush, l’ultima portaerei della classe “Nimitz”, una delle più grandi imbarcazioni militari mai costruite nella storia, 333 metri di lunghezza, 77 di larghezza e un peso di 104.000 tonnellate. I due reattori nucleari che consentono la propulsione della portaerei sono del tipo A4W (dove A sta per Aircraft Carrier Platform, 4 per quarta generazione e W per Westinghouse Electric, la società statunitense produttrice) e hanno un’autonomia di circa 20 anni.     

Rispetto alle unità della stessa classe, la George H.W. Bush ha un design innovativo che include una torre radar protetta, sistemi di navigazione e di telecomunicazione di ultima generazione, sofisticati apparati di stoccaggio e distribuzione del carburante, servizi semi-automatici di rifornimento e più moderne ed efficienti aree di atterraggio, lancio e ricovero per oltre 70 aerei. L’unità ospita una selva di radar che ne fanno una pericolosissima sorgente mobile di elettromagnetismo: si va dalle antenne di ricerca aerea SPS-48E ed SPS-49(V)5 ed acquisizione bersagli Mk 23 ai radar di controllo del traffico aereo SPN-46 ed SPN-43B, a quelli di aiuto all’atterraggio SPN-44 sino ai sistemi di guida dei lanciatori Mk 91 e Mk 95. Lo stemma della portaerei intitolata al 41° presidente della storia degli Stati Uniti d’America che nel 1991 scatenò la prima Guerra del Golfo, rappresenta le tipologie dei cacciabombardieri imbarcati: si tratta degli F/A-18 “Super Hornet” per l’attacco al suolo e dei nuovi monoposto di 5^ generazione F-35 Lightining II. Ma a bordo della portaerei atomica, come sottolineato dall’alto comando di US Navy, debuttano pure i velivoli di sorveglianza elettronica EA-18G “Growler”.

A bordo del George H.W. Bush Carrier Strike Group sono imbarcati oltre 6.000 marines e il Carrier Air Wing (CVW) 8, il gruppo di volo dell’US Navy con sede a Oceana (Virginia), composto da otto squadroni dotati di cacciabombardieri F/A-18, velivoli per la guerra elettronica E-2C “Hawkeye”,  aerei-cargo C-2A “Greyhound” ed elicotteri MH-60 “Knighthawk” e “Seahawk”. Della task force fanno poi parte quattro unità navali, due incrociatori della classe Ticonderoga (USS Gettysburg e USS Anzio) e due cacciatorpediniere della classe Arleigh Burke (USS Truxtun e USS Mitscher). Si tratta di imbarcazioni destinate agli attacchi missilistici e alla guerra elettronica: imbarcano i sistemi a lancio verticale MK 41 e i siluri MK 32, più un cocktail micidiale di centinaia di missili MK26, RIM-66 “Standard”, RUR-5 ASROC, RGM-84 “Harpoon”, RIM-66M, RIM-161, RIM-174 “Eram” e finanche i famigerati BGM-109 “Tomahawk”, missili da crociera all’uranio impoverito. Nelle unità sono stati installati inoltre i radar multi-funzioni AM/SPY-1 e i sistemi di combattimento navale “Aegis” dotati degli intercettori anti-missile SM-3, le cui versioni navali e terrestri costituiranno l’ossatura del nuovo scudo stellare voluto dall’amministrazione Obama. Il dislocamento dell’“Aegis” nel Mediterraneo segna la prima tappa del programma di sviluppo di un sistema anti-missili balistici in Europa e in Medio oriente, a cui seguirà entro il 2015 l’installazione dei sistemi Aegis/SM-3 in basi terrestri di Turchia, Romania, Bulgaria, Polonia e Repubblica Ceca.

Il George H.W. Bush Carrier Strike Group è giunto nel Golfo di Napoli dopo aver partecipato ad una serie di esercitazioni aeronavali a largo delle coste della Gran Bretagna e della Spagna. Secondo il Comando della VI Flotta della marina USA, la task force nucleare opererà nel Mediterraneo perlomeno sino alla fine del 2011 in missioni di “sicurezza marittima e mutua cooperazione con i partner NATO”, ma la spropositata potenza di fuoco lascia presagire il suo impiego diretto nelle operazioni di bombardamento alla Libia. Successivamente le unità navali si dirigeranno nelle acque del Golfo Persico poste sotto il comando della V Flotta USA in Bahrein. 

 

Due pericolosissimi reattori nucleari con una potenza di 194 MW a presidio del voto referendario dei napoletani. Da sabato 11 giugno sono approdate nel Golfo di Napoli le unità navali USA componenti il George H.W. Bush Carrier Strike Group, la task force navale salpata un mese fa dal porto di Norfolk (Virginia) e diretta dalla USS George H.W. Bush, l’ultima portaerei della classe “Nimitz”, una delle più grandi imbarcazioni militari mai costruite nella storia, 333 metri di lunghezza, 77 di larghezza e un peso di 104.000 tonnellate. I due reattori nucleari che consentono la propulsione della portaerei sono del tipo A4W (dove A sta per Aircraft Carrier Platform, 4 per quarta generazione e W per Westinghouse Electric, la società statunitense produttrice) e hanno un’autonomia di circa 20 anni.     

Rispetto alle unità della stessa classe, la George H.W. Bush ha un design innovativo che include una torre radar protetta, sistemi di navigazione e di telecomunicazione di ultima generazione, sofisticati apparati di stoccaggio e distribuzione del carburante, servizi semi-automatici di rifornimento e più moderne ed efficienti aree di atterraggio, lancio e ricovero per oltre 70 aerei. L’unità ospita una selva di radar che ne fanno una pericolosissima sorgente mobile di elettromagnetismo: si va dalle antenne di ricerca aerea SPS-48E ed SPS-49(V)5 ed acquisizione bersagli Mk 23 ai radar di controllo del traffico aereo SPN-46 ed SPN-43B, a quelli di aiuto all’atterraggio SPN-44 sino ai sistemi di guida dei lanciatori Mk 91 e Mk 95. Lo stemma della portaerei intitolata al 41° presidente della storia degli Stati Uniti d’America che nel 1991 scatenò la prima Guerra del Golfo, rappresenta le tipologie dei cacciabombardieri imbarcati: si tratta degli F/A-18 “Super Hornet” per l’attacco al suolo e dei nuovi monoposto di 5^ generazione F-35 Lightining II. Ma a bordo della portaerei atomica, come sottolineato dall’alto comando di US Navy, debuttano pure i velivoli di sorveglianza elettronica EA-18G “Growler”.

A bordo del George H.W. Bush Carrier Strike Group sono imbarcati oltre 6.000 marines e il Carrier Air Wing (CVW) 8, il gruppo di volo dell’US Navy con sede a Oceana (Virginia), composto da otto squadroni dotati di cacciabombardieri F/A-18, velivoli per la guerra elettronica E-2C “Hawkeye”,  aerei-cargo C-2A “Greyhound” ed elicotteri MH-60 “Knighthawk” e “Seahawk”. Della task force fanno poi parte quattro unità navali, due incrociatori della classe Ticonderoga (USS Gettysburg e USS Anzio) e due cacciatorpediniere della classe Arleigh Burke (USS Truxtun e USS Mitscher). Si tratta di imbarcazioni destinate agli attacchi missilistici e alla guerra elettronica: imbarcano i sistemi a lancio verticale MK 41 e i siluri MK 32, più un cocktail micidiale di centinaia di missili MK26, RIM-66 “Standard”, RUR-5 ASROC, RGM-84 “Harpoon”, RIM-66M, RIM-161, RIM-174 “Eram” e finanche i famigerati BGM-109 “Tomahawk”, missili da crociera all’uranio impoverito. Nelle unità sono stati installati inoltre i radar multi-funzioni AM/SPY-1 e i sistemi di combattimento navale “Aegis” dotati degli intercettori anti-missile SM-3, le cui versioni navali e terrestri costituiranno l’ossatura del nuovo scudo stellare voluto dall’amministrazione Obama. Il dislocamento dell’“Aegis” nel Mediterraneo segna la prima tappa del programma di sviluppo di un sistema anti-missili balistici in Europa e in Medio oriente, a cui seguirà entro il 2015 l’installazione dei sistemi Aegis/SM-3 in basi terrestri di Turchia, Romania, Bulgaria, Polonia e Repubblica Ceca.

Il George H.W. Bush Carrier Strike Group è giunto nel Golfo di Napoli dopo aver partecipato ad una serie di esercitazioni aeronavali a largo delle coste della Gran Bretagna e della Spagna. Secondo il Comando della VI Flotta della marina USA, la task force nucleare opererà nel Mediterraneo perlomeno sino alla fine del 2011 in missioni di “sicurezza marittima e mutua cooperazione con i partner NATO”, ma la spropositata potenza di fuoco lascia presagire il suo impiego diretto nelle operazioni di bombardamento alla Libia. Successivamente le unità navali si dirigeranno nelle acque del Golfo Persico poste sotto il comando della V Flotta USA in Bahrein.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)