Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

Una presenza di pochi giorni a Vienna, ma un carico di emozione e di speranza.

NPT PrepCom 2012

14 maggio 2012 - Roberto Del Bianco

Un'ala del "Vienna International Center", sede europea delle Nazioni Unite e dell'AIEA

Prima sessione dei lavori preparatori della Conferenza del riesame del Trattato di Non Proliferazione Nucleare. Letta così, sembra raccontare un evento lungo, noioso e inutile, come sembrano essere spesso le azioni della diplomazia mondiale. Eppure è forse l’unico momento in cui Organizzazioni grandi e piccole possono arrivare a dire la loro ai “Grandi del mondo”, illustrare cifre e preoccupazioni, suggerire soluzioni e rimproverare ritardi e inadempienze, incuneandosi nell’intricato gioco degli equilibri militari che nonostante i decenni trascorsi dal periodo della “Guerra Fredda” e le tante promesse di un disarmo tuttora percorso a piccoli passi, ancora tengono appesa sui nostri destini la spada di Damocle dell’olocausto atomico globale.

Vienna International Center, sede europea delle Nazioni Unite. Un insieme serrato di palazzi radunati attorno a una grande vasca circondata dai pennoni su cui sventolano tutte le bandiere del mondo. Persone a passo veloce o riunite a piccoli gruppi in chiacchiericcio multiforme. Aria quasi di festa globale, multietnica e senza barriere; e con gli unici - ma essenziali - punti che accomunano questa varietà di popolo: l’ansia per il nostro futuro, e, naturalmente, la lingua inglese...

Primo piano, sala M2. Affianco, la grande sala che ospita in conferenza i rappresentanti delle Nazioni. Qui, i numerosi speakers dalle ONG accreditate si alternano, sciorinando cifre e illustrando problemi.

IPPNW. IPB. ICAN. IALANA. INES. WILPF. Sigle sconosciute ai più ma che racchiudono un insieme di organizzazioni mondiali che analizzano, studiano e propongono, ciascuna nella sua specificità, una realtà anch’essa nascosta o minimizzata da governi e media, ma che incombe in modo drammatico sulle sorti del mondo. L’ingente quantità tuttora presente di armamenti atomici, la possibilità concreta che anche un errore o un malfunzionamento tecnico possano innescare la guerra totale (e più di una volta ci siamo andati vicini), la spinta al disarmo che sembra entrare nelle menti delle Nazioni ma che viene affiancata a progetti di rimodernamento degli ordigni.

No, non è ancora il tempo del riposo.


N.B. Vedi anche Trattato di non proliferazione: qualcosa sta cambiando di Rebecca Johnson (direttore dell'"Acronym Institute for Disarmament Diplomacy" e Vicepresidente di ICANW). 


Vienna, NPT PrepCom 2012. Momenti delle conferenze nella sala M2

Il Trattato di Non Proliferazione Nucleare (NPT)

Fu sottoscritto il 1° luglio 1968 da Stati Uniti, Regno Unito e Unione Sovietica ed entrò in vigore il 5 marzo 1970.

Altre Nazioni vi aderirono successivamente: Francia e Cina nel 1992 e Corea del Nord nel 1985 ma ritirandosi quest’ultima successivamente nel 2001. Attualmente gli Stati firmatari sono 189.

Il Trattato si basa su tre principi: disarmonon proliferazione e uso pacifico del nucleare. Il trattato, composto di 11 articoli, proibisce agli stati firmatari "non-nucleari" di procurarsi tali armamenti e agli stati "nucleari" di fornir loro tecnologie nucleari belliche. Inoltre il trasferimento di tecnologie nucleari per scopi pacifici deve avvenire sotto il controllo della AIEA (l’Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica). 

Ogni 5 anni è prevista una conferenza di revisione del Trattato; e mentre la Conferenza del 2005 fu un fallimento, nel 2010 gli Stati firmatari riuscirono ad adottare in via consensuale un documento finale che fissa obiettivi di disarmo progressivo, fino alla prossima Conferenza di revisione del 2015.



 

 

 

 

Vienna, NPT PrepCom 2012. Momenti delle conferenze nella sala M2

La presenza di Mikiso Iwasa, sopravvissuto alla Bomba, ha aggiunto viva testimonianza alla pressante richiesta di "Ban the Nuclear Weapons"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vienna, NPT PrepCom 2012. "Under the Mushroom Cloud", la mostra allestita da Gensuikyo

A fianco delle sale, iniziative e testimonianze

A fianco delle assemblee, e lungo il grande spazio che circonda le sale del palazzo M, ecco i numerosi banchi delle "iniziative correlate", animate dagli attivisti di numerosi Movimenti e Associazioni.

Dal "Japan Council against A and H Bombs (Gensuikyo)" che ha allestito Under the Mushroom Cloud, mostra descrittiva delle conseguenze dei bombardamenti di Hiroshima e Nagasaki, al tavolo che riunisce i rappresentanti del movimento "Mayors for Peace". E poi il video preparato da ICAN, le testimonianze degli Hibakusha, le bandiere arcobaleno e le "gru" di carta realizzate in origami colorati. Tutto un insieme quasi da festa popolata dai numerosi visitatori che s'intrattengono in sorridenti conversazioni.

Un'immagine di come l'umano voglia vivere, e vivere in pace, e vivere assieme. Anche questo un appello per costruire, dentro le sale in assemblea, decisioni concrete per evitare nel futuro l'olocausto globale.

Mentre, davanti all'ingresso dell'International Center, gli attivisti del  hanno portato in video le loro aspettative di azione concreta.

 

 

 

 

 

Vienna, NPT PrepCom 2012 - Il tavolo dei "Mayors for Peace"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Ed ecco qui sotto un breve clip, illustrante alcuni dei "Side Events" ospitati a fianco delle sale conferenza.

Ulteriori video autoprodotti sono visibili nel sito "Delbia Multimedia" o nel canale Youtube dell'Autore.

Note:

Il sito ufficiale del NPT PrepCom 2012: www.un.org/disarmament/WMD/Nuclear/NPT2015/PrepCom2012/index.html
Il testo del trattato NPT (dal sito UNODA - United Nations Office for Disarmament Affairs): www.un.org/disarmament/WMD/Nuclear/NPT.shtml

Alcune NGO rappresentate:
IPB - International Peace Bureau: www.ipb.org
IPPNW - International Physicians for the Prevention of Nuclear War: www.ippnw.org
ICAN - International Campaign to Abolish Nuclear Weapons: www.icanw.org
WILPF - Women's International League for Peace and Freedom: www.wilpfinternational.org/
INES - International Network of Engineers and Scientists for Global Responsibility: www.inesglobal.com/ines-home.phtml

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)