Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Delle armi nucleari, del loro potere distruttivo, sappiamo quasi tutto. Sappiamo però meno degli enormi interessi economici, industriali e finanziari che stanno dietro alla loro presenza nel territorio degli Stati che ne posseggono.

Don't Bank on the Bomb

Dall'organizzazione PAX l'edizione 2014 del Rapporto sugli Istituti finanziari coinvolti nella filiera delle attività produttive riguardanti i processi di manutenzione e aggiornamento degli arsenali nucleari.
7 novembre 2014
Fonte: IPPNW-Italy

Logo Don't Bank on the Bomb Dall'organizzazione PAX (aderente a ICAN e già nota come IKV Pax Christi) viene divulgato oggi 7 novembre, in una conferenza stampa a Berlino, il Report 2014 Don't Bank on the Bomb.

Delle armi nucleari, del loro potere distruttivo, sappiamo quasi tutto. Sappiamo però meno degli enormi interessi economici, industriali e finanziari che stanno dietro alla loro presenza nel territorio degli Stati che ne posseggono. Questo rapporto annuale - che già alla sua prima edizione di due anni fa ebbe notevole eco tra i media internazionali e che in quella successiva contribuì al ripensamento di diverse istituzioni finanziarie nelle proprie politiche di investimenti - viene riproposto anche quest'anno con i dati aggiornati. 

Il report, noto per la sua completezza e la sua precisione, suddivide la questione in più capitoli, ciascuno dei quali esamina nel dettaglio nomi e attività di aziende e di istituti di credito coinvolti nella filiera delle attività produttive riguardanti i processi di manutenzione e aggiornamento degli arsenali nucleari. E separando gli istituti "virtuosi" dalla black list di quelle banche che investono in modo più o meno significativo in tali attività. 

Qualche cifra: dal 2011 sono stati esaminati 411 istituti, tra banche, compagnie assicurative, fondi pensionistici in 30 Paesi, che investono in modo significativo sull'industria degli armamenti atomici: 254 nel Nord America, 94 in Europa, 47 in Asia, 10 nel Medio Oriente, 5 nella zona del Pacifico e uno nel continente africano.

Nel 2014 sono state elencate 28 aziende coinvolte nella produzione, mantenimento e modernizzazione degli arsenali atomici, localizzate in Francia, Germania, India, Olanda, Regno Unito e USA. E il movimento totale di capitali ammonta alla cifra di 402 miliardi di dollari, di cui 175 miliardi investiti dai 10 maggiori istituti finanziari.

La "Hall of Fame", la lista degli istituti "virtuosi", ne comprende per ora 8 che hanno già adottato politiche di scelta in investimenti "nuclear free" mentre altri 27 stanno arrivando alla stessa decisione ma le cui policy non escludono ancora in modo assoluto un coinvolgimento di operazioni finanziarie verso industrie impegnate nel nucleare.

 

Per tutti gli altri, traggo dal report una riflessione: 

Un disinvestimento (dalle industrie coinvolte - ndt) invia un segnale chiaro: "Non con i miei soldi, non nel mio nome". Un disinvestimento fa capire alle Compagnie che fino a quando vengono associate a programmi riguardanti armi nucleari, saranno considerate sé stesse come illegittime, oltre che un cattivo investimento. 

 

Nel sito Don't Bank on the Bomb (www.dontbankonthebomb.com) è adesso reso pubblico e scaricabile dal web l'intero report e le sue singole sezioni, oltre ad altri link che permettono di conoscere chi investe, chi produce, come attivarsi per proporre alle Compagnie finanziarie standard diversi - etici e morali - per i propri investimenti.

Note: Questo comunicato è stato redatto da IPPNW-Italy in concomitanza con la presentazione ufficiale del Rapporto presso il Convention Center di Berlino.
Il comunicato è visibile nella pagina http://www.ippnw-italy.org/attivita/dontbankonthebomb del proprio sito.

Articoli correlati

  • A un passo dalle 50 ratifiche
    Disarmo
    Una svolta storica si avvicina

    A un passo dalle 50 ratifiche

    Con le ratifiche di oggi di Giamaica e Nauru sono infatti 49 gli Stati che hanno aderito al Trattato di proibizione delle armi nucleari #TPNW: con la prossima ratifica si attiverà il percorso dell'entrata in vigore che si concluderà dopo 90 giorni. E ciò significherà per la prima volta l'esistenza
    23 ottobre 2020
  • Invito ad aderire al Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari
    Disarmo
    Una novità che invita gli attuali governi ad una svolta

    Invito ad aderire al Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari

    Cinquantasei ex presidenti, primi ministri, ministri degli esteri e ministri della difesa di 20 stati membri della NATO, nonché Giappone e Corea del Sud, hanno appena pubblicato una lettera aperta
    21 settembre 2020 - Tim Wright
  • Un'altra nazione ha ratificato oggi il trattato per la proibizione delle armi nucleari
    Editoriale
    A 75 anni dalla bomba di Nahasaki

    Un'altra nazione ha ratificato oggi il trattato per la proibizione delle armi nucleari

    E' la nazione caraibica di Saint Kitts e Nevis. Il suo ministro degli Esteri ha dichiarato: "Il bombardamento di Nagasaki è stato l'apogeo della crudeltà". Il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, non ha toccato il problema ma a suo tempo firmò per il bando delle armi nucleari.
    9 agosto 2020 - Redazione PeaceLink
  • E' tempo di pensare
    Pace
    Un brano musicale in un video

    E' tempo di pensare

    Pubblicato su internet il video che accompagna il brano della cantautrice e attivista per la Pace Agnese Ginocchio dal titolo: "E' tempo di pensare". Il brano è stato composto durante il periodo di quarantena. Nel video, il fotogramma che richiama il libro "Riace. Musica per l'Umanità"
    30 luglio 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)